archeologia - Turismo Italia News

  • Il Parco archeologico di Paestum aprirà i suoi depositi in maniera stabile: l'annuncio ai Musei Vaticani

    I depositi del Parco archeologico di Paestum apriranno in maniera stabile: lo ha annunciato il direttore Gabriel Zuchtriegel. La fruizione da parte del pubblico può essere anche risolutiva per la conservazione dei depositi.

  • Il Timna Park e le Miniere di Re Salomone: alla scoperta del sito archeologico israeliano Riserva Naturale

    Annarosa Toso, Eilat / Israele

    Se capitate a Eilat e avete già visto l'acquario, il delfinario, avete fatto un bel bagno con relativo snorkeling nelle acque trasparenti del Mar Rosso e avete una mezza giornata a disposizione, allora prendete un taxi e allungatevi al Timna Park, più conosciuto come le miniere di Salomone.

  • In Guatemala e Honduras tra i Maya: l’antica civiltà è scomparsa, tradizioni e costumi ancestrali ci sono tutti

    Visitando un caratteristico villaggio o un animato mercato si riscontrano sui visi delle persone gli stessi profili che si vedono nelle sculture Maya, così come le coloratissime stoffe dei loro abiti sono le stesse di un tempo. In queste contrade l’antica civiltà è stata distrutta dai famelici conquistadores iberici, ma i Maya come popolazione sopravvivono con tutto il loro bagaglio di tradizioni e di costumi ancestrali negli angoli più remoti di Guatemala e Honduras.

  • In viaggio tra Messico e Guatemala, sulle orme della straordinaria e misteriosa civiltà Maya

    Un meraviglioso viaggio tra Messico e Guatemala, sulle orme della straordinaria e misteriosa civiltà Maya. Il viaggio ha una data unica di partenza, dunque irripetibile, in occasione delle celebrazioni per la Fiesta de los Muertos, ossia la festività dei morti, molto sentita tra le popolazioni sudamericane.

  • Ipogeo dei Volumni, le impressioni dell’architetto visitatore

    arch. Luciano Beddini, Perugia
    presidente Club per l’Unesco Foligno e Valle del Clitunno

    Trovarlo non è proprio facile, purtroppo. Ma d’altra parte vista l’aura di mistero che, almeno nell’immaginario collettivo, circonda gli Etruschi non ci si dovrebbe aspettare di più. E forse è anche giusto che una necropoli sia posta in posizione in un certo senso “riservata” ma abbiamo il sospetto che questo allontanamento dalla visibilità del circuito turistico non sia proprio una ricercatezza culturale quanto una trascuratezza.

  • Iran, sulla montagna di Naqsh-e Rostam le gigantesche sculture raccontano le imprese epiche dei grandi re del passato

    Giovanni Bosi, Naqsh-e Rostam / Iran

    Un sito impressionante. Per le dimensioni delle sue sculture sulla roccia e pure per la grandezza dei personaggi storici di cui - con prosopopea propagandistica – si tramandano alle generazioni future le imprese compiute, con messaggi fin troppo espliciti ai popoli sottomessi e ai nemici ancora da sconfiggere. In una zona desertica dell’Iran, nella regione di Fars, c’è la suggestiva necropoli di Naqsh-e Rostam.

  • Israele, dalla visita dell’antico porto alle calde acque nel Mediterraneo: alla scoperta di Cesarea, storia millenaria e mare cristallino

    Sorta per volere di Erode il Grande e situata a un’ora di macchina da Haifa e da Tel Aviv, questa città vanta uno dei parchi archeologici più interessanti del mondo, oltre a un museo, un campo da golf e un anfiteatro che ospita regolarmente concerti internazionali. Senza dimenticare la Acquaduct Beach, presenza fissa in tutte le classifiche che riguardano le più belle spiagge israeliane. Cesarea, in Israele, è una città ricca di spunti che meritano sicuramente una visita.

  • Kassandra, da Zeus Ammon a Dionysus: in Grecia, in riva all’Egeo, c'è il sito archeologico di Kallithea

    Giovanni Bosi, Kassandra / Grecia

    Un punto strategico. Baciato dal sole, protetto dalla macchia mediterranea, sorvegliato dalla distesa azzurra dell'Egeo davanti al Golfo che separa la penisola di Kassandra da quella di Sithonia. E’ il luogo in cui sorgeva il Santuario di Zeus Ammon e di Dionysus, a Kallithea, oggi un sito archeologico che attira per la sua storia e soprattutto per le sue antiche vestigia. Un salto indietro nel tempo di 2.800 anni in una cornice meravigliosa.

  • Kha e Merit, una coppia per l’eternità al Museo Egizio di Torino: una storia tutta da scoprire

    Giovanni Bosi, Torino

    “La strada per Menfi e per Tebe passa per Torino”: la frase è famosa e la dice lunga sul valore degli straordinari reperti che conserva. Jean-Francois Champollion – la frase è sua – arrivò nella città sabauda mentre al Museo Egizio si stavano togliendo dagli imballaggi i pezzi della faraonica collezione venduta nel 1824 da Bernardino Drovetti al re Carlo Felice. Per il decifratore dei geroglifici l’emozione di trovarsi davanti a nuovo preziosissimo materiale da studiare, sarà stata immensa. Ma per il museo di Torino quella era solo una delle sue tappe fondamentali: fra i numerosi reperti che giunsero, c’era anche la stele di Kha, la cui tomba verrà ritrovata solo 82 anni più tardi. Oggi quel Kha, tornato dall’oblio insieme a sua moglie Merit, è uno degli uomini del passato più famoso del mondo. E per certi versi, anche il più misterioso… La loro storia la racconta proprio il Museo Egizio di Torino.

  • Konrad Travel, nuovi orizzonti in El Salvador e Belize: per il 2018 allo studio eventi formativi e un educational

    Di ritorno dal suo viaggio in El Salvador e Belize, in occasione della fiera Catm, Gianluca Sposito, gm di Konrad Travel porta con sé i racconti di destinazioni ancora poco conosciute al grande pubblico dei viaggiatori.

  • L'Ara Pacis, com'era: in 3D un viaggio multisensoriale nel passato tra le origini di Roma e la famiglia di Augusto

    Pochi monumenti sono riusciti a trasmettere, come fa l'Ara Pacis, credenze, ideali e ambizioni di una classe dirigente all'apice del suo potere. Nel corso dei secoli l'altare monumentale ha poi conosciuto storie e attraversato vicende che ora è possibile rivivere grazie al progetto multimediale “L’Ara com’era”, il primo intervento sistematico di valorizzazione, in realtà aumentata e virtuale, del patrimonio culturale di Roma. Fino al 25 ottobre 2019 al Museo dell'Ara Pacis, Lungotevere in Augusta.

  • L’Antico Porto di Classe si rimette in mostra: aperto il sito archeologico multimediale che racconta la storia

    Angelo Benedetti, Classe / Ravenna

    E’ stato per diversi secoli uno degli scali più prestigiosi del mondo romano e bizantino. L’Antico Porto di Classe torna a vivere grazie alla musealizzazione e all’apertura del sito archeologico che restituisce al grande pubblico la fruizione di un luogo che ha contribuito a scrivere la Storia. L’uso di apparati multimediali rende ancor più avvincente la sua scoperta.

  • L’Italia delle Arti: in circolazione la moneta da 10 euro dedicata ai Bronzi di Riace

    Scoperti il 16 agosto 1972 nel tratto di mare antistante Riace Marina ed esposti attualmente nel Museo Archeologico Nazionale di Reggio Calabria, i Bronzi di Riace sono un vero e proprio mito e probabilmente anche i reperti archeologici più conosciuti in Italia. Risalenti al V secolo avanti Cristo, di certo costituiscono le icone più rappresentative dell’antica arte greca. Alle due statue l’Italia dedica in questo 2015 una moneta da 10 euro in argento versione proof.

  • La più grande collezione di sarcofagi antropoidi del mondo è a Beirut: ecco lo straordinario Museo Archeologico dell’American University [VIDEO]

    Giovanni Bosi,Beirut / Libano

    Chi ama la storia e a maggior ragione l’archeologia, non può perdersi una visita al Museo Archeologico dell’American University di Beirut. Chiuso durande la guerra civile libanese, questo contenitore culturale nel cuore della città, nei pressi dell’ex linea di demarcazione, oggi è interamente fruibile e presenta reperti straordinari, come la più grande collezione di sarcofagi antropoidi nel mondo. Siamo andati a vedere.

  • La Stonehenge del Mediterraneo: in Sardegna pietre che custodiscono segreti che durano da quattro millenni

    Giuseppe Botti, Alghero / Sardegna

    Il parco di Pranu Muttedu rappresenta uno dei più suggestivi siti archeologici della Sardegna interna. E poi le sepolture Domus de janas, i dolmen di Istithi e i numerosi menhir, in sardo “ perdas fittas ”, che testimoniano la presenza di antichi insediamenti fin dal Neolitico. E che dire dello straordinario villaggio nuragico Su Nuraxi, esempio più completo e meglio conservato di nuraghe, dichiarato patrimonio dell’Umanità dall’Unesco? Ecco le testimonianze più suggestive delle prime civiltà comparse nel Mediterraneo.

  • La Terra del Mito raccontata da antiche sculture inedite e da “Zeus in Trono” tornato a casa: Campi Flegrei verso il riconoscimento Unesco

    Undici sculture inedite che raccontano la Terra del Mito, racchiusa tra mare e terra e caratterizzata da vulcani e fenomeni geologici che ne hanno delineato nel tempo tratti unici, esaltando e conservando lo splendore di un patrimonio immenso. Al Castello Aragonese di Baia per la mostra "Il Visibile, l'Invisibile e il Mare", è ritornata a casa la statua di “Zeus in Trono” esposta per 25 anni al Getty Museum di Los Angeles dopo essere finito in un giro di ricettatori. Nove di successi per il Parco archeologico dei Campi Flegrei, in Campania.

  • La Turchia lancia "The Year of Troy" per promuovere i luoghi legati ad Omero e sceglie Bit Milano per mettersi in vetrina [VIDEO]

    La leggenda di Troia è universalmente nota grazie ai due poemi epici di Omero, l’Iliade e l’Odissea, e ancora oggi il suo fascino e la sua influenza sulla cultura mondiale sono immutati. Nel 2018 si celebrano i venti anni dall’inserimento di questo sito archeologico, uno dei più famosi a livello internazionale, nella Lista del Patrimonio vulturale mondiale dell'Unesco e dunque è l’occasione giusta per andarlo a vedere. E prima, magari, un approccio con questo straordinario Paese che è la Turchia alla Bit 2018, la Borsa Internazionale del Turismo in calendario a Fiera Milano City dall’11 al 13  febbraio.

  • LAZIO | I Magnifici Borghi della Valle del Treja, workshop e famtrip per presentare le bellezze di Calcata e Mazzano Romano

    L'Anno dei Borghi volge al termine, ma non le attività che tendono a promuoverli. Alla fine di novembre sarà, infatti, la volta di Calcata e Mazzano Romano, rispettivamente in provincia di Viterbo e di Roma, a presentarsi al grande pubblico con tutte le potenzialità che li contraddistinguono: arte, cultura, natura ed enogastronomia.

  • Le civiltà e il Mediterraneo: a Cagliari mostra per guardare dalla Sardegna a intrecci, confronti, dialoghi nel Mare Nostrum

    Due poli espositivi e reperti magnifici che documentano intrecci, confronti, dialoghi dal bacino del Mare Nostrum alle montagne del Caucaso. E' una spettacolare mostra per guardare dalla Sardegna alle Civiltà del Mediterraneo all’alba della Storia quella che dal 31 gennaio 2019 viene presentata nel Museo Archeologico Nazionale di Cagliari e nel Palazzo di Città: “Le Civiltà e il Mediterraneo”.

  • Le Fornaci Romane a Lonato del Garda: l’archeologia racconta il lavoro e le abitudini di duemila anni fa

    Raccontano il lavoro, la vita, le abitudini non solo dei potenti, ma anche degli umili, della gente comune. Sono le Fornaci Romane di Lonato del Garda, in provincia di Brescia: il classico caso in cui l’archeologia, oltre a far riscoprire un monumento del passato, riaccende le luci sui momenti di vita quotidiana di un tempo.

Chi siamo

TurismoItaliaNews, il web magazine che vi racconta il mondo.

Nasce nel 2010 con l'obiettivo di fornire un'informazione efficace, seria ed obiettiva su tutto ciò che ruota intorno al turismo...

Leggi tutto

Questo sito utilizza cookie, di prima e di terza parte, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la Cookie Privacy...