Giostra - Turismo Italia News

  • Foligno, in the heart of Umbria and Italy, the town of “the Quintana”

    by Giovanni Bosi  Foligno / Italy

    (TurismoItaliaNews) It is considered by tradition the “centre of the world”. Foligno, in the heart of Umbria and Italy, is famous worldwide for the Quintana, the jousting tournament which in June and September renews the challenge among the knights of its ten wards. An exciting challenge where each knight, riding his own galloping horse, has to catch a series of rings (which gradually become smaller and smaller) hanging from a wooden statue called “Quintana”. It is a great feast of people, colours and passions, but also an accurate historical, scenic, iconographic and gastronomic reconstruction of the Italian Baroque. This is Foligno, with its 17th century palaces, museums, Baroque Oratories and the first edition of the Divine Comedy by Dante Alighieri, printed here in 1472.

    The Quintana Tournament

    Every year in June and September Foligno brings to life again the most awaited challenge: the Quintana Tournament, the most charming and difficult ring competition ever held in Italy and for this reason defined as the Olimpics of equestrian competitions. The inhabitants of the town are divided into ten wards (Rioni), each of them being represented by a Knight of ‘the Jousting Field’ (Campo de li Giochi) aiming at winning the banner (Palio). Each knight is identified by a nickname: the “Gagliardo” (strong) represents the Ammanniti ward; the “Ardito” (brave) for the Badia ward; the “Pertinace” (tenacious) for the Cassero ward; the “Furente”(furious) for the Contrastanga ward; the “Fedele” (faithful) for the Croce Bianca ward; the “Animoso (fiery) for the Giotti ward; the “Generoso” (generous) for the La Mora ward; the “Baldo” (brave) for the Morlupo ward; the Moro (dark) for the Pugilli ward; the “Audace” (daring) for the Spada ward.

    In order to win the competition each knight on horseback runs a 754 metres eight-shaped track on the racing ground. At the crossing of the diagonal lines the Quintana statue stands, its left arm holding a shield with the symbols of Foligno (the Lily and the Cross) while its right arm holds the rings which are to be caught with a spear by the knights riding at full gallop. Together with the knights the horses are the protagonists of the race: they are trained for months in order to become fast, precise and competitive. The rings are of three different sizes: eight cm for the first round, six and five cm for the other two. The total number of rounds is nine. The knight who manages to run the track in the shortest time and with the least penalties wins the “Palio” painted every year by a famous artist. The Challenge Tournament is held in June, the Return Game in September.

    The Historical Parade

    The night before the game a historical parade goes through the city centre. Hundreds of characters dressed in Baroque costumes represent the local body responsible for the Tournament(Giostra), the Townhall and the ten Wards. Noblemen and ladies, knights on horseback, pages and valets, drummers and trumpet players, flag bearers and flag jugglers bring back the emotions of the past in a wonderful pageantry. Before the reading of the “Bando” (Opening Speech) in Piazza Grande the knights register for the competition of the next day and the Bishop blesses them in the Cathedral square. Then the Procession goes through the town following a picturesque route under triumphal arches and evocative lights. It takes place in June and September every year.

    The Costumes

    They date back to the period from 1580 to 1620. It is the Hispanic style transferred to Italy, in an area which was under the Pope’s rule. For the production of the costumes worn by the various characters of the Quintana, reference is made to paintings or other iconographic documents of that period:   the most talented city tailors make the costumes using precious and valuable fabrics. Vintage jewellery made by goldsmiths of Foligno with precious materials complete the work.

    The Rings

    The rings, like the statue which has given the name to the tournament, are another unmistakable symbol of the challenge in Foligno. They are hand-made, in three different sizes of eight, six and five cm diameter, and are adorned with white and red strips, the colours of Foligno coat of arms. But why use rings? This type of tournament was introduced after the Roman quintana games where the knights had to hit a trunk or a pole driven in the ground. The knight had to hit, with a spear, circles of different sizes drawn on the trunk thus obtaining different scores and making the challenge more exciting. In later periods circles were drawn on the shields of the statues used for the tournaments; finally rings were used in the same way as they are in the present game.

     

    The Taverns

    The Taverns are the heart of the Wards. Each ward has got its own tavern where people meet and taste Umbrian traditional dishes, an occasion which brings back the atmosphere of the spectacular banquets typical of the Baroque period. The food served in the taverns by characters in costumes is prepared following the 17th century recipes. From the architectonic point of view the taverns are very interesting because they are located in the cellars or other parts of the old palaces in Foligno city centre. The wards compete also in the “Gareggiare dei Convivi”, a competition of banquets which doesn’t consist only in food tasting, but it also includes cookery display, decorations and performances of musicians and actors in the setting of Late Renaissance and early 17th century. The taverns are open in June and September.

    The Soprastanti Fair

    In September (sometimes also at the end of August) Foligno begins the Quintana period with the Soprastanti Fair, a long-awaited event attended by thousands of visitors. It is the recalling of the market which took place in the city centre during the Renaissance. In 1600 Foligno was a meeting point for travellers and merchants on their way to Rome both from the Adriatic coast and from the Po Valley. For this reason, especially in the Middle Ages, Foligno was an important commercial centre where haute couture models arrived before getting to Rome or Florence. The “Soprastanti” were distinguished citizens of Foligno who were appointed every year to supervise the fair and their Captain was the highest dignitary in charge of it. The currency used in the transactions in 17th century Foligno was the “quattrino”, the coin of the Papal States under Pope Paolo V. Still today the fair is organised with the same spirit: everything has to be faithful to the past. From the stalls to the houses, from the decorations to the products sold, from the merchants’ clothes to the soprastanti’s ones. And everything is obviously paid by the “quattrino”.

     

  • La Giostra della Quintana di Foligno riaccende entusiasmi e antiche rivalità: la tenzone cavalleresca più amata è qui

    Giovanni Bosi, Foligno / Umbria

    Palio, tutto si fa per te. A Foligno le bandiere lungo le strade del centro storico annunciano che il Barocco è tornato in auge, auspice la Giostra della Quintana che sabato 16 giugno al Campo de li Giochi riporta i cavalieri dei dieci rioni chiamati a cimentarsi per conquistare l’ambito trofeo nella Sfida che in questo 2018 inserisce per la prima volta la seconda riduzione degli anelli da centrare con la lancia.

  • Quintana di Foligno, la Fiera dei Soprastanti

    NOTIFICAZIONE

     I PRESIDENTI DELLA FIERA

    DELLA CITTÀ `DI FOLIGNO

     Dovendosi celebrare anche in questo anno

    La magnifica et antichissima Fiera de’ Soprastanti

    libera et franca de ogni datio et gabella;

    se fa invito alla S.V. Ill.ma ad intervenirvi

    con le proprie merci, con avvertimento che sarà ben

    accolta, trattata e difesa in ogni incontro.

    La quale Fiera avrà svolgimento in luogo opportuno

    nei pressi del Centro Storico, avendo inizio ad ore 16 et fino alle 24.

     

    In fede. Dato dalla Residenza del Magnifico

    Cancelliere della Giostra della Quintana

    Inizia con questo annuncio la preparazione alla Fiera dei Soprastanti, la rievocazione del mercato che si svolgeva per le vie della città di Foligno nel Rinascimento e che per il 2011 dà appuntamento per domenica 4 settembre in via Scuola di Arti e Mestieri. L’appuntamento acquisisce anno dopo anno un valore ed un sapore inconfondibile, tanto da risultare sempre più attesa ed apprezzata in Umbria e nel resto d’Italia, anche per la sua unicità. "L’originalità in effetti sta sì nella riproposizione di scene di quotidiana vita barocca animata da popolani e commercianti specializzati nella vendita di oggetti rigorosamente coevi – spiega l’architetto Stefano Trabalza, presidente della Commissione Artistica dell’Ente Giostra – ma soprattutto perché la ricostruzione è talmente fedele che le transazioni si concludono solo attraverso il pagamento con i quattrini".

    E questo rappresenta di sicuro il punto di forza della Fiera dei Soprastanti, dettaglio non secondario che diverte i suoi avventori e che li fa ripiombare indietro di quattro secoli. Ecco allora che il visitatore dimentica il presente rituffandosi nel passato e munito dei quattrini, si perde tra le botteghe delle stoffe impreziosite da splendidi broccati, degli ori pregiati che raccontano storie di dame, libri e stampe antichissime, la fedele riproposizione dei cibi dell’epoca riscoprendone gli odori e i sapori autentici. Il quattrino era la moneta dello Stato Pontificio di papa Paolo V nella Foligno del ‘600, appositamente ri-coniato dall’Ente Giostra della Quintana.

    A fare da contorno alla Fiera, i mestieri presentati dai rionali: da quelli più antichi come il bordello, al baratto del bestiame. Così tra un assaggio e un sorso di buon vino, al calar della sera la luce del giorno lascia il posto alle innumerevoli fiaccole che illuminano le facciate dei palazzi e ci si può perdere tra i canti e gli stornelli proposti dai popolani e dalle compagnie teatrali ospiti della manifestazione.

    Ma perché la Fiera dei Soprastanti? Nel Seicento, per la sua naturale conformazione, Foligno era divenuta crocevia di viandanti e mercanti che raggiungevano Roma provenendo sia dal mare Adriatico che dalla Pianura Padana. Per questa peculiarità, soprattutto nel medioevo, si acuì l’aspetto commerciale e mercantile del borgo. Basti pensare che i capi di alta moda arrivavano a Foligno prima di giungere a Roma e Firenze. Il numero dei mercanti e gli interessi che vi gravitavano erano talmente elevati ed importanti, che intorno ai secoli XVI e XVII i folignati si spinsero a regolamentare i mercati, che nascevano spontaneamente in città, attraverso un rigido e severo "dictatum": nasce così quella che oggi rievochiamo e ricordiamo con il nome di "Fiera dei Soprastanti".

    I Soprastanti era cittadini illustri di Foligno che di anno in anno venivano nominati per soprintendere alla fiera, il Capitano della Fiera era invece quel cittadino che aveva massima autorità per tutta la durata della fiera; il Capitano ed i Soprastanti avevano l’autorità di chiudere banchi, disporre ammende e addirittura condannare a morte i mercanti che violavano le regole o che fossero stati colti ad ingannare. La fiera durava due mesi, si teneva in ricordo di Santo Manno e vi potevano partecipare mercanti e cittadini provenienti da ogni dove.

     

     

     

  • UMBRIA | La Giostra della Quintana di Foligno ritrova il Gareggiare dei Convivi in attesa del corteo storico e della Rivincita

    In attesa del corteo storico e della Rivincita, rispettivamente in calendario per sabato 16 e domenica 17 settembre, a Foligno la Giostra della Quintana ritrova il Gareggiare dei Convivi con un format rinnovato: la valorizzazione dei prodotti tipici dell'Umbria (e delle zone terremotate). E intanto la città è già in pieno clima barocco.

  • UMBRIA | Quintana, a Foligno lo spettacolo imponente del corteo delle rappresentanze rionali e del cerimoniale in Piazza Grande

    In attesa della Giostra della Sfida che si disputa sabato 17 giugno, alle ore 21 al Campo de li Giochi, a Foligno la vigilia è dedicata al Corteo e alla suggestione del Cerimoniale in Piazza Grande in programma per venerdì 16 a partire dalle 21.45. La regia degli eventi, anche questa volta, è stata studiata nei minimi dettagli dalla Commissione Artistica dell’Ente Quintana guidata da Stefano Trabalza. L’Architetto della Festa ha preparato un Cerimoniale destinato a lasciare il segno nella tradizione della Quintana.

  • Umbria, il Banchetto barocco della Quintana di Foligno: uno spettacolo meraviglioso con il trionfo dei grandi prodotti

    Un grande Banchetto barocco per celebrare i prodotti tipici del territorio e suggellare l'amicizia con il Portogallo. La Giostra della Quintana di Foligno, nella corte di Palazzo Trinci, ha dato un'autentica conviviale secentesca caratterizzata dalle eccellenze declinate nelle gustose pietanze tardo rinascimentali. Un prologo alla tenzone cavalleresca di domenica 16 settembre.

Chi siamo

TurismoItaliaNews, il web magazine che vi racconta il mondo.

Nasce nel 2010 con l'obiettivo di fornire un'informazione efficace, seria ed obiettiva su tutto ciò che ruota intorno al turismo...

Leggi tutto

Questo sito utilizza cookie, di prima e di terza parte, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la Cookie Privacy...