Il mondo da leggere

Turismo Italia News

Francia, il “faro” di Le Havre: il capolavoro di Auguste Perret è la gigantesca chiesa di Saint Joseph, simbolo del ventesimo secolo [ VIDEO ]

 

Giovanni Bosi, Le Havre / Francia

Qualcuno l’ha definita il faro della fede. Altri il faro della nuova città, quella nata con la rivoluzione urbanistica di Auguste Perret, l’architetto chiamato a ricostruirla letteralmente dopo la distruzione dei bombardamenti inglesi durante la seconda guerra mondiale. Oggi a Le Havre, affacciata sul Canale della Manica, in Normandia, culla dell’Impressionismo, la chiesa di Saint Joseph è il simbolo della città del ventesimo secolo. Vertigine estetica e spirituale, ecco perché.

Per L’Aquila Capitale Italiana della Cultura 2026 recupero dell’identità puntando sulla cultura intesa come volàno per la crescita

 

Propone un modello di valorizzazione del territorio e del patrimonio culturale, artistico e naturale. Mira al recupero dell’identità, puntando sulla cultura intesa come volano per la crescita e come elemento fondante di una comunità. E’ il dossier che a L'Aquila ha portato in dote il titolo di Capitale italiana della Cultura 2026 insieme ad un milione di euro per valorizzare, per il periodo di un anno, i propri caratteri originali e i fattori che ne determinano lo sviluppo culturale, inteso come motore di crescita dell’intera comunità.

Alla scoperta della Biblioteca più antica al mondo: la Capitolare di Verona, custode del famoso Indovinello Veronese

 

La città è spesso citata per i monumenti che raccontano una delle storie d'amore più famose e popolari; per l'Arena romana, palcoscenico di numerose opere e concerti; per i vini, coltivati nei vigneti della Valpolicella. Pochi, però, sanno che tra le grandi bellezze degne di nota della città scaligera c'è anche la più antica biblioteca al mondo ancora in attività: la Biblioteca Capitolare di Verona. Il gioiello millenario, custode del famoso Indovinello Veronese, la più remota testimonianza della lingua volgare italiana, e di numerosi tesori a libro aperto, ha recentemente inaugurato le nuove sale espositive multimediali. E grazie al progetto di ristrutturazione sarà un hub culturale.

Trapani Città Creativa per la Gastronomia Unesco: candidatura condivisa a tutto tondo promossa dal Distretto della Sicilia Occidentale

 

Uno straordinario strumento per valorizzare l’area della Sicilia occidentale, i suoi prodotti, le sue unicità e le professionalità presenti. È ufficialmente iniziato il percorso di candidatura dell’intero territorio della provincia di Trapani al network Unesco delle Città Creative per la Gastronomia. Il Distretto Turistico della Sicilia Occidentale ha promosso incontri di presentazione per la condivisione del progetto di candidatura ai rappresentanti istituzionali, alle associazioni di settore e agli operatori turistici e ha raccolto grande interesse e partecipazione per una candidatura condivisa che accrescerebbe le prospettive dell’intero settore in diversi ambiti non solo enogastronomici ma anche sociali, culturali e di occupazione giovanile.

[ REPORTAGE ] La Normandia degli Impressionisti: un itinerario da Le Havre a Rouen, passando per Etretat, sulle tracce dei maestri più famosi [ VIDEO ]

 

Giovanni Bosi, Le Havre / Francia

E’ un déjà vu quello che vivi quando sei in Normandia. Il rosso fuoco del tramonto, l’azzurro del mare e il celeste striato del cielo sono la tavolozza che ti rimandano inesorabilmente alle opere degli Impressionisti che qui hanno trovato la loro casa naturale, la loro ispirazione, la loro essenza più bella. Così quando guardi le loro onde dipinte, finisci col sentire il fragore del mare che si rovescia sulle scogliere bianche. Nell’anno del centenario dell’Impressionismo, ecco un itinerario da Le Havre a Rouen, passando per Etretat sulle tracce dei maestri più famosi.

Hide Main content block

Ultime novità

 

Giovanni Bosi, Sassoferrato / Marche

Arrivi a Sassoferrato e ti trovi improvvisamente a viaggiare nel tempo. Dagli Antichi Romani al Rinascimento più elegante, dalla difficile vita dei minatori alle tradizioni recuperate e condivise dell’enogastronomia. Questa città dalle origini ancestrali, incuneata nell’Appennino umbro-marchigiano, baluardo dei comuni del network delle Alte Marche, ha sempre qualcosa da farti scoprire. Come avviene con la rievocazione della “Battaglia delle Nazioni”, quando nel 295 a.C. nell’agro sentinate i Romani sconfissero la coalizione formata da Galli, Sanniti, Etruschi e Umbri. Ecco allora cosa succede oggi…

 

Un viaggio alla scoperta dell'anima più folle di questa meravigliosa oasi artistica, nel cuore dei Calanchi di Basilicata. E' la nona stagione di Teatro dei Calanchi, in cartellone dal 2 al 31 agosto 2024. A due passi da Pisticci, terre argillose non sempre ospitali, forme affilate o tondeggianti, i Calanchi si rivelano ai visitatori come oasi silenziosa abitata da forme vitali estremamente resistenti. Simili a grandi elefanti dalla memoria millenaria, i Calanchi raccontano la storia del pianeta Terra e le sue trasformazioni. E diventano anche uno straordinario spazio scenico. L'apertura della stagione teatrale è affidato all’“Elogio della follia”, per la regia e direzione artistica di Daniele Onorati.

 

Un nuovo tracciato percorribile a piedi o in bicicletta con 12 tappe che attraversa l'antica via romana Via Popilia "settentrionale", che partiva dalla colonia di Ariminum (Rimini), passando da Ravenna fino alla città di Adria. La Via Popilia "settentrionale" venne realizzata dal console nel 132 a.C. Publio Popilio Lenate, dal quale prende il nome. In epoca post-antica continuò ad essere utilizzata nell'ambito dell'esarcato bizantino con capitale a Ravenna, e mutò il nome in "via Romea". Ora il percorso è stato mappato dal Gal Delta 2000 grazie al progetto “Cammini”.

 

Non solo è la prima ciclovia completamente segnalata di Francia, ma è anche quella che lungo la Loira, ultimo fiume selvaggio d’Europa e il cui nome evoca scenari fantastici, conduce i visitatori alla scoperta dei magnifici castelli e dei loro giardini rinascimentali. E’ la ciclovia La Loire à Vélo, una vera e propria destinazione di viaggio che attraversa anche le rinomate strade dei vini e gli affascinanti e pittoreschi paesini della regione, fino alla costa atlantica.

 

Emerge la fortissima capacità di attrazione tra gli under35 delle località italiane dell'entroterra dalle anticipazioni del Rapporto sul Turismo Enogastronomico Italiano 2024. La loro propensione al viaggio supera il 95% e la regione più visitata in assoluto è stata la Toscana, mentre il Lazio risulta fanalino di coda tra i più giovani. "Il forte interesse verso la scoperta dei borghi italiani, specialmente tra i giovanissimi è un segnale importante poiché evidenzia l'esistenza di un mercato ad alto potenziale che può essere raggiunto lavorando in sinergia e capitalizzando le progettualità finanziate attraverso il Pnrr", afferma Roberta Garibaldi.

 

Negli ultimi anni è diventato il centro di riferimento mondiale per la diffusione del Siglo de Oro spagnolo, il periodo di massimo splendore artistico, politico-militare, e letterario della Spagna, che va tra il 1492 e il 1681. E’ il Festival Internacional de Teatro Clásico de Almagro, un crocevia di cammini e complicità che nasce nel 1978 e che è poi diventato un protagonista culturale grazie a diverse sensibilità e direzioni artistiche. Ogni anno, a luglio, la città di Almagro diventa per 25 giorni un punto d’incontro per cittadini, artisti e professionisti delle arti, dello spettacolo e della musica.

 

Tutti coloro che hanno trascorso una vacanza nel Salento, il cosiddetto “tacco dello stivale italiano” è sicuramente a conoscenza che si tratta di un territorio davvero eccezionale che offre moltissime opportunità ai turisti, sia per quanto concerne il patrimonio artistico e culturale, sia per quanto riguarda le meraviglie offerte dalla natura. A quest’ultimo proposito si devono per esempio ricordare il laghetto di bauxite di Otranto, le Maldive del Salento, la Grotta della Poesia a Roca Vecchia, la Grotta Zinzulusa, i Faraglioni delle Due Sorelle a Torre dell’Orso e i Laghi di Alimini.

 

Il turismo nel Belpaese ha tantissimo da offrire e nonostante l’aumento dei prezzi considerevole per tutti i settori che si riflette tantissimo sul terziario, gli italiani non vogliono rinunciare alle vacanze. Oltre al mare, che resta in cima alle preferenze, a seconda della fascia d’età viene richiesta una gamma di servizi associati. I più giovani, per esempio, vogliono il divertimento. E dove se non a Rimini?

Il piacere di mangiare

Calabria: per sostenere Dop, Igp, Doc, Docg e Bio arrivano oltre 3 milioni per la promozione dei prodotti di eccellenza

  Più di tre milioni di euro per promuovere le produzioni di eccellenza. Si è chiuso con la pubblicazione della graduatoria definitiva il percorso del bando legato alla Misura 3.2.1 del Psr Calabria, finalizzato al sostegno di attività di informazione e promozione dei marchi Dop, Igp, Doc, Docg e Bio. In particolare, riferimento al 2024, sono state assegnate risorse per un importo complessivo di oltre 3 milioni e 270mila euro, destinate alla promozione di prodotti di qualità, ormai tratti distintivi del comparto agroalimentare calabrese.

A passeggio per Parigi con la Baguette appena sfornata in boulangerie: la testimonial del gusto è anche Patrimonio Unesco

  Giovanni Bosi, Parigi Come fai a resistere alla tentazione di mangiartene una, farcita con qualsiasi ben di Dio, soprattutto se appena sfornata in una boulangerie delle vie parigine? Se la più classica della tradizione parla della Croque, preparata con besciamella con noce moscata, Groviera grattugiato e pancetta croccante, la Baguette è un simbolo della Francia. Tanto da essere il tipo di pane più popolare, apprezzato e consumato durante tutto l'anno. E per questo inserita dall’Unesco nel Patrimonio immateriale dell’umanità.

“Le Margote” di Le Havre è Bib Gourmand: ecco chef Gauthier Teissere, étoile della Guida Michelin 2024

  Giovanni Bosi, Le Havre / Francia Il loro è uno stile di cucina semplice, facilmente riconoscibile e facile da consumare. Un ristorante così lascia anche un senso di soddisfazione, per aver mangiato decisamente bene a un prezzo ragionevole. Sono i Bib Gourmand della Guida Michelin, che nell’edizione 2024 per la Francia ha annoverato il ristorante “Le Margote” di Le Havre dello chef Gauthier Teissere. Siamo andati a trovarlo ed è stato una piacevolissima scoperta.

Chi siamo

TurismoItaliaNews, il web magazine che vi racconta il mondo.

Nasce nel 2010 con l'obiettivo di fornire un'informazione efficace, seria ed obiettiva su tutto ciò che ruota intorno al turismo...

Leggi tutto

Questo sito utilizza cookie, di prima e di terza parte, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la Cookie Privacy...