Svizzera, a Mendrisio presentato il Teatro dell’Architettura, un luogo per la circolazione delle idee firmato Mario Botta

images/stories/svizzera/Mendrisio_TeatroDellArchitettura05_PhEnricoCano.jpg

Sarà un luogo per la circolazione delle idee, un laboratorio di sperimentazione contemporanea in grado di percepire e trasmettere le tendenze culturali del nostro tempo. E’ il Teatro dell’architettura a Mendrisio, la nuova struttura dell’Università della Svizzera italiana ideata al fine di favorire il dibattito culturale nell’ambito dell’architettura e delle arti visive, in stretta relazione con le altre discipline dell’Università e il territorio.

 

(TurismoItaliaNews) Alla cerimonia  di presentazione hanno preso parte il segretario di Stato per la formazione, la ricerca e l’innovazione Mauro dell’Ambrogio, il direttore del Dipartimento dell’educazione, della cultura e dello sport del Canton Ticino Manuele Bertoli, il sindaco della Città di Mendrisio Carlo Croci, il rettore dell’Usi Boas Erez, il direttore dell’Accademia Riccardo Blumer e l’architetto Mario Botta, che ha progettato l’edificio.

 

Il nuovo edificio, presentato oggi alle autorità politiche, alla comunità accademica, alle aziende e alle personalità più vicine al progetto e al mondo dell’architettura, sarà un luogo per la circolazione delle idee, un laboratorio di sperimentazione contemporanea in grado di percepire e trasmettere le tendenze culturali del nostro tempo. Finanziato grazie ad un investimento dell’Usi, sussidi federali e contributi di privati, l’edificio è costato circa 15 milioni di Franchi. La programmazione espositiva sarà frutto della collaborazione tra Usi/Accademia e Fondazione Teatro dell’architettura. Dal mese di marzo lo spazio ospita una serie di eventi finalizzati a collaudare le potenzialità della struttura. Si partirà con un laboratorio didattico sui lavori degli studenti dell’atelier Blumer, promosso dal direttore uscente dell’Accademia Marc Collomb e intitolato “Sette architetture automatiche”, che presenta alcune innovative installazioni interattive. Seguiranno, in primavera, lezioni, dibattiti, proiezioni cinematografiche e altri eventi formativi.

La prima grande mostra accolta dal Teatro sarà aperta al pubblico giovedì 11 ottobre 2018 e avrà per titolo “Louis Kahn e Venezia”. Dedicata ai progetti pensati nel 1969 dall’importante architetto americano per un centro congressi a Venezia, la mostra presenta lavori che hanno profondamente influenzato il dibattito architettonico europeo dell’epoca.

Foto Usi - Enrico Cano

Chi siamo

TurismoItaliaNews, il web magazine che vi racconta il mondo.

Nasce nel 2010 con l'obiettivo di fornire un'informazione efficace, seria ed obiettiva su tutto ciò che ruota intorno al turismo...

Leggi tutto

Questo sito utilizza cookie, di prima e di terza parte, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la Cookie Privacy...