Marche da Bollo, quando il collezionismo è sopraffino

Stampa

Avete mai provato a collezionare marche da bollo? Se un’originalissima raccolta come questa vi intriga, allora c’è il nuovissimo Catalogo Unificato dedicato proprio a questo settore, meno insolito di quanto si possa credere. E’ infatti uscita la pubblicazione valida per il triennio 2012 – 2014 curata dalla casa editrice milanese, sempre pronta a seguire i collezionisti in ogni loro passione. Tutta una scoperta persino la sezione dedicata ai bolli auto, sinora inesplorata ed ora oggetto di uno studio sistematico.

 

 

(TurismoItaliaNews) La nuova edizione dell’unico catalogo a colori, edito dall’Unificato, classifica e quota tutte le Marche da Bollo italiane a partire dagli Antichi Stati italiani, con il Regno, le Colonie e occupazioni, la Repubblica, San Marino e Vaticano.


Nella nuova edizione sono stati inseriti nuovi capitoli: le marche per trasporto merci; le tasse sugli autoveicoli e quelle di circolazione (per la prima volta è stato realizzato uno studio dedicato alla tassa di circolazione, introdotta nel 1928 e operativa fino al 1983: un settore sinora trascurato, ma che ci permette di leggere la storia della motorizzazione in un modo davvero inconsueto); le fascette per il pagamento della tassa sul sale, bene del monopolio; le marche con le sovrastampe a mano della zona Trieste A.


Parecchi i settori ampliati: ad esempio quelli che riguardano le fascette per vini e liquori della regione Valle D’Aosta, le varietà delle marche di Fiumano Kupa e i nuovi inserimenti nelle sezioni San Marino e Vaticano.


"Oltre all’aggiornamento completo delle quotazioni – sottolinea il direttore dell’Unificato - Cif, Paolo Deambrosi - sono state apportate modifiche anche in settori che sembravano ormai consolidati perché, ancora una volta, è stato necessario inserire valori sino ad ora non conosciuti. Innumerevoli sono state le aggiunte di immagini, per cui, in pratica ogni capitolo risulta rinnovato rispetto alla versione precedente. Ci teniamo infine precisare che continuano ad essere catalogati anche esemplari che non si possono chiamare propriamente marche quali contrassegni, etichette, bolli di quietanza e comunali non solo perché sono collezionati dalla maggioranza degli appassionati ma principalmente per dare un quadro completo al settore di appartenenza".


Il prezzo di copertina del catalogo rimane a 34 euro, come la precedente edizione, anche se poi il numero di pagine sia passato da 378 alle attuali 442 (64 in più).

 

 

Per saperne di più
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Tel. 02.877139
www.unificato.it

 

 

turismo italia news turismoitalianews TurismoItaliaNews facebook.com/TurismoItaliaNews

 

Questo sito utilizza cookie, di prima e di terza parte, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la Cookie Privacy...