Ospitalità Diffusa, soggiornare low cost nelle tipiche case del Ragusano e nello splendido mare di Sampieri, Donnalucata, Marina di Ragusa e Marina di Modica

In Sicilia l’Ospitalità Diffusa del sud Ragusano si prepara alla nuova stagione ampliando la sua offerta con nuove case che arricchiscono ancora di più il concetto divulgato dall’ospitalità diffusa e cioè quello di far vivere agli ospiti viaggiatori un’esperienza autentica e non convenzionale, che coinvolga a pieno chi la condivide, immergendolo nella vera essenza del vivere siciliano.

 

(TurismoItaliaNews) L’Ospitalità Diffusa in provincia di Ragusa in estate indossa l’abito delle vacanze e si sposta sulla spiaggia. Affiancano, infatti, Scicli, Modica e Ragusa “Ospitalità Diffusa”, le bellissime mete turistiche di  Sampieri e Donnalucata “Ospitalità Diffusa”. Un ventaglio di offerte che abbraccia così quasi quaranta chilometri di costa, da Marina di Ragusa a Pozzallo. La costa più a sud d’Europa, isole escluse, con ben 3 Bandiere blu che ne fanno del mare ibleo il mare più pulito della Sicilia.

Una veduta di Donnalucata

Marina di Ragusa è la meta marinara preferita dai ragusani per le proprie vacanze. Di antichissima origine, è già conosciuta ai tempi del generale bizantino Belisario e il suo nome fino al 1928 era Mazzarelli, italianizzazione del toponimo arabo “Marsa A'Rillah”, significante “piccolo approdo”. Monumento principale è la Torre Cabrera, edificata nel XVI secolo a guardia del porto vecchio chiamato anche Scalo Trapanese perché lì vi giungevano le navi da Trapani che costeggiavano tutta la Sicilia e poi ripartivano per la vicina Malta. Oggi Marina di Ragusa è il più grande centro turistico della provincia iblea con le sue grandi spiagge di fine sabbia dorata dotate di numerosi stabilimenti che da ristoranti e bar il giorno si trasformano in poli di divertimento notturno nelle ore serali. Scicli è il comune ibleo che possiede più chilometri di costa, oltre venti di cui diciotto di spiaggia finissima e dorata che degrada in un mare cristallino e ben quattro borgate marinare. Da ovest a est: Playa Grande, Donnalucata, Cava d’Aliga e Sampieri. Playa Grande confina ad ovest con la Riserva Wwf della Macchia Foresta del Fiume Irminio, un’area naturale a ridosso del mare che conserva intatte flora e fauna mediterranee.

 

Donnalucata è la più antica e grande delle borgate, derivando il suo nome dall’arabo “Ayn-Al-Awqat”, che significa “fonte delle ore” in quanto una sorgente di acqua dolce (probabilmente le moderne “Ugghie”) sgorgava sulla spiaggia, grazie al gioco delle maree, cinque volte, proprio come le preghiere musulmane. Da vedere a Donnalucata il Santuario della Madonna delle Milizie e Palazzo Mormino. Cala piccola ma suggestiva è Cava d’Aliga, luogo preferito dagli sciclitani per le loro vacanze: vivace il giorno, placido e tranquillo la sera. Da Cava d’Aliga si arriva a Sampieri attraverso la litoranea, costeggiando l’unico tratto di costa roccioso, le meravigliose Punta Corvo e Costa di Carro, ricche di grotte e insenature, ideali per sostare con la barca e godersi dei tuffi come ha fatto più volte in queste località il Commissario Montalbano. Splendido è il piccolo borgo marinaro ottocentesco di Sampieri da cui si snoda una splendida spiaggia a mezzaluna, definita da alte dune naturali e una pineta, che culmina a Punta Pisciotto dove si erge la sagoma della Fornace Penna, fabbrica di laterizi costruita nel 1912 e in disuso dal 1924 quando fu incendiata. Esempio mirabile di archeologia industriale fra i più importanti in Italia è una vera e propria “cattedrale del mare”.

Scicli si fa apprezzare per i suoi straordinari scorci

Sampieri è metà di illustri visitatori come, in passato, Guttuso, Pasolini e Carlo Levi e, oggigiorno, Guccione, Sgarbi e, soprattutto Giorgio Armani e Roberto Benigni che ha definito Sampieri “un angolo di paradiso”. Capitale della movida estiva sciclitana, è location del film tv il Commissario Montalbano (soprattutto la Fornace Penna che è divenuta La Mannara) come Donnalucata (il lungomare di Marinella) e Cava d’Aliga. Dopo Sampieri, si arriva a Pozzallo, unico comune marinaro della provincia di Ragusa. Bandiera blu dal 2002 al 2012 per la pulizia delle acque del suo mare, Pozzallo è fra i principali porti siciliani dal XIV secolo quando la famiglia dei Chiaramonte, Conti di Modica, costruì qui un Caricatore, un complesso di magazzini proprio sulla costa, e di pontili e scivoli per l'imbarco di merce sui velieri.

 

Con il Caricatore Pozzallo diventa uno degli scali più attivi dell'isola, per la sua importanza fu considerato il secondo Caricatore della Sicilia. A sua difesa, agli inizi del XV secolo, fu costruita la Torre di Cabrera, molto imponente e di grande importanza militare per l'avvistamento preventivo dei velieri pirata che minacciavano i magazzini del Caricatore, sempre colmi del grano  della Contea di Modica, il quale da Pozzallo raggiungeva i più lontani porti del mediterraneo. Nella torre prestavano servizio soldati e artiglieri e sulle sue terrazze vi erano piazzati cannoni di diverso calibro mentre i cavalleggeri sorvegliavano la costa. Da lì in poi Pozzallo sarà sempre porto di primaria importanza per le varie merci prodotte nella provincia di Ragusa e odierno punto privilegiato per raggiungere Malta in aliscafo, dove si arriva dopo solamente un’ora e mezza di traversata.

I colori della città di Ragusa

Pozzallo possiede meravigliose spiagge e da lì si possono raggiungere facilmente le splendide località di Santa Maria del Focallo, Punta Ciriga con i suoi caratteristici faraglioni, Porto Ulisse e l’Isola dei Porri, ormai Riserva Integrale insieme alla forestale presente sul litorale e ai pantani  che da Sampieri proseguono fino a Marina di Marza. L’Isola dei Porri è apprezzata meta di escursioni subacquee.

 

Sono online i vari portali di OspitalitaDiffusa.it – Scicli, Ragusa, Donnalucata, Sampieri - che offrono soluzioni per soggiornare low cost nelle suggestive location dove sono ambientate tra l’altro le storie del commissario più famoso di Sicilia, nato dalla penna di Andrea Camilleri. Ricchi e pratici siti web dove scegliere dove dormire, cosa vedere, dove mangiare e dove fare shopping nel cuore della Sicilia più autentica. L’ospitalità diffusa è la formula di vacanza sostenibile che amplia e completa l’esperienza dell’Albergo diffuso ed è la proposta che Scicli e le altre città del ragusano offrono ai propri ospiti. Un sistema di strutture che accontenta tutti i gusti: poter soggiornare nel centro storico, vicino al mare o in aperta campagna, degustando le prelibatezze del posto o ammirando le bellezze artistiche che hanno reso queste città Patrimonio dell’Umanità Unesco.

Scicli Ospitalità Diffusa lancia un modo nuovo di vivere un’esperienza completa di Ospitalità Diffusa: lo Scicli Pass. Una maniera diversa di turismo sostenibile in grado di coinvolgere operatori e cose della città, energie rinnovabili di tutto quello che già esiste, capaci di generare nuova economia e sviluppo. Lo Scicli Pass comprende tutto quello di cui una vera vacanza necessità: dalla casa, alla colazione, alla cena, alle visite guidate per scoprire vie e monumenti della città fino a un massaggio rilassante in un centro benessere, il tutto immersi in un’atmosfera unica di una città patrimonio dell’Unesco, cantata da Elio Vittorini come “la più bella città del mondo”, divenuta la Vigata cinematografica del Commissario Montalbano e il cui “Cristo da Corsa” viene esaltato e cantato da Vinicio Capossela, cantautore capace di capire l’essenza di Scicli, una città all’incontrario, costruita non su un’altura ma su tre valloni, con una Madonna guerriera a cavallo e con la spada sguainata, un Cristo “in gonnella” e, appunto, il Cristo Risorto che tanto ha colpito il cantautore di origine irpina.

 

Scicli Ospitalità Diffusa e il suo Scicli Pass promettono di far vivere l’essenza della vera sicilianità, sapranno cambiare l’angolazione delle cose coinvolgendovi in un’esperienza sensoriale a 360 gradi capace di toccarvi il cuore e l’anima, regalando un pezzo di Sicilia indimenticabile. E Scicli Ospitalità Diffusa è anche partner della Libreria Diffusa, itinerari delle parole che coinvolgono biblioteca, librerie, gallerie d’arte, archivi storici e movimenti culturali della città e di Sem, acronimo di Spazi Espressivi Monumentali, un modello di turismo sostenibile che promuove l’utilizzo integrato dei monumenti e dei percorsi cittadini.

Per saperne di più
Sampieri (frazione di Scicli)
tel. 338-1122550
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Donnalucata (frazione di Scicli)
tel. 348-2416482
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Marina di Ragusa
tel. 335-5372142
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Marina di Modica
tel. 328-8466346
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

www.siciliaospitalitadiffusa.it

 

turismo italia news
turismoitalianews
TurismoItaliaNews.it
www.facebook.com/turismoitalianews
www.twitter.com/turismoitalianw

Chi siamo

TurismoItaliaNews, il web magazine che vi racconta il mondo.

Nasce nel 2010 con l'obiettivo di fornire un'informazione efficace, seria ed obiettiva su tutto ciò che ruota intorno al turismo...

Leggi tutto

Questo sito utilizza cookie, di prima e di terza parte, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la Cookie Privacy...