Madrid, al Museo del Prado la grande antologica su Guido Reni: oltre 90 dipinti da 40 istituzioni culturali di tutto il mondo

images/stories/varie_2023/GuidoReni_Atalanta_e_Ippomene_MuseoDelPrado_UffStampaMariaBonmassar.jpg

 

Una visione completa del percorso artistico del grande artista bolognese grazie ad oltre 90 opere provenienti da grandi musei internazionali. E’ la mostra che a Madrid il Museo del Prado presenta dal 29 marzo al 9 luglio. L'Italia, con 22 dipinti, è il Paese da cui proviene il maggior numero di opere, due delle quali prestate dalle Gallerie Nazionali di Arte Antica di Roma: Salomè con la testa del Battista e la Maddalena penitente.

 

(TurismoItaliaNews) La mostra regalerà l'opportunità di approfondire la conoscenza di Guido Reni e di analizzare l'attualità della sua eredità, nonché la percezione delle sue idee sulla bellezza e sulla rappresentazione del corpo umano nel terzo decennio del XXI secolo. Il Museo del Prado prosegue così la sua indagine sulle opere della pittura italiana, uno dei suoi fondi principali, e quest'anno ribadirà il suo rapporto privilegiato con il Bel Paese attraverso prestiti di opere di Goya, El Greco, Raffaello, Dosso Dossi e Alonso Berruguete per le mostre in programma a Roma, Napoli e Milano. La mostra di Madrid sarà accompagnata a metà giugno da un grande congresso internazionale che riunirà i più prestigiosi esperti del pittore.

Madrid, al Museo del Prado la grande antologica su Guido Reni: oltre 90 dipinti da 40 istituzioni culturali di tutto il mondo

Attraverso gli oltre 90 dipinti esposti, provenienti da 40 istituzioni culturali di tutto il mondo, il Prado intende far luce sul decisivo contributo del pittore bolognese alla configurazione dell'universo estetico del barocco europeo. E lo farà sulla scorta dei contributi storiografici più recenti, e prestando particolare attenzione ai suoi legami con la Spagna, riscontrabili sia nelle collezioni della Corona e in quelle dell'aristocrazia, sia nell'influsso dei suoi modelli iconografici su artisti fondamentali del Siglo de Oro spagnolo.
I visitatori della mostra avranno l'opportunità di contemplare importanti lavori dell'artista che poche volte si sono visti fuori dalle loro ubicazioni abituali, come l'imponente Trionfo di Giobbe, proveniente dalla cattedrale di Nôtre-Dame di Parigi, la Circoncisione della chiesa di San Martino di Siena o La caduta dei Giganti dei Musei Civici di Pesaro (Palazzo Mosca), assieme a molte delle sue opere più famose, come l'Immacolata Concezione del Metropolitan Museum of Art di New York, che tanto influì su pittori spagnoli come Murillo; la Cleopatra della Royal Collection di Londra, L'unione del disegno e del colore del Museo del Louvre di Parigi, la Predica di san Giovanni Battista, di proprietà delle Madri agostiniane di Salamanca, il cui restauro ha consentito di confermarne la qualità e l'autore; l'inedito e assai rilevante Bacco e Arianna, proveniente da una collezione privata svizzera, oltre ai già citati Salomè con la testa del Battista e Maddalena penitente delle Gallerie Nazionale di Arte Antica di Roma (Galleria Corsini).

A questi e altri capolavori si uniranno le opere di proprietà del Museo del Prado, molte delle quali restaurate per l'occasione (a volte con risultati sorprendenti, come nel caso del San Sebastiano); da sottolineare, inoltre, la presenza di Ippomene e Atalanta, che per la prima volta potrà essere ammirato assieme alla versione di Capodimonte. L'ampia selezione dell'opera di Reni dialogherà all'interno della mostra con dipinti e sculture di altri artisti, al fine di evidenziare i principali influssi ricevuti dal maestro nella formazione della sua personalità artistica e quelli che egli esercitò su altri protagonisti del suo tempo, con particolare riferimento ad alcuni artisti fondamentali della Spagna del Siglo de Oro. Una notevole selezione di disegni del Maestro consentirà inoltre di apprezzare la ricchezza e la bellezza del suo processo creativo.

Guido Reni (1575-1642) portò l'arte pittorica di Bologna a un livello di perfezione mai raggiunto in precedenza. Figlio di un musico, personalità virtuosa e riservata, già nell'adolescenza s'incamminò verso la formazione come pittore. Guidato dagli stessi principî difesi dai Carracci, Reni ricevette l'appellativo di «divino» per il suo talento nella rappresentazione del sovrannaturale. Egli non considerò mai questa sua capacità un dono innato, bensì il risultato del suo immane sforzo nella ricerca della bellezza, in cui il disegno e il colore si univano in armoniosa simbiosi. Dalla Bologna natale la fama di Guido sarebbe giunta a Roma e di lì al resto d'Italia e a buona parte d'Europa. Anche la Spagna fu partecipe della sua gloria, poiché molte sue opere importanti entrarono a far parte di diverse collezioni, mentre il Maestro assurgeva a modello per gli artisti ispani.

Per saperne di più

Chi siamo

TurismoItaliaNews, il web magazine che vi racconta il mondo.

Nasce nel 2010 con l'obiettivo di fornire un'informazione efficace, seria ed obiettiva su tutto ciò che ruota intorno al turismo...

Leggi tutto

Questo sito utilizza cookie, di prima e di terza parte, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la Cookie Privacy...