basilica - Turismo Italia News

  • A L’Aquila riapre la Basilica di Santa Maria di Collemaggio: un lungo restauro finanziato da Eni dopo il sisma 2009

    E’ considerata una delle chiese più importanti dell’Aquila, icona della storia dell’architettura medievale. Gravemente danneggiata dal sisma del 6 aprile 2009 la Basilica di Santa Maria di Collemaggio ha riaperto dopo un restauro finanziato da Eni, con progettazione e direzione dei lavori curate dalla Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per L'Aquila e cratere. Qui Pietro del Morrone fu incoronato Papa il 29 agosto 1294 con il nome di Celestino V.

  • GIORDANIA | Riapre il Memoriale di Mosè: eventi musicali e attività culturali promossi dai frati francescani della Custodia di Terra Santa

    (TurismoItaliaNews) Dopo anni di restauri e nuove scoperte, riapre finalmente la Basilica sul Monte Nebo, luogo da dove Mosè poté ammirare la Terra Promessa e dove fu seppellito. L’inaugurazione, per autorità e invitati, è prevista per il 15 ottobre 2015, mentre il 16 ottobre è programmata la messa solenne, tenuta dal Cardinale Sandri, prefetto della Congregazione per le Chiese Orientali, inviato speciale di Sua Santità Papa Francesco, che leggerà un messaggio del Santo Padre per la grande occasione. Sempre il 16 ottobre è previsto un concerto da parte dell’organista Eugenio Maria Fagiani che inaugurerà il nuovo organo opera dell’artigiano italiano Nicola Puccini, accompagnato dal coro e dall’orchestra Fountain of Love diretti da Tomeh Jbara. Il fitto programma delle celebrazioni culminerà nella Messa di Natale in basilica, il 24 dicembre alle ore 22.

    I lavori di restauro della Basilica hanno portato alla luce nuove scoperte che hanno costretto l’archeologo padre Eugenio Alliata, dello Studium Biblicum Franciscanum di Gerusalemme, a riscrivere la storia del Monte Nebo e del Memoriale, ripercorrendo le testimonianze antiche e illustrando il lavoro degli archeologi francescani (Saller, Bagatti, Corbo, Piccirillo, Alliata, Pappalardo) fino al progetto attuale.

    Il Memoriale di Mosè sul Monte Nebo è il luogo dove, secondo la Bibbia (Deuteronomio 34), Dio mostrò a Mosè la Terra Santa e dove il profeta, venerato dalle tre religioni monoteiste, morì. Benché nessuno abbia mai saputo dove fosse il luogo della sua sepoltura (come dice lo stesso testo sacro), comunità di monaci si stabilirono sul Monte Nebo, perpetuando la memoria di Mosè in questo luogo dal quarto al nono secolo. Nel corso del ‘900 gli archeologi della Custodia di Terra Santa, che nel 1932 aveva acquisito la proprietà del luogo, portarono alla luce l’antico monastero, la basilica e i meravigliosi mosaici in essa contenuti.

     

    Jordan Tourism Board Italy
    Ente del Turismo della Giordania
    www.visitjordan.com
    Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
    www.adventuretravel.biz
    La pagina Facebook

     

  • I 400 anni dal completamento della Basilica di San Marco a Venezia: eredità viva della cultura romana, bizantina e veneziana

    Si celebrano i quattrocento anni dal completamento della Basilica di San Marco a Venezia, vero simbolo di quella che fu la grandezza della Serenissima. L’Italia sottolinea l’evento con il conio di una moneta commemorativa da 2 euro in versione “fondo specchio”. Contestualmente è arrivata anche quella per il il 60esimo anniversario della firma dei Trattati di Roma.

  • I mille anni della Basilica Abbaziale di San Miniato al Monte di Firenze: il Vaticano celebra con 4 cartoline

    Il millenario della fondazione della Basilica Abbaziale di San Miniato al Monte di Firenze viene celebrato anche dalla Città del Vaticano con la stampa di quattro cartoline postali che riproducono alcune scene della vita del santo, riprodotte sulla pala d’altare del XIV secolo, opera di Jacopo del Casentino.

  • In giro per antiche abbazie e basiliche italiane: l’Abbazia di San Gervasio di Bulgaria, l’Abbazia di Casamari e la Basilica Pontificia di San Nicola

    Eugenio Serlupini, Mondolfo / Marche

    In giro per antiche abbazie e basiliche. L’invito a scoprire una volta di più il sorprendente patrimonio artistico e culturale italiano passa per Mondolfo (Marche), Casamari (Lazio) e Basi (Puglia). Dall’Abbazia di San Gervasio di Bulgaria all’Abbazia di Casamari, fino alla Basilica Pontificia di San Nicola, un viaggio nei luoghi del silenzio che esprimono stili architettonici diversi e raccontano storie di fede e di potere.

  • Le donne nel cantiere di San Pietro in Vaticano: artiste, artigiane e imprenditrici dal XVI al XIX secolo

    Nel cantiere petriano sin dal Cinquecento ampi e variegati furono gli impieghi femminili in ambiti considerati da sempre appannaggio esclusivo degli uomini. Nel cantiere vaticano le donne ebbero un ruolo importante: figlie e mogli partecipavano in diverso modo all'attività di famiglia, garantendone la prosecuzione e lo sviluppo in caso di morte del padre o marito, e potendo godere di una sostanziale parità economica rispetto all'uomo. Lo racconta il libro “ Le donne nel cantiere di San Pietro in Vaticano. Artiste, artigiane e imprenditrici dal XVI al XIX secolo”.

  • Lione, il patrimonio di Notre-Dame di Fourvière: dalle candele alla tecnologia della Fête des lumières

    Giovanni Bosi, Lione / Francia

    C’è un luogo a Lione che è particolarmente carico di significati per gli abitanti della città dei due fiumi. Quando dici Fourvière, la storia si accende e si rivivono momenti importanti quanto difficili del passato lionese, indietro nel tempo di addirittura di oltre duemila anni: il martirio del patrono San Potino, l’incubo della peste, la guerra franco-prussiana. Ed è in tutto questo che si ritrovano le premesse di uno degli eventi più spettacolari della Lione di oggi: la Fête des lumières.

Chi siamo

TurismoItaliaNews, il web magazine che vi racconta il mondo.

Nasce nel 2010 con l'obiettivo di fornire un'informazione efficace, seria ed obiettiva su tutto ciò che ruota intorno al turismo...

Leggi tutto

Questo sito utilizza cookie, di prima e di terza parte, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la Cookie Privacy...