Un francobollo per la Salvatore Ferragamo di Firenze: il museo è capofila del progetto Museimpresa Green

C’è il Museo Salvatore Ferragamo di Firenze tra i soci fondatori di Museimpresa Green, il progetto di collaborazione tra Federturismo Confindustria e Museimpresa, l’associazione italiana dei musei e degli archivi d’impresa promossa da Assolombarda e Confindustria. Quello di Ferragamo è stato il primo museo ad aderire all’iniziativa ideata con l’obiettivo di creare la prima rete al mondo di musei aziendali sostenibili, che rendicontano le proprie emissioni di CO2 e si certificano con lo standard internazionale iso 14064, con il fine di promuovere la cultura della sostenibilità. E non a caso alla Salvatore Ferragamo l’Italia ha dedicato un francobollo appartenente alla serie tematica “Le eccellenze del sistema produttivo ed economico”.

 

(TurismoItaliaNews) La cerimonia di presentazione del francobollo da 0,95 euro si è svolta a Palazzo Spini Feroni, alla presenza di Wanda Ferragamo, della direttrice del museo Salvatore Ferragamo, Stefania Ricci, del capo di gabinetto del ministro dello Sviluppo economico, Vito Cozzoli, e della presidente di Poste Italiane, Luisa Todini. “Questo francobollo - ha osservato la Todini – è un omaggio ad uno dei più celebri protagonisti del ‘made in Italy’, che con le sue innovative creazioni ha contribuito a diffondere lo stile italiano in tutto il mondo; a partire da Hollywood, la fabbrica dei sogni per eccellenza. Ma è soprattutto un riconoscimento a chi continua a muoversi nel solco di questa tradizione, coniugando creatività e sapienza artigianale con le tecnologie produttive più moderne, fino ad affrontare e vincere la sfida della quotazione. Il successo di questi prodotti in un mercato sempre più globale e competitivo rappresenta un punto di forza fondamentale e irrinunciabile per il nostro Paese”.

La vignetta del francobollo riproduce il logo della Salvatore Ferragamo Spa e uno dei suoi modelli più celebri, la scarpa Viatica 2, realizzata per l’attrice Marilyn Monroe negli anni cinquanta; un pendolo in sospensione sull’arco della scarpa rappresenta gli studi di Ferragamo sull’anatomia del piede, fondamentali per la costruzione e la calzata delle sue scarpe.

 

Il Museo Salvatore Ferragamo ha annunciato di aver avviato l’iter di calcolo e certificazione per rendere il proprio museo sostenibile, rendicontando le emissioni di gas a effetto serra connesse alle proprie attività e impegnandosi con specifici progetti di riduzione e di efficientamento delle stesse. La decisione di aderire al progetto Museimpresa Green è solo uno dei tanti passi verso la sostenibilità, che la Salvatore Ferragamo ha intrapreso. Dalla sua fondazione, l’azienda ha sempre mostrato una naturale propensione verso la sostenibilità, dalla scelta dei materiali naturali, al forte legame con il territorio e con il made in Italy, sinonimo di qualità ed eccellenza ai massimi livelli. E quest’anno la maison ha vinto il Premio Bilancio di Sostenibilità 2014 nella categoria grande impresa, promosso da Bbs in collaborazione con Aretè e giunto alla sua seconda edizione.

 

turismo italia news
turismoitalianews
TurismoItaliaNews.it
www.facebook.com/turismoitalianews
www.twitter.com/turismoitalianw

Chi siamo

TurismoItaliaNews, il web magazine che vi racconta il mondo.

Nasce nel 2010 con l'obiettivo di fornire un'informazione efficace, seria ed obiettiva su tutto ciò che ruota intorno al turismo...

Leggi tutto

Questo sito utilizza cookie, di prima e di terza parte, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la Cookie Privacy...