Santa Caterina d’Alessandria, l'inestimabile tesoro d'arte romanica della Puglia

Uno scrigno d’arte di valore inestimabile e non solo per la preziosità dei dipinti che conserva. Ma anche e soprattutto per il valore documentario, per le storie che racconta e per i diversi stili che accomuna: dall’arte romanica alla tradizione della scuola umbro-marchigiana. Custodi gelosi della basilica di Santa Caterina d’Alessandria sono i Frati minori francescani, in un ponte ben più che ideale con la basilica di Assisi.

 

(TurismoItaliaNews) La ricca decorazione del portale è già un’anticipazione di quanto ci si appresta a vedere all’interno una volta varcato l’ingresso. In una giornata di sole – più che scontata nel Salento – l’abilità di chi le ha scolpite secoli indietro, fa sembrare la facciata un complesso ricamo fatto all’uncinetto tanto è micrometrico: tre cuspidi sottolineate da archetti ciechi trilobati, il portale maggiore con il protiro sorretto da due colonne che poggiano su leoni stilofori e sull'architrave un bassorilievo raffigurante Cristo tra gli Apostoli. E poi la decorazione delle tre fasce concentriche del portale e del rosone, finemente intagliato a raggiera.

Qualità che fanno della Basilica di Santa Caterina uno dei più insigni monumenti dell’arte romanica in Puglia, realizzata tra il 1383 e il 1391 per volontà di Raimondello Orsini del Balzo e completata nel Quattrocentro dopo la sua morte. La storia lega questo luogo e soprattutto la fondazione dell’edificio sacro, al Monte Sinai e all’antico monastero cristiano dedicato proprio a Santa Caterina d'Alessandria, alle pendici del monte Horeb, dove secondo la tradizione, Mosè avrebbe parlato con Dio ricevendo i dieci comandamenti. Monastero considerato tra l’altro un luogo sacro dalle tre religioni monoteiste: Cristianesimo, Ebraismo ed Islam.

 

Raimondello Orsini del Balzo, in uno dei suoi numerosi viaggi, arrivò al monastero per rendere omaggio al corpo di Caterina e secondo la leggenda baciò la mano della santa strappandole il dito con i denti. Tornato in Italia portò con sé la reliquia che, incastonata in un reliquiario d'argento, si conserva ancora oggi nel tesoro della chiesa a lei dedicata.

L'interno è diviso in cinque navate con capitelli a soggetto floreale e con figure umane e animali rara bellezza, ma a dominare la scena è la decorazione pittorica. Lungo le pareti della prima campata e sulla controfacciata sono affrescate scene dell'Apocalisse, che costituiscono il ciclo più vasto di tutta la chiesa. Si ammirano poi, nelle altre campate, le Storie della Genesi, i Sette Sacramenti, le Gerarchie Angeliche e le Storie della vita di Cristo, mentre a Santa Caterina d'Alessandria e alla sua vita è dedicato, sulle pareti del presbiterio, un ciclo di diciassette affreschi; nella volta sono proposti gli Evangelisti e i Dottori della Chiesa. La particolarità delle pitture sta nell’amalgama di stili ed impostazioni che rimandano a quella bizantina, alla scuola umbro-marchigiana particolarmente cara ai francescani sino al gotico cortese.

 

Nel coro è scenograficamente posizionato il cenotafio di Giovanni Antonio Orsini del Balzo, mentre quello di Raimondello è ubicato sul lato sinistro dell’altare maggiore, nel presbiterio. Sia il ciclo pittorico della navata centrale che le storie della Vergine nella navata destra furono commissionati da Maria d'Enghien e pertanto sono databili tra il 1416 e il 1443, anno di morte della principessa. Esternamente alla chiesa c’è il chiostro quadrangolare, completamente ricostruito tra il XVI e il XVII secolo, ugualmente affrescato.

Anche il chiostro annesso allla chiesa di Santa Caterina d'Alessandria presenta affeschi di grande interesse artistico

 

Un viaggio straordinario nei luoghi più belli della Puglia: Alberobello, Castellana Grotte, Castro, Galatina, Nardò e Melendugno

 

Portu Lignu e i faraglioni di Sant’Andrea, il patrimonio del Salento che il mondo intero ci invidia

 

Galatina: la taranta, le tarantate e l’acqua del pozzo che libera dall’inquietudine e dall’isterismo

 

Santa Caterina d’Alessandria, l'inestimabile tesoro d'arte romanica della Puglia

 

Dolci tradizioni, il Pasticciotto è il “monumento nazionale” del Salento: pasta frolla farcita di crema pasticcera

 

Alberobello: fra i trulli patrimonio dell’Umanità un’esperienza indimenticabile

 

Ad Alberobello fra Negroamaro e Primitivo c’è la storia della Cantina Albea

 

Puglia incognita: la terra dei Messapi fra storia, natura, eccellenze enogastronomiche di un territorio da valorizzare

 

 

turismo italia news
turismoitalianews
TurismoItaliaNews.it
www.facebook.com/turismoitalianews
www.twitter.com/turismoitalianw

 

Chi siamo

TurismoItaliaNews, il web magazine che vi racconta il mondo.

Nasce nel 2010 con l'obiettivo di fornire un'informazione efficace, seria ed obiettiva su tutto ciò che ruota intorno al turismo...

Leggi tutto

Questo sito utilizza cookie, di prima e di terza parte, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la Cookie Privacy...