Animali in via di estinzione, l'allarme dell'Onu: l'aquila di mare rischia di sparire per sempre

Stampa
images/stories/francobollii/2011OnuSpecieMinacciatea.jpg
turismo   italia   news   turismoitalianews   francobolli   filatelia   collezionismo   Nazioni Unite   emissione   Apnu   rischio   2011   animali   estinzione   minaccia  

Si chiama Aquila di Mare ed è una delle specie animali minacciate dall’estinzione. Questo impressionante uccello è l'aquila più grande d'Europa, con un’ampia apertura alare che fa sembrare piccola la luminosa coda bianca. Testa e becco grandi, protesi in avanti, danno all’aquila un aspetto simile a quello di un avvoltoio. Il degrado dei terreni umidi, il maggior impatto ambientale causato dagli uomini, l'avvelenamento accidentale, il disboscamento e l’impatto con i motori eolici ne stanno mettendo a rischio l’esistenza. A lanciare l’allarme sono le Nazioni Unite, la cui amministrazione postale mette in circolazione dodici francobolli dedicati ad altrettante specie animali a rischio scomparsa.

 

(TurismoItaliaNews) L’Aquila di Mare non è che uno degli esempi. Le popolazioni più ricche di questo pennuto (nome scientifico Haliaeetus albicilla) sono reperibili in Norvegia e in Russia, con popolazioni rilevanti nel sudovest della Groenlandia, in Danimarca, in Svezia, in Polonia e in Germania. Abita le distese aperte e ampie del lago, della costa o della valle fluviale delle regioni a clima temperato e delle aree della tundra. Preferisce annidarsi in prossimità di scogliere indisturbate o di luoghi aperti con presenza di ampi alberi. Ma tutto questo si sta esaurendo.

Ecco perché l’Apnu, vale a dire l’Amministrazione postale delle Nazioni Unite, proseguendo la sua opera di sensibilizzazione sulle specie animali a rischio estinzione avviata dal 1993, anche nel 2011 ha deciso di emettere una serie di ben dodici francobolli dedicati ad altrettanti animali che stanno rischiando di sparire dalla faccia della terra e dal cielo. Persino l’inquinamento, l’accumulo di mercurio e di altri pesticidi possono influenzare negativamente la corretta riproduzione.

La data di emissione è il 7 settembre 2011 per questa che è la diciannovesima uscita di valori postali dedicati a questo tema. La prima serie è stata lanciata il 3 marzo 1993 per porre l’accento sulla necessità di proteggere le specie in estinzione nel mondo. Quest’anno la serie riguarda in particolare gli uccelli e come sempre i francobolli sono articolati in tre tranche, una per ogni valuta dei Paesi in cui hanno sede gli uffici dell’Onu: Stati Uniti, Svizzera e Austria.

Dodici le specie per le quali si lancia l’allarme. I francobolli da 0,44 centesimi di dollaro Usa ritraggono lo Storno di Rothschild (Leucopsar rothschildi), il Condor della California (Gymnogyps californianus), la Sciacuntiga (Pipile jacutinga) e la Gru giapponese (Grus japonesis).

I francobolli da un franco svizzero ritraggono l’Aquila delle Filippine (Pithecophaga jefferyi), il Lofoforo (Lophophorus impejanus), lo Strigope (Strigops habroptila) e la Cicogna nera (Ciconia nigra). I francobolli da 0,70 euro riguardano l’Aquila di mare (Haliaeetus albicilla), la Colomba delle Nicobare (Caloenas nicobarica), il Kakariki a fronte rossa (Cyanoramphus novaezelandiae) e la Cacatua palma nera (Probosciger aterrimus).

I francobolli sulle specie minacciate d’estinzione 2011 sono stati disegnati dalla statunitense Wendy Wray, che è solita rendere immagini intricate di animali e ritratti introspettivi e profondi di persone. Questi sono i suoi primi disegni per francobolli realizzati per le Nazioni Unite.

 

Specie animali e vegetali minacciate d'estinzione, le Nazioni Unite richiamano l’attenzione su altri 12 esseri viventi

 

La fauna marina che rischia l’estinzione: dai francobolli il richiamo delle Nazioni Unite

 

Onu, anche i francobolli per difendere gli animali notturni in via d’estinzione

 

Allarme Onu, animali rischiano di sparire per sempr, ecco quali sono

 

Animali in via di estinzione, l'allarme dell'Onu: l'aquila di mare rischia di sparire per sempre

 

Questo sito utilizza cookie, di prima e di terza parte, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la Cookie Privacy...