Catalogna - Turismo Italia News

  • Alla corte del Re Carnestoltes: a Sitges tutta la magia del Carnevale (a due passi da Barcellona, Catalunya)

    E’ uno dei dieci carnevali più famosi al mondo: oltre duemila maschere, tanto divertimento e una miriade di colori. In Catalunya, a due passi da Barcellona, il Carnevale di Sitges dà appuntamento dal 28 febbraio al 6 marzo. L’occasione per scoprire il suo grande patrimonio storico- culturale.

  • Apre con la rotta Bergamo - Barcellona la stagione estiva della low cost Vueling: voli da luglio a ottobre

    Apre con la rotta Bergamo - Barcellona la stagione estiva della compagnia low cost Vueling. Il vettore riconferma così la sua presenza all’aeroporto dell'area milanese per tutta la stagione estiva 2019: dal 24 luglio al 27 ottobre fino a 4 frequenze settimanali e 16.500 posti per raggiungere la capitale della Catalogna. Inizialmente proposta solo come rotta speciale per le vacanze pasquali, la tratta di Vueling diventa operativa anche per il periodo estivo.

  • BARCELLONA | Visit Catalonia, ecco l’app con il maggior numero di informazioni turistiche esistenti sulla regione

    (TurismoItaliaNews) Si chiama Visit Catalonia ed è la nuova applicazione presentata al Mobile World Congress di Barcellona dedicata alle attrazioni della Catalunya. L’app può essere scaricata attraverso la pagina web http://visit.catalunya.com ed è compatibile con i sistemi Ios e Android. E’ disponibile in diverse lingue: catalano, spagnolo, inglese, francese, tedesco e russo.

    Attraverso questa app è possibile trovare tutte le informazioni utili per pianificare il proprio viaggio in Catalogna (informazioni su alloggi, ristoranti, uffici del turismo...). Una guida comprensiva di tutte le città della regione: informazioni sui diversi punti di interesse (monumenti, musei, parchi, spiagge, stazioni sciistiche, luoghi di ritrovo), consigli pratici ed un’agenda annuale con tutti gli eventi, feste e tradizioni. Inoltre è possibile accedere alle reti  di contatti della Catalunya Experience.

    La app fornisce più di 13.000 elenchi informativi, decine di video, più di 6.000 immagini e più di 50 pubblicazioni in pdf. L’app Visit Catalonia non è dunque una semplice applicazione per cellulari, ma una vera e propria piattaforma online, continuamente connessa con la banca dati di Act e per questo in grado di garantire un’offerta di informazioni costantemente aggiornata. La stessa versatilità tecnologica permetterà in futuro di effettuare prenotazioni e comprare biglietti d’ingresso attraverso l’app.

     

  • Barcellona, nell’Arenas dei tori adesso si mata la fame tra architettura di ieri e di oggi

    Giovanni Bosi, Barcellona

    Un pezzo d’architettura moderna mediata con la storia. E così un sancta sanctorum della tauromachia spagnola - nella quale i catalani non si sono mai ricosciuti fino in fondo, tanto da essere i primi ad abolire la corrida - oggi è diventato un sancta sanctorum dello shopping a Barcellona. E’ l’Arenas, ovvero la storica arena costruita alla fine del XIX secolo, da vedere per molti motivi e non solo perché la grande terrazza panoramica all’ultimo piano garantisce un punto d’osservazione a 360° sulla città di Gaudì, ma anche per le soluzioni tecniche adottate.

  • CATALOGNA | Dieci singolari spazi naturali nel Territorio Ponent, un tesoro che merita di essere scoperto nelle Terres de Lleida

    Sorprendono per la gran varietà di proposte turistiche che si possono vivere in compagnia degli amici, della famiglia, della propria coppia... Le Terres de Lleida, in Catalogna (Spagna) si propongono con migliaia di itinerari attraversano i paesaggi della Piana di Lleida, inclusi dieci singolari spazi naturali, con un'ampia varietà di specie animali e paesaggi incredibili tutti da scoprire.

  • Catalunya, un Doc biologico nel Parco Cap de Creus

    Giovanni Bosi, Catalogna, Spagna 

    In un anfiteatro naturale, a poca distanza dal Mediterraneo della Costa Brava, nasce in Catalogna un vino Doc biologico frutto della passione per la buona terra della famiglia Soto, che nel 1989 si è innamorata a prima vista di un podere in stato di abbandono da un secolo e mezzo. Oggi la cantina Mas Estela è una splendida realtà apprezzata in molte zone del mondo. E un ulteriore biglietto da visita per lo straordinario Parco naturale Cap de Creus.

  • Da Figueres a Pùbol, ecco i luoghi di Salvador Dalì

    Giovanni Bosi, Figueres / Catalogna

    "Voglio che il museo sia come un blocco unico, un labirinto, un grande oggetto surrealista. Sarà un museo assolutamente teatrale. La gente che lo visiterà se ne andrà con la sensazione di aver fatto un sogno teatrale". Parole di Salvador Dalì, promessa assolutamente mantenuta. Lui è il grande artista surrealista spagnolo mentre il contenitore è il Teatro Museo a Figueres, la sua citta natìa in Catalogna.

  • Dai Pirenei alle Coste: 5 itinerari in Catalunya, tutti i segreti della meta scelta da oltre un milione di italiani

    Pirenei, Mediterraneo, Barcellona, segreti nascosti, natura e cultura: così l’Ente del Turismo della Catalunya confida di conquistare ancor di più i viaggiatori italiani, già estremamente affascinati dal territorio catalano. E così, in occasione dei festeggiamenti dell’Anno del Turismo Culturale, si presentano all’Italia cinque grandi itinerari che permettono di scoprire tutto il territorio a seconda delle preferenze del singolo viaggiatore.

  • DESTINAZIONI | Il Tucano sospende i viaggi in Venezuela, "crisi profonda e tensioni altissime nel Paese"

    Il tour operator Il Tucano sospende i viaggi in Venezuela: "crisi profonda e tensioni altissime nel Paese".

  • EVENTI | A settembre ritorna Buy Catalunya: a Tarragona il workshop promozionale biennale del Catalan Tourist Board

    Sarà il Palazzo dei Congressi di Tarragona la sede del “Buy Catalunya”, il workshop promozionale con cadenza biennale in calendario dal 25 al 29 settembre 2018, organizzato dal Catalan Tourist Board, con il coinvolgimento di oltre 130 tour operator da tutto il mondo e oltre 200 aziende locali. Il focus di questa settima edizione è il turismo culturale che coincide con l'anno in cui si celebra il Patrimonio Culturale europeo.

  • Girona, il privilegio di sentirsi desiderata: dall’Arazzo della Creazione alle tapas

    Giovanni Bosi, Girona / Catalogna

    Quel che colpisce di Girona è il perfetto equilibrio tra gli oltre mille anni di espressione artistica del suo patrimonio, frutto della spiritualità e del culto, e la contemporaneità di una città che ha saputo riscoprire se stessa, in un percorso urbanistico, edilizio, sociale e commerciale che agli occhi del visitatore si mostra con estrema armonia. Miracolo della Catalogna, forse si dovrebbe dire, dove il turismo è il primo effetto dell’investimento che da queste parti tutti hanno saputo compiere in uno sforzo collettivo.

  • La Catalunya tra storie e antiche feste popolari: tutte le imperdibili festività catalane del 2018

    Sono le torri umane più famose del mondo, dichiarate Patrimonio dell'Umanità dall'Unesco, che anticamente erano parte di un ballo popolare e che consistono in una vera e propria colonna di uomini, donne e bambini arrampicati gli uni sugli altri per protendersi verso il cielo. Sono i castellers, elementi caratteristici del patrimonio folkloristico catalano, che al pari di altri si ritrovano nelle festività della regione. In effetti la Catalunya offre durante tutto l'anno un'ampia varietà di feste, ricorrenze, tradizioni e giornate speciali. Un'ottima occasione per tutti coloro che desiderano conoscere e lasciarsi stupire dalla ricchezza culturale di questa terra.

  • La Strada del Vermouth a Barcellona: i luoghi dove gustare il tipico aperitivo che si beve prima di pranzo

    Nessuna visita a Barcellona può considerarsi completa se non si prova il vermouth, un tipico aperitivo che si beve prima di pranzo.

  • Le crociere a Barcellona: +28% in due anni, record di spesa media di 516 euro per passeggero e -1% di tasso di disoccupazione

    Le crociere? Portano turisti, soldi e occupazione. Parola di Clia, l’associazione internazionale dell’industria crocieristica che ha diffuso il rapporto “Study of the economic impact of cruise activity in barcelona” elaborato dall’Università di Barcellona. I numeri dimostrano quanto le crociere apportino benefici a tutto il territorio della Catalogna.

  • Magica e cosmopolita: un city-break a Girona per immergersi nelle tradizioni della Catalogna

    Magica e cosmopolita. E’ Girona, una delle città simbolo della Catalogna. Per le sue dimensioni e la sua proposta turistica è una delle mete più amate dagli italiani e sicuramente adatta per un city-break. Ecco allora alcune idee per conoscerla meglio e andarci nelle prossime settimane.

  • Nit d’Espelmes: a Pals in Costa Brava la seconda Notte delle Candele gemellata con Vallerano (29 luglio)

    E’ nuovamente il borgo di Pals, Girona (Costa Brava) il paese gemellato con la celebre Notte delle Candele di Vallerano. Sabato 29 luglio dalle 21.30 alle 1.30 si svolge infatti la seconda edizione della "Nit d'Espelmes", un evento ancora più grande che vedrà questa volta illuminare nuove strade con oltre 20mila candele (il doppio rispetto allo scorso anno).

  • PROMOZIONE | All’innovativa agenzia milanese 3rd Floor l’ufficio stampa dell’Ente del Turismo della Catalunya

    Sarà l’innovativa agenzia milanese 3rd Floor ad occuparsi nel 2019 delle media relations dell’ente del turismo. Confermata anche la gestione dei Social Media e delle Digital Pr.

  • Sant Sebastià, panorama mozzafiato e gastronomia gourmet

    (TurismoItaliaNews) Ad una cinquantina di chilometri da Girona, in Catalogna, sulla strada della Costa Brava che conduce a Palafrugell (deliziosa da visitare con i suoi caseggiati di tradizione marinara, luogo di straordinari sapori) si incontra sulla Muntanya de Sant Sebastià l’omonimo faro costruito nel 1857, confine naturale tra Llafranc e Tamariu. Un belvedere mozzafiato assicura una vista straordinaria sulla costa.

    Se siete da queste parti, vale davvero una sosta al ristorante El Far (4 stelle,www.elfar.net). Qui vi accoglierà lo chef  Tony Saez, la cui cucina ha un ampio menù che richiama la tradizione marinara, a base di prodotti freschi della Costa Brava con un ottimo rapporto qualità/prezzo. Saez sta lavorando per il recupero della cucina tradizionale attraverso una sua rilettura Prodotti a km zero rivisitando le eccellenze del territorio, soprattutto con il pesce freschissimo che arriva dal mercato di Palamós (famosa per la vitalità dei suoi pescherecci oltre che per l’esportazione di gamberi saporitissimi) oltre a carni e verdure del luogo.

    Fatevi conquistare dalla simpatia di Tony Saez e da uno straordinario menù come: Copa de cava de benvinguda, Escabetx de verat amb poma, Ou remenat amb botifarra de perol i espàrrecs, Les patates braves Far, Pèsols ofegats a la catalana, Tall de turbot amb patates a l’antiga. Obbligatorio presentarlo in spagnolo, certissima la riuscita. Il tutto annaffiato con Vi blanc Perelada Covest e Vi negre perelada 3 Fincas.

    Prima di pranzo si può dare un’occhiata al faro maestoso Sant Sebastià che si trova praticamente lì: la presenza di strutture legate al mare e alla sicurezza qui risale a molti secoli fa. Nel corso del 1445 venne costruita una torre di avvistamento sulla montagna Sa Guarda sul Cap de Sant Sebastià. La funzione di questa torre era di dare un preavviso alla popolazione dell'area circostante in caso di attacco dal mare dei pirati e dei corsari turchi (si completò poi con una cappella dedicato al martire San Sebastian). La costruzione del faro vera e propria è iniziata nel XVIII secolo, nei pressi della torre, con un santuario, una casa per eremiti e una casa per l’accoglienza. Ad inaugurare il faro nel 1857 è stato l'ingegnere Josep M. Maquinetto, attualmente è il più potente sulla costa peninsulare del Mediterraneo e nel golfo del Leone.

     

    Per dormire in zona, ci si può appoggiare all’agriturismo Mas Salvi(4 stelle,www.massalvi.com)

     

    Girona, il privilegio di sentirsi desiderata

     

     

    Sant Sebastià, panorama mozzafiato e gastronomia gourmet

     

     

    Da Figueres a Pùbol, ecco i luoghi di Dalì

     

     

    Catalogna, un Doc biologico nel Parco Cap de Creus

     

  • SPORT | La Seu d’Urgell e Sort, in Catalunya, scelte per il Campionato del Mondo assoluto 2019 di canottaggio

    (TurismoItaliaNews) Saranno la Seu d’Urgell e Sort, in Catalogna, ad ospitare i Campionati del Mondo di white-water in slalom, downhill e freestyle, evento che portano nuovamente al centro dell’attenzione le due città pirenaiche strettamente legate al mondo degli sport acquatici. Nel corso della riunione dei dirigenti della Federazione internazionale di canotaggio (Icf) tenutasi a Marrakesh, in Marocco, la maggioranza ha votato a favore della candidatura congiunta delle due città catalane, le quali hanno battuto la capitale della Slovacchia, Bratislava, con un ampio margine.

    Nel prendere la decisione, il Comitato internazionale ha valutato le strutture e l’ambiente in cui gli atleti gareggeranno, e anche il fatto che i due Comuni catalani hanno già organizzato tre Campionati del Mondo e 15 Coppe del Mondo. In effetti, La Seu d’Urgell è stata una subsede delle Olimpiadi del 1992 svoltesi a Barcellona, e dal 2006 è stata riconosciuta come Destinazione di Turismo Sportivo per la pratica di canottaggio e white-water.

    La gara di slalom nel Campionato del Mondo sarà un evento valido per le qualificazioni alle Olimpiadi di Tokyo 2020, garantendo così la presenza dei migliori canoisti del pianeta. Inoltre a Sort verrà costruita una struttura permanente per l’evento di freestyle, che aiuterà la capitale della regione di Pallars Sobirà ad occupare una posizione di riferimento mondiale nella specialità del white-water.

    Per saperne di più

     

     

  • Viaggi all’insegna dell’avventura da Lleida alla Pobla de Segur sul Tren dels Llacs e sul Montserrat Express

    La vistia può diventare addirittura un'avventura straordinaria con un magico viaggio sullo storico Tren dels Llacs (Treno dei laghi) o sui Montserrat Classic Express, l'unico ristorante turistico su treno in Spagna. Succede in Catalogna.

Chi siamo

TurismoItaliaNews, il web magazine che vi racconta il mondo.

Nasce nel 2010 con l'obiettivo di fornire un'informazione efficace, seria ed obiettiva su tutto ciò che ruota intorno al turismo...

Leggi tutto

Questo sito utilizza cookie, di prima e di terza parte, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la Cookie Privacy...