Unesco: viaggio in Italia, i Patrimoni dell’Umanità visti attraverso i francobolli di San Marino

images/stories/SanMarino/SanMarino03.jpg

Eugenio Serlupini, San Marino

Continua il viaggio della filatelia sammarinese tra le bellezze del Belpaese offrendo a collezionisti e semplici appassionati un “dialogo per immagini” sull’Italia. Dopo l’esordio dello scorso anno, arrivano quattro francobolli stampati in foglietto (realizzati dall’agenzia pubblicitaria “Esploratori dello spazio”) dedicati ai siti Unesco di Modena, Mantova e Sabbioneta, Verona e San Gimignano.

 

(TurismoItaliaNews) Ciascuno dei quattro francobolli propone un’architettura caratteristica del sito Unesco e il dettaglio di un’opera d’arte significativa. Un progetto storico e culturale nato dalla collaborazione con l’associazione Beni Italiani Patrimoni Mondiale Unesco che intende rendere omaggio simbolico alle beltà, estetiche ed etiche, di uno squarcio della penisola Italica.


Si parte quindi dalla Cattedrale di Modena che con la Torre e la Piazza Grande è divenuta Patrimonio Mondiale nel 1997. Un capolavoro del genio creativo umano, che tra il XII e il XIII secolo ha rappresentato una delle principali scuole di un nuovo linguaggio figurativo, dove la relazione dialettica tra architettura e scultura ha saputo imporsi nello stile romanico, grazie alla collaborazione di due straordinari artisti, Lanfranco e Wiligelmo che hanno saputo sintetizzare contemporaneamente in questo complesso monumentale i valori religiosi e civici del tempo e del contesto urbano medioevale.

Dall’Emilia Romagna alla Lombardia, dove Mantova e Sabbioneta rappresentano due tappe significative della pianificazione territoriale e degli interventi urbanistici intrapresi dai Gonzaga nei loro domini nel corso del Rinascimento. Non a caso, nella “dichiarazione di valore”, firmata in Quebec City nel Luglio 2008, il Comitato del Patrimonio mondiale, ha inteso mettere in rilievo quanto le due città rappresentino le due principali forme urbanistiche del Rinascimento: una città di nuova fondazione (Sabbioneta), basata sul concetto di città ideale e la trasformazione di una città esistente (Mantova).

Dalla Lombardia al Veneto, quindi, per approdare a Verona riconosciuta nel 2000 Patrimonio Mondiale da parte del Comitato dell'Unesco, perché essa rappresenta uno straordinario esempio di città che si è sviluppata progressivamente e ininterrottamente durante duemila anni, integrando elementi artistici di altissima qualità dei diversi periodi che si sono succeduti. L’immagine riportata sul francobollo dedicato a Verona è di Stefano di Giovanni, "Madonna con il bambino e Santa Caterina", detta Madonna del Roseto, una tempera su tavola trasportata su tela (Verona, Museo di Castelvecchio, foto di Umberto Tomba).

Un viaggio quello filatelico che conclude la sua panoramica con il quarto francobollo, dedicato a San Gimignano con la riproduzione del Palazzo Comunale e Torre Grossa. In ogni francobollo è stato riprodotto il logo dell’Unesco e dell’Associazione Beni Italiani Patrimonio Mondiale Unesco, nonché il numero identificativo relativo ai criteri d’iscrizione del sito architettonico.


I quattro francobolli stampati in foglietto (data di emissione il 22 ottobre 2014) hanno valori facciali da 1.00, 1.40, 2.00 e 2.50 euro; la tiratura è di 50.000 foglietti.

 

Parte da San Marino il Viaggio in Italia, prima puntata sui Patrimoni dell’Unesco (emissione 2013)

 

 

Ufficio Filatelico e Numismatico - Repubblica di San Marino
Via 28 Luglio, 212 - 47893 Borgo Maggiore
Tel +378 (0549) 882350
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
www.ufn.sm

 

Chi siamo

TurismoItaliaNews, il web magazine che vi racconta il mondo.

Nasce nel 2010 con l'obiettivo di fornire un'informazione efficace, seria ed obiettiva su tutto ciò che ruota intorno al turismo...

Leggi tutto

Questo sito utilizza cookie, di prima e di terza parte, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la Cookie Privacy...