candidatura - Turismo Italia News

  • ABRUZZO | Per la candidatura del Parco Nazionale della Majella a Unesco Global Geopark c’è la missione di valutazione

    Arriva ad uno degli step più importanti il percorso di candidatura del Parco Nazionale della Majella a Geoparco Mondiale. Dal 20 al 24 luglio due valutatori nominati dal Consiglio dell’Unesco Global Geopark, Jin Xiaochi (Cina) e Ferran Climent (Spagna), arrivano in Majella per una missione di valutazione al fine di verificare l’effettiva notevole valenza dell’area ad iniziare dagli aspetti geologici.

  • ARCHEOLOGIA | In Myanmar impegno della cooperazione italiana per valorizzare il sito archeologico di Mrauk-U

    Italia impegnata in Myanmar (l’ex Birmania) a sostegno dello sviluppo sociale ed economico dello Stato Rakhine attraverso interventi di protezione, gestione e valorizzazione del sito di Mrauk-U, candidato ad essere inserito nella lista dei Patrimoni dell’umanità Unesco. I suoi templi sono una delle meraviglie del Myanmar e documentano l’importanza che ebbe come antica capitale dell’Impero Arakanese dal 1430 al 1785.

  • Archeologia: il Mac di Colfiorito, l’antica civiltà umbra va in museo

    Giovanni Bosi, Colfiorito /  Umbria

    Reperti archeologici di grande valore documentario ma anche artistico, come i raffinati bronzetti votivi dedicati alla Dea Cupra, risalenti al sesto-quinto secolo avanti Cristo. Ma anche decorazioni architettoniche, utensili, lastre di rivestimento decorate. E molto altro nel  Mac, il Museo Archeologico di Colfiorito aperto dall'agosto 2011. Cerniera tra Umbria e Marche, l’altopiano folignate è un patrimonio dell’Umanità per la sua zona umida. Adesso in vetrina ci sono definitivamente anche i tesori restituiti dopo anni di scavo.

  • Danesi mobilitati per l’Hygge Patrimonio Unesco: è il segreto della felicità spontanea

    E’ una parola difficile da tradurre letteralmente e racchiude in sé un mondo di sfumature: condividere i piaceri semplici della vita, creare un’atmosfera intima, accogliente e rilassata, stare bene con se stessi e con gli altri. E’ l’Hygge, il segreto della felicità danese, tema di grande tendenza dal 2016, Adesso in Danimarca tutti sono mobilitati per ottenere il suo inserimento nel Patrimonio immateriale dell’umanità Unesco.

  • Disco verde alla candidatura della “Cerca e cavatura del tartufo in Italia” a Patrimonio culturale immateriale Unesco

    Disco verde alla candidatura a Patrimonio culturale immateriale Unesco della “Cerca e cavatura del Tartufo in Italia: conoscenze e pratiche tradizionali”. Il Consiglio direttivo della Commissione nazionale italiana per l'Unesco ha approvato la proposta, che verrà presentata al Segretariato Unesco entro martedì 31 marzo.

  • Foligno, in the heart of Umbria and Italy, the town of “the Quintana”

    by Giovanni Bosi  Foligno / Italy

    (TurismoItaliaNews) It is considered by tradition the “centre of the world”. Foligno, in the heart of Umbria and Italy, is famous worldwide for the Quintana, the jousting tournament which in June and September renews the challenge among the knights of its ten wards. An exciting challenge where each knight, riding his own galloping horse, has to catch a series of rings (which gradually become smaller and smaller) hanging from a wooden statue called “Quintana”. It is a great feast of people, colours and passions, but also an accurate historical, scenic, iconographic and gastronomic reconstruction of the Italian Baroque. This is Foligno, with its 17th century palaces, museums, Baroque Oratories and the first edition of the Divine Comedy by Dante Alighieri, printed here in 1472.

    The Quintana Tournament

    Every year in June and September Foligno brings to life again the most awaited challenge: the Quintana Tournament, the most charming and difficult ring competition ever held in Italy and for this reason defined as the Olimpics of equestrian competitions. The inhabitants of the town are divided into ten wards (Rioni), each of them being represented by a Knight of ‘the Jousting Field’ (Campo de li Giochi) aiming at winning the banner (Palio). Each knight is identified by a nickname: the “Gagliardo” (strong) represents the Ammanniti ward; the “Ardito” (brave) for the Badia ward; the “Pertinace” (tenacious) for the Cassero ward; the “Furente”(furious) for the Contrastanga ward; the “Fedele” (faithful) for the Croce Bianca ward; the “Animoso (fiery) for the Giotti ward; the “Generoso” (generous) for the La Mora ward; the “Baldo” (brave) for the Morlupo ward; the Moro (dark) for the Pugilli ward; the “Audace” (daring) for the Spada ward.

    In order to win the competition each knight on horseback runs a 754 metres eight-shaped track on the racing ground. At the crossing of the diagonal lines the Quintana statue stands, its left arm holding a shield with the symbols of Foligno (the Lily and the Cross) while its right arm holds the rings which are to be caught with a spear by the knights riding at full gallop. Together with the knights the horses are the protagonists of the race: they are trained for months in order to become fast, precise and competitive. The rings are of three different sizes: eight cm for the first round, six and five cm for the other two. The total number of rounds is nine. The knight who manages to run the track in the shortest time and with the least penalties wins the “Palio” painted every year by a famous artist. The Challenge Tournament is held in June, the Return Game in September.

    The Historical Parade

    The night before the game a historical parade goes through the city centre. Hundreds of characters dressed in Baroque costumes represent the local body responsible for the Tournament(Giostra), the Townhall and the ten Wards. Noblemen and ladies, knights on horseback, pages and valets, drummers and trumpet players, flag bearers and flag jugglers bring back the emotions of the past in a wonderful pageantry. Before the reading of the “Bando” (Opening Speech) in Piazza Grande the knights register for the competition of the next day and the Bishop blesses them in the Cathedral square. Then the Procession goes through the town following a picturesque route under triumphal arches and evocative lights. It takes place in June and September every year.

    The Costumes

    They date back to the period from 1580 to 1620. It is the Hispanic style transferred to Italy, in an area which was under the Pope’s rule. For the production of the costumes worn by the various characters of the Quintana, reference is made to paintings or other iconographic documents of that period:   the most talented city tailors make the costumes using precious and valuable fabrics. Vintage jewellery made by goldsmiths of Foligno with precious materials complete the work.

    The Rings

    The rings, like the statue which has given the name to the tournament, are another unmistakable symbol of the challenge in Foligno. They are hand-made, in three different sizes of eight, six and five cm diameter, and are adorned with white and red strips, the colours of Foligno coat of arms. But why use rings? This type of tournament was introduced after the Roman quintana games where the knights had to hit a trunk or a pole driven in the ground. The knight had to hit, with a spear, circles of different sizes drawn on the trunk thus obtaining different scores and making the challenge more exciting. In later periods circles were drawn on the shields of the statues used for the tournaments; finally rings were used in the same way as they are in the present game.

     

    The Taverns

    The Taverns are the heart of the Wards. Each ward has got its own tavern where people meet and taste Umbrian traditional dishes, an occasion which brings back the atmosphere of the spectacular banquets typical of the Baroque period. The food served in the taverns by characters in costumes is prepared following the 17th century recipes. From the architectonic point of view the taverns are very interesting because they are located in the cellars or other parts of the old palaces in Foligno city centre. The wards compete also in the “Gareggiare dei Convivi”, a competition of banquets which doesn’t consist only in food tasting, but it also includes cookery display, decorations and performances of musicians and actors in the setting of Late Renaissance and early 17th century. The taverns are open in June and September.

    The Soprastanti Fair

    In September (sometimes also at the end of August) Foligno begins the Quintana period with the Soprastanti Fair, a long-awaited event attended by thousands of visitors. It is the recalling of the market which took place in the city centre during the Renaissance. In 1600 Foligno was a meeting point for travellers and merchants on their way to Rome both from the Adriatic coast and from the Po Valley. For this reason, especially in the Middle Ages, Foligno was an important commercial centre where haute couture models arrived before getting to Rome or Florence. The “Soprastanti” were distinguished citizens of Foligno who were appointed every year to supervise the fair and their Captain was the highest dignitary in charge of it. The currency used in the transactions in 17th century Foligno was the “quattrino”, the coin of the Papal States under Pope Paolo V. Still today the fair is organised with the same spirit: everything has to be faithful to the past. From the stalls to the houses, from the decorations to the products sold, from the merchants’ clothes to the soprastanti’s ones. And everything is obviously paid by the “quattrino”.

     

  • I Portici di Bologna candidati a Patrimonio dell’Umanità Unesco: quello devozionale di San Luca è l’alfiere

    I portici di Bologna in corsa per l’inserimento tra i Patrimoni dell’Umanità Unesco e sono sempre più numerose le iniziative per sostenere la candidatura. Nelle scorse settimane sono iniziati i lavori di ripristino strutturale e restauro del portico monumentale di San Luca che si concluderanno nel 2020. Per sostenere la candidatura lo sport bolognese scende in campo compatto: Bologna Fc 1909, Virtus Pallacanestro Bologna, Fortitudo Pallacanestro Bologna 103, Fortitudo Baseball, Rugby Bologna 1928 e Cusb (Centro Universitario Sportivo Bologna).

  • La fascia olivata da Assisi a Spoleto si candida a Patrimonio dell’Umanità e Sistema agricolo di importanza mondiale

    Giuseppe Botti, Trevi / Umbria

    Una vasta porzione collinare dell’Umbria si candida per l’inserimento nella Lista del Patrimonio mondiale dell’umanità Unesco e nel programma Giahs (sistemi di patrimonio agricolo di importanza mondiale) della Fao. E’ la Fascia olivata che va da Assisi a Spoleto e che coinvolge anche i territori dei comuni di Spello, Foligno, Trevi e Campello sul Clitunno.

  • La Festa della Perdonanza Celestiniana candidata alla lista rappresentativa del Patrimonio culturale immateriale Unesco

    La Festa della Perdonanza Celestiniana in Abruzzo è la candidatura nazionale che l’Italia presenta per il suo riconoscimento nella Lista Rappresentativa del Patrimonio Culturale Immateriale. La Festa, che si svolge annualmente dal 16 al 29 agosto, esprime nei suoi diversi momenti la volontà della comunità locale di mantenere viva una tradizione secolare, elemento fondante della propria identità, declinandola nei tempi attuali attraverso i valori dell’accoglienza, della solidarietà, del perseguimento della pace e del dialogo interculturale con altre comunità internazionali.

  • Le Terre delle Colline di Conegliano e Valdobbiadene si candidano a Patrimonio Universale dell’Umanità

    Vuol essere un riconoscimento solenne alla capacità dell’uomo di saper cogliere l’essenza di un territorio e alla caparbietà di aiutarlo ad esprimere prodotti di straordinaria eccellenza, agendo anche in situazioni estreme, all’apparenza impossibili, pur di liberare le potenzialità nascoste, e quindi inespresse, dei luoghi. Le Terre delle Colline di Conegliano e Valdobbiadene (terra del Prosecco Superiore) stanno mettendo a punto la loro candidatura a Patrimonio Universale dell’Umanità, riconoscimento assegnato dall’Unesco.

  • MIBACT | Capitale italiana della cultura 2020: on line il bando di candidatura, c'è tempo fino al 31 maggio

    È on line sul sito del ministero dei Beni e delle attività culturali e del turismo www.beniculturali.it il bando per la Capitale italiana della cultura 2020. Entro il 31 maggio presentazione delle manifestazioni di interesse. Il ministro Dario Franceschini: “Si apre un’altra sfida appassionante”.

  • MIBACT | È online il bando per la Capitale Italiana della Cultura 2021: candidature entro il 16 dicembre 2019

    C’è tempo fino al 16 dicembre 2019 per presentare le candidature delle città che tendono concorrere all’assegnazione del titolo di Capitale Italiana della Cultura 2021, per il quale occorre presentare una manifestazione di interesse.

  • Parma è Capitale Italiana della Cultura 2020: al Mibact l'annuncio della scelta per l’assegnazione del titolo

    Sette distretti socio-culturali, dislocati in diverse aree della città, che diventano spazi di creatività, riflessione, rigenerazione e innovazione. Sarà Parma la Capitale italiana della cultura 2020: la competizione virtuosa per l’assegnazione del titolo ha visto prevalere la città su Agrigento, Bitonto, Casale Monferrato, Macerata, Merano, Nuoro, Piacenza, Reggio Emilia e Treviso. L'annuncio oggi al Mibact dal ministro di beni culturali e turismo, Dario Franceschini in virtù delle designazione della Giuria presieduta da Stefano Baia Curioni.

  • PIEMONTE | Torino si candida a Capitale Europea Verde: la Giunta comunale ha creato tavolo di lavoro per dossier

    Torino si candida a diventare la Capitale verde europea del 2021, riconoscimento della Commissione Europea per città di almeno 100mila abitanti con standard ambientali di qualità certificati, impegnate in ambiziosi obiettivi di sviluppo sostenibile e pianificazione territoriale.

  • Sardegna: Trenino Verde verso la candidatura a Patrimonio Unesco, un piano di rilancio con nuove risorse per la valorizzazione turistica

    Sardegna pronta a completare il dossier per la candidatura del Trenino Verde a Patrimonio dell’Unesco. L’obiettivo è di arrivare a breve a valutarne la fattibilità: l’inserimento nel prestigioso elenco rappresenterebbe una formidabile leva per la promozione a livello internazionale. E intanto scatta un piano di rilancio per valorizzare una importante risorsa turistica dell’isola con caratteristiche uniche a livello europeo.

  • Un racconto lungo 1000 anni fatto di commerci e marinai, rotte e naufragi: agli Arsenali medicei le Navi Antiche di Pisa

    Frutto di un lavoro di scavo e ricerca durato anni, ha regalato alla città un nuovo motivo di vanto nonché il più grande museo di imbarcazioni antiche esistente al mondo. Un museo "user friendly", nato per avvicinare il visitatore agli oggetti in esposizione e per questo portatore di un linguaggio accessibile a tutti che punta ad abbattere le barriere fra i reperti e chi li ammira. Pisa, candidata ad essere la Capitale italiana della Cultura 2021, propone il Museo delle Navi Antiche. Un pretesto in più per andare in esplorazione a Pisa, per ammirare l'eterna bellezza di questa città e per scoprire questa entusiasmante novità.

  • UNESCO | Le Città del Tartufo al Wte di Siena fanno rete intorno alla candidatura “cerca e cavatura del tartufo in Italia” [VIDEO]

    Un percorso collettivo di salvaguardia e partecipazione. Procede in questo senso la candidatura a patrimonio immateriale dell'Unesco di “Cerca e cavatura del tartufo in Italia: conoscenze e pratiche tradizionali”. Testimonianza ne è la partecipazione dell'Associazione nazionale città di tartufo (Anct) che della candidatura è presentatrice e referente al World tourism event (Wte) a Siena insieme a tante delle sue 50 realtà aderenti.

  • Volterra 2021, per la candidatura 21 designer per 21 artigiani dell’alabastro

    Volterra come Capitale Italiana della Cultura, che passa (anche) dall’incontro tra antico e moderno. E’ la candidatura della città toscana, “la città di pietra”, dove il prossimo anno nascerà una collaborazione con l’Istituto Europeo di Design e un’originale iniziativa: 21 designer per 21 artigiani dell’alabastro.

Chi siamo

TurismoItaliaNews, il web magazine che vi racconta il mondo.

Nasce nel 2010 con l'obiettivo di fornire un'informazione efficace, seria ed obiettiva su tutto ciò che ruota intorno al turismo...

Leggi tutto

Questo sito utilizza cookie, di prima e di terza parte, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la Cookie Privacy...