E’ il centenario della Congregazione per le Chiese Orientali creata da Papa Benedetto XV

Stampa
images/stories/francobolli2017/2017ScvCongregazioneOrientale.jpg
turismo   italia   news   turismoitalianews   2017   francobolli   filatelia   collezionismo   Vaticano   centenario   Chiese Orientali   Congregazione  

Eugenio Serlupini, Roma

Creata il 1° maggio 1917 dal Pontefice Benedetto XV con il Motu Proprio Dei providentis, celebra il centenario la Congregazione per le Chiese Orientali, il cui mandato è quello di porsi in collegamento con le Chiese orientali cattoliche per favorirne la crescita, salvaguardarne i diritti, e mantenere vivi ed integri nella Chiesa Cattolica.

 

(TurismoItaliaNews) Una missione, quella della Congregazione per le Chiese Orientali, che contempla anche la salvaguardia del patrimonio liturgico, disciplinare e spirituale della Chiesa latina, anche quelli delle varie tradizioni cristiane orientali. L’Ufficio Filatelico del Vaticano celebra l’anniversari con l’emissione di un foglietto filatelico composto da un solo francobollo, in distribuzione dal 7 settembre 2017, che ritrae la porzione intermedia e superiore della parete absidale della cappella di rito bizantino della Congregazione dipinta tra il 1940 e il 1943 dal monaco benedettino olandese Jérôme Leussink su incarico del cardinale Eugène Tisserant, allora segretario della Congregazione.

Le immagini riprodotte sul foglietto si inseriscono in un programma iconografico più ampio che rievoca i grandi avvenimenti della storia della salvezza e che trova compimento proprio nella scena eucaristica della Comunione degli apostoli raffigurante un altare sormontato da un ciborio con Cristo che distribuisce la comunione ai dodici apostoli preceduti da Pietro a sinistra e da Paolo a destra. Le scritte in lingua greca recitano: questo è il mio corpo… questo è il mio sangue. La Comunione degli Apostoli, la cui tipologia risale al V-VI secolo, non intende qui descrivere l’Ultima Cena nella sua storicità quanto presentare il Sacramento dell’Eucaristia come momento di comunione dei fedeli con il corpo e il sangue del Signore.

Sopra questa scena è raffigurata la splendida figura della Madre di Dio orante, a coronamento della visione cosmica ed escatologica della “liturgia celeste” che si sviluppa sul resto della parete. La tiratura annunciata del foglietto - che ha valore facciale di € 2,55 – è di 80.000 esemplari stampati dalla canadese The Lowe Martin Group.

Sempre il 7 settembre 2017, vede la luce il francobollo da 1 euro per i 200 anni dalla fondazione dell’Istituto dei Fratelli Maristi da parte di Marcellino Champagnat, giovane vicario della Parrocchia di La Valla in Francia, proclamato santo da Papa Giovanni Paolo II il 18 aprile del 1999. La sua storia ci riporta alla Francia post rivoluzionaria della fine del XVIII secolo, quando con la Restaurazione si presentò la necessità di far fronte alla crisi nazionale delle scuole incentivando e rafforzando l’istruzione e la catechesi dei giovani che la Rivoluzione francese aveva abbandonato ad un futuro senza prospettive. Così Marcellino, ordinato sacerdote nel 1816, forte della presenza di Dio nella sua vita e alimentato da un’incrollabile fiducia in Maria e nella sua protezione, da cui il nome «marista» della comunità da lui fondata, iniziò la sua intensa opera educativa.

Il francobollo realizzato per l’occasione da Patrizio Daniele per l’Ufficio Filatelico del Vaticano ritrae in primo piano Marcellino Champagnat, sullo sfondo la tavola della prima comunità dei fratelli a La Valla, circondata da laici e fratelli religiosi al servizio dei bambini, mentre la statua della Vergine, chiamata da San Marcellino Buona Madre, ricorda l’ispirazione mariana dell’opera educativa da lui svolta. La tiratura annunciata è di 120.000 francobolli.

Per saperne di più
Ufficio Filatelico e Numismatico
Governatorato - Città Del Vaticano
www.vaticanstate.va

 

Questo sito utilizza cookie, di prima e di terza parte, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la Cookie Privacy...