Caravaggio e il suo tempo: al Castello di Miradolo in mostra 43 opere, alcune delle quali inedite e mai esposte in Italia

Stampa
news   trenitalia   febbraio   marzo   Dinosaur Provincial Park   tradizioni   sviluppo   Natale   Molise   east   Malesia   fieracavalli   Thanksgiving   feste   Nyc  

Un nuovo progetto espositivo, frutto della collaborazione tra la Fondazione Cosso, Vittorio Sgarbi e Antonio D'Amico, porta nelle sale del Castello di Miradolo, in Piemonte, la Maddalena penitente di Caravaggio, un capolavoro proveniente dalla Galleria Doria Pamphilj di Roma, esposta per la prima volta in Piemonte. Il dipinto, cuore della mostra, rappresenta un'opera cardine dell'attività romana del Maestro: in esso appare la forza del pentimento.

(TurismoItaliaNews) La Fondazione Cosso fino al 10 aprile 2016 presenta 43 opere, alcune delle quali inedite e mai esposte in Italia, che documentano il tempo di Caravaggio; da qui il titolo della mostra, ideata e curata da Vittorio Sgarbi insieme ad Antonio D’Amico. Il percorso vede nella Maddalena penitente della Galleria Doria Pamphilj di Roma, dipinta da Caravaggio intorno al 1597, l’assoluto capolavoro del maestro lombardo che costituisce il cuore nevralgico della mostra. Quest’opera, così come tutte quelle dipinte dal Merisi, genera “una grande febbre che attraversa le menti e i corpi di tutti i pittori moderni tra la fine del Cinquecento, quando ancora il maestro lombardo è fuggiasco da Roma e cerca protezione tra Napoli, la Sicilia e Malta, e gli anni trenta del Seicento.

 

Il Castello di Miradolo

Anche in occasione della mostra “Caravaggio e il suo tempo” il visitatore può scoprire il parco che circonda il Castello di Miradolo, regalandosi una passeggiata nella natura rigogliosa del giardino ottocentesco, che sa emozionare con scorci senza tempo. Il parco, di gusto informale, è un sito di grande interesse botanico e ospita un patrimonio arboreo di oltre 1740 alberi. Tra gli esemplari più antichi ricordiamo il Tassodio, il Ginkgo Biloba, la Sequoia, il Liriodendro e un bosco di Bambù giganti. Le sue radure sono impreziosite da arbusti e piante fiorite, rose antiche, ortensie e camelie. che creano suggestive macchie di colore. Dal 2014 il parco del Castello di Miradolo fa parte del circuito dei Grandi Giardini Italiani. Il parco accoglie inoltre i concerti curati dal progetto musicale Avant-dernière pensée, attività didattiche e laboratori dedicati alle famiglie. Elegante location per servizi fotografici, può ospitare esclusivi catering e la sua incantevole Serra neogotica è attrezzata per convegni, presentazioni e spettacoli.

Si possono dunque vedere capolavori di Artemisia Gentileschi, Battistello Caracciolo, Cecco del Caravaggio, Mario Minniti, Jusepe de Ribera, Gioacchino Assereto, Rutilio Manetti, Matthias Stomer, Giuseppe Vermiglio, Pacecco De Rosa, Biagio Manzoni, Gregorio e Mattia Preti.

 

“Questi e tanti altri sono i caravaggeschi che popolano questa mostra, consentendo un racconto del tempo di Caravaggio di assoluta originalità. Sono personalità autonome – continua Sgarbi –, con un denominatore comune, rinunciare alla pittura ideale per guardare la realtà, vederla così com’è, rappresentarla fotograficamente. Ognuno di loro ha un’evidenza così meravigliosamente lenticolare e plastica, in quanto non vogliono tradire il reale ma fotografarlo. Questa caratteristica è insita in tutti gli artisti caravaggeschi, in un percorso entusiasmante che ha il suo capofila assoluto e incontrastato in Caravaggio e nella Maddalena penitente Doria Pamphilj”.

 

Due gli enigmi di grande interesse che la mostra propone intorno all’esecuzione di opere ritenute non del tutto autografe di Caravaggio: si può vedere la versione del San Francesco che riceve le stimmate proveniente dalla parrocchia di Santa Maria Assunta di Fagagna e custodito dal 1912 presso i Civici Musei di Udine. L’opera ha un antico legame con la città di Pinerolo: all’inizio del Seicento è menzionata nel testamento di Ruggero Tritonio, abate della ricchissima abbazia benedettina di Santa Maria di Pinerolo. Il Tritonio riceve in dono la tela dal banchiere genovese Ottavio Costa che verosimilmente la fa dipingere dall’originale caravaggesco di sua proprietà, oggi ad Hartford. San Francesco in meditazione è l’altro suggestivo enigma caravaggesco. Si tratta di una tela mai esposta prima d’ora in Italia e proviene da una collezione privata maltese. È “una terza e quasi del tutto inedita versione che si conosce: quella eseguita da Caravaggio per Carpineto Romano e l’altra per la chiesa dei Cappuccini a Roma. Sembra essere stata dipinta in un tempo non molto lontano dalla permanenza di Caravaggio sull’isola maltese e sembrerebbe persino più bella delle altre due”, scrive Vittorio Sgarbi, il quale si chiede se “sia stata dipinta da Caravaggio e altre due siano copie?”.

La ricerca che la Fondazione Cosso ha sempre sviluppato nelle sue mostre, ha portato a effettuare indagini diagnostiche su un dipinto che raramente è stato esposto a livello internazionale, San Giovanni Battista al fonte di Cecco del Caravaggio, custodito presso la collezione di Pier Luigi Pizzi a Venezia. Il giovane pittore, oltre a vivere con il Merisi a Roma e a fargli da garzone, si presta anche come modello per le sue opere ed è dunque uno dei pochissimi artisti che conoscono la tecnica adoperata da Caravaggio. Gli esami sul quadro hanno così messo in luce che Cecco dipingeva allo stesso modo di Caravaggio, utilizzando una pittura “a risparmio”, non delineando le figure col colore ma lasciando emergere la preparazione scura del fondo.

 

Orari: giovedì e venerdì 14/18; sabato, domenica e lunedì 10/18.30; chiuso il martedì e il mercoledì. Per gruppi e scuole interessati a visite guidate e attività il Castello di Miradolo può aprire ogni giorno, su prenotazione.
Biglietti: intero 10 €, ridotto 8 € (gruppi, convenzionati, studenti fino a 26 anni, over 65); ridotto dai 6 ai 14 anni: 3 €; gratuito: bambini fino a 6 anni, abbonati Musei

Castello di Miradolo, via Cardonata, 2
10060 San Secondo di Pinerolo (To)
Fondazione Cosso
info +39 0121 376545
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Come raggiungerlo

Il Castello di Miradolo si trova a mezz'ora da Torino. Percorrere l'Autostrada del Pinerolese; non uscire a Pinerolo ma proseguire in direzione Sestriere e prendere l'uscita San Secondo di Pinerolo. Seguire le indicazioni per il Castello di Miradolo, che si trova a poche centinaia di metri.

 

turismo italia news
turismoitalianews
TurismoItaliaNews.it
www.facebook.com/turismoitalianews
www.twitter.com/turismoitalianw

Questo sito utilizza cookie, di prima e di terza parte, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la Cookie Privacy...