A Budapest il 52° Congresso Eucaristico Internazionale: nel logo la cartina stilizzata dell’Ungheria, i francobolli del Vaticano

Stampa
images/stories/francobolli_2021/2021Scv_BudapestCongressoEucaristico.jpg

 

E’ Budapest ad ospitare, dal 7 al 12 settembre, il 52° Congresso eucaristico internazionale. Previsto inizialmente per lo scorso anno, l’emergenza pandemica del Covid ha indotto a far slittare l’appuntamento al 2021. “Con l’impegno dei Delegati nazionali e diocesani, con l’appoggio delle Conferenze episcopali e dei Vescovi, la celebrazione di un Congresso favorisce tutte le iniziative che, hanno lo scopo di incrementare la comprensione e la partecipazione al mistero eucaristico in tutti i suoi aspetti: dalla celebrazione al culto extra missam, fino alla irradiazione nella vita personale e sociale” spiegano gli organizzatori. Il Vaticano manda in campo due francobolli per sottolineare l’evento in Ungheria.

 

(TurismoItaliaNews) I Congressi eucaristici, con la loro storia più che centenaria, ricordano continuamente che al centro della vita ecclesiale c’è l’Eucaristia. La celebrano come mistero pasquale capace di influenzare positivamente non solo i singoli battezzati, ma anche la città terrena in cui i cristiani vivono e lavorano. Offrono strutture e spunti per generare processi storici di crescita perché la salvezza sociale  di cui l’Eucaristia è fonte, si traduca in una “cultura eucaristica” capace di ispirare tutti coloro che vogliono praticare il Vangelo nel campo della carità, della solidarietà, della pace, della giustizia, dell’ecologia, della famiglia  e della comunità umana. Il Pontificio Comitato per i Congressi eucaristici, a livello universale e locale, si impegna affinché il mistero eucaristico celebrato nelle Chiese particolari, diventi fonte di vita per il mondo.

A Budapest il 52° Congresso Eucaristico Internazionale: nel logo la cartina stilizzata dell’Ungheria, i francobolli del Vaticano

Il logo scelto per illustrare il tema del Congresso è immediatamente comprensibile. Dai segni eucaristici del pane e del calice sgorga una sorgente d'acqua che discende e fluisce in onde che richiamano il fiume Danubio che attraversa Budapest e molti Paesi d'Europa. E' l'acqua viva che sgorga dal mistero pasquale di Cristo e si riversa sul mondo per guarire, purificare e donare vita. Proprio il logo realizzato per il Congresso è riprodotto insieme alla cartina stilizzata dell’Ungheria nel francobollo del Vaticano da 1,15 euro, e si inserisce nell’altro da 1,10 euro in linea di continuità col profilo del Palazzo del Parlamento di Budapest, che ospiterà alcune celebrazioni del Congresso, sfociando poi nel Danubio, il cui Delta rappresenta il paradiso terrestre in Romania. La data di emissione è l’8 settembre 2021. I dentelli postali sono stampati in fogli da 10 esemplari dalla stamperia francese Cartor con una tiratura di 36.000 serie.

Durante il discorso alla Plenaria del Pontificio Comitato per i Congressi Eucaristici Internazionali, il 10 novembre 2018, Papa Francesco ha spiegato che celebrare un Congresso Eucaristico in una grande e moderna città europea come Budapest “in cui il Vangelo e le forme dell’appartenenza religiosa sono diventati marginali, significa collaborare con la grazia di Dio per diffondere, mediante la preghiera e l’azione, una cultura eucaristica, cioè un modo di pensare e di operare fondato sul Sacramento ma percepibile anche al di là dell’appartenenza ecclesiale”.

Per saperne di più

Questo sito utilizza cookie, di prima e di terza parte, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la Cookie Privacy...