Il mondo da leggere

Turismo Italia News

La “nave di roccia” della Calabria: ecco Santa Severina e il Castello-fortezza sullo sperone di tufo nero

Giovanni Bosi, Santa Severina / Calabria

Dicono che Santa Severina assomigli ad una nave di pietra, sensazione resa realistica quando la nebbia avvolge la valle del fiume Neto facendo emergere lo sperone di tufo sul quale è adagiato il paese. Così la curiosità di raggiungere questo borgo annoverato tra i più belli d’Italia è fortissima. Anche perché qui da vedere c’è il possente castello normanno fatto costruire mille anni fa dal re Roberto il Guiscardo. Siamo in Calabria, a metà strada tra il mar Jonio e i monti della Sila.

A Zante, Grecia, per scoprire il meraviglioso parco marino dove si riproducono le tartarughe marine Caretta caretta

Giovanni Bosi, Zante / Grecia

Non poteva che essere questo angolo di Mediterraneo uno dei luoghi prediletti dalle tartarughe marine Caretta caretta per deporre le loro uova, perpetuando il ciclo della vita di questa amatissima specie tra le più rare e purtroppo a rischio estenzione. Nell’area protetta del golfo di Laganas, dove si affacciano spiagge meravigliose e affiorano gli isolotti di Marathonisi e Pelouzo, sulla costa meridionale di Zante, questi veri e propri personaggi marini compiono il rito della riproduzione. Siamo andati a vedere.

Abbazie e monasteri del Belgio: tour fra spiritualità, birra e formaggi a Chevetogne, Postel, Zevenkerken, Maredsous e Westmalle

Angelo Benedetti

Luoghi di preghiera, di riflessione, di rifugio interiore. Ma anche elementi peculiari dei propri territori, da vedere e da approfondire. In Belgio abbazia e monasteri sono presenze diffuse e al di là del loro significato spirituale, raccontano storie e costituiscono presidi sui territori, modelli di architettura e scrigni di opere d’arte. Chevetogne, Postel, Zevenkerken, Maredsous e Westmalle ne sono alcuni esempi. Luoghi a cui si lega – almeno nei nomi - la produzione di apprezzatissime birre e formaggi.

La meraviglia dello Stupa Bauddhanath: è a Kathmandu, in Nepal, il luogo buddhista dal valore universale

Giovanni Bosi, Kathmandu / Nepal

Tutt’intorno brulica di persone desiderose di compiere riti ancestrali. O anche più semplicemente di perdersi in una riflessione interiore, incuranti di tutto ciò che accade intorno. Ma comunque ben più di un semplice adempimento quotidiano. Si potrebbe dire che è questa la prima osservazione che ti viene in mente quando ti trovi per la prima volta al cospetto dell’imponente Stupa di Boudhanath. Poi però ti rendi anche conto di quanto un luogo di preghiera buddhista come questo possa avere tanti significati simbolici. Siamo a pochi chilometri da Kathmandu, in Nepal.

Turchia, a Patara i lavori per riportare il sito al suo splendore: ad agosto centomila visitatori l’hanno vista

Un luogo di grandissimo valore storico e archeologico che nel solo mese di agosto 2020 è stato visitato da ben centomila persone nonostante le preoccupazioni per il Covid-19. Il capo del team di scavo, il professor Havva Işkan Işık, ha evidenziato come Patara, la capitale dell'antica Unione Licia, abbia rappresentato una delle città portuali più importanti della storia tanto che anche Erdoğan ha designato il 2020 l'Anno di Patara. E qui sono in pieno svolgimento gli sforzi per riportare al suo antico splendore il sito nella provincia di Antalya..

Hide Main content block

Ultime novità

Qui è ancora possibile vivere la sensazione del Grand Tour rinnovando il piacere del viaggio attraverso la storia e le tradizioni. Il Cilento, con il suo patrimonio archeologico, il clima mite anche in autunno e inverno e le sue tradizioni enogastronomiche, ancora oggi offre quelle suggestioni ed emozioni che l’hanno reso famoso nel mondo, e con i suoi parchi e i suoi borghi è stato inserito dal 1998 nella World Heritage List dell'Unesco. E per amarlo ancora di più, arriva un invito da un ospite d’eccezione, Angelo Granito Pignatelli, Principe di Belmonte, che ha fatto di Palazzo Belmonte e Villa Sirena due eccellenze dell’ospitalità cilentana.

Perchè pensare che l'arte sia solo fra le 4 mura di una galleria quando Lisbona è un museo a cielo aperto? La capitale portoghese è stata scelta da molti artisti portoghesi e internazionali come tela su cui esprimere la loro voce. Ecco allora un nuovo percorso da seguire.

I sindaci riuniti in assemblea ad Orvieto e online da tutto il mondo, annunciano: "Facciamo di Cittaslow il motore del tempo nuovo". Se nulla sarà come prima nel dopo-Covid, le 269 Cittaslow mondiali propongono da 31 Paesi una nuova normalità "slow", sostenibile e in alleanza con le future generazioni.

Protagonista dell’inverno: la stella alpina altoatesina. Le sue preziose proprietà si ritrovano nei trattamenti della MySpa, ma anche nei prodotti della linea cosmetica di Terme Merano, per prendersi cura della pelle anche a casa. C’è allora un motivo in più per dedicarsi un’immersione nel benessere firmato Terme Merano, che ripropongono le Special Nights: ancora più esclusive se vissute nell’intimità delle splendide Pool Suite per una serata davvero indimenticabile in coppia o tra amiche.

Una serie di iniziative per ridurre code agli impianti e alle casse. Si parte con l'incentivo per l'acquisto degli skipass online: fino al 10% di sconto. E chi comprerà gli abbonamenti stagionali o plurigiornalieri avrà la garanzia di rimborso. Allo studio anche un'app per gestire le code. Ecco la proposta del Consorzio Skirama che riunisce 8 skiaree trentine.

Giovanni Bosi, Isernia / Molise

Un viaggio indietro nel tempo di ben 600.000 anni fa. Dove? Ad Isernia: qui entrare nel Museo nazionale del Paleolitico è come ritrovarsi nello stesso luogo dove hanno vissuto gruppi di Homo heidelbergensis, l'ominide estinto nostro lontano parente. Una formidabile stargate da attraversare assolutamente.

Ha vinto il primo premio come miglior progetto Interreg d'Europa del 2020: è il percorso proposto da Italia e Slovenia "Walk of Peace - Lo sviluppo sostenibile del patrimonio della Prima Guerra Mondiale tra le Alpi e l'Adriatico", di cui PromoTurismoFvg è tra i partner. E' il proseguo di "Pot Miru" (Sentiero della Pace) e mira a costruire un lungo percorso a piedi che unisca tutti i luoghi più importanti e significativi della Grande Guerra sul fronte isontino.

Giovanni Bosi, Arcevia / Marche

Terra dei castelli, perla dei monti e pure custode di una tradizione agricola che la rende unica e speciale. Arcevia, nel network dei borghi delle Alte Marche, accanto ai tesori artistici firmati da Luca Signorelli e Della Robbia può vantare un Ecotipo autoctono di granturco: il mays ottofile di Roccacontrada, la cui coltivazione ha potuto riprendere grazie all’impegno di una famiglia di Magnadorsa, dove la farina viene macinata a pietra per esaltarne le caratteristiche organolettiche.

Il piacere di mangiare

La cucina gradese, sapori antichi e unici: i piatti tipici raccontano in maniera gustosa la sua tradizione gastronomica

Qualunque momento dell’anno è propizio per arrivare sull’Isola e scegliere un buon piatto espressione della tradizione della laguna. A Grado la gastronomia è una componente fondamentale dell’offerta turistica, perché è la genuinità del luogo che rende questa destinazione friulana amata e ricercata. Ecco allora un viaggio fra sapori, piatti tipici, prelibati prodotti e ortaggi che raccontano, in maniera gustosa, la sua tradizione gastronomica.

Basilicata, la storia detta le regole della qualità: Olio Lucano Igp nel Registro europeo delle denominazioni di origine protette

Angelo Benedetti, Matera / Basilicata Qui l'olivo ha origini antichissime. Lo racconta l'archeologia, che ha consentito il recupero di pezzi di legno, olive, foglie e noccioli, risalenti al VI secolo a.C., a Pantanello di Metaponto durante alcuni scavi curati dall'Università di Austin, Texas. Giocoforza anche il gusto ha un suo ruolo nella storia di questa grande regione, la Basilicata. Ecco perché a buon diritto oggi la denominazione Olio Lucano Igp può essere iscritta nel Registro europeo delle denominazioni di origine protette e delle Indicazioni Geografiche Protette.

Sull’isola del vino anche il gusto parla del dio Bacco: le (salsicce) Loukaniko Pitsilias di Cipro diventano Igp

Giovanni Bosi, Cipro In un’isola mediterranea come Cipro non potrebbe essere diversamente. L’archeologia conferma l’antichissima attitudine a produrre vino e per la tipicissima Commandaria le origini si perdono nei tempi, già al tempo degli antichi greci. Ma anche nell’arte culinaria il vino ha un suo ruolo: come nel caso nella salsicce Loukaniko Pitsilias che ora diventano Igp per raccontare non solo una storia del gusto, ma anche una tradizione.

Chi siamo

TurismoItaliaNews, il web magazine che vi racconta il mondo.

Nasce nel 2010 con l'obiettivo di fornire un'informazione efficace, seria ed obiettiva su tutto ciò che ruota intorno al turismo...

Leggi tutto

Questo sito utilizza cookie, di prima e di terza parte, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la Cookie Privacy...