Orazio Iacono - Turismo Italia News

  • DESTINAZIONI | Aruba cresce anno dopo anno e diventa punto di riferimento per i turisti italiani: meta top per il 2018

    Sono 7.888 le presenze di italiani sulla One Happy Island nel 2017 (+99% negli ultimi 5 anni). I mesi di maggiore affluenza sono quelli estivi con ottobre e dicembre che crescono e iniziano ad allinearsi con la stagionalità della crescita globale di arrivi. Più di 1 milione di visitatori da tutto il mondo sono arrivati ad Aruba nel 2017.

  • Il dodo, simbolo di Mauritius

    (TurismoItaliaNews) Pesava una quarantina di kg al massimo, poteva svolazzare solo brevemente e solo una volta all’anno era in grado di produrre un uovo. Che quasi sempre finiva come pasto delle scimmie. C’era abbastanza per provocare l’estinzione del dodo, il singolarissimo colombiforme che oggi è il simbolo di Mauritius, la straordinaria isola dell’Oceano Indiano. Se poi si aggiunge che con l’arrivo deli olandesi colonizzatori il dodo ha finito con il costituire un ambito trofeo di caccia da gustare poi a tavola, allora l’estinzione è servita. E infatti su Mauritius non c’è più traccia di questo sorta di pollo dal corpo tozzo e dalle ali piccole ed incomplete, incapaci di sostenerlo nel volo. Il dodo era però un ottimo camminatore, provvisto di gambe corte e robuste, infaticabili nel portare a zonzo i suoi chili.

    Scoperto per la prima volta nel 1497 dall'esploratore Vasco de Gama, nel 1681 era già estinto, dopo aver fornito abbondante cibo alle ciurme delle navi portoghesi che approdavano sulla sperduta isola di Mauritius. Un naturalista dell'epoca scrive: “La sua carne grassa, specialmente quella del petto, è commestibile, e così abbondante che tre o quattro di questi volatili sono sufficienti per riempire la pancia di un centinaio di marinai”. Sui gusti gastronomici di quei navigatori è lecito avanzare qualche riserva, poiché in altra parte del diario si legge che il dodo veniva soprannominato “uccello delle nausee” tanto la sua carne era dura e sgradevole.

    Fino al 1755 era possibile ammirare un dodo imbalsamato all’Università di Oxford, ma poi anche questo esemplare venne distrutto, divorato dai tarli: evidentemente era proprio destino che il dodo dovesse sempre finire in pasto agli affamati... Oggi non ci rimangono che alcune ossa sparse qua e là in vari musei di scienze naturali.

    Leggi gli altri servizi dedicati a Mauritius:

    Mauritius, l'isola verde delle vacanze

    I Post Office di Mauritius, icone della filatelia mondiale

    Pamplemousses, i giardini botanici delle grandi ninfee a Mauritius

    Mauritius: sapore, odore e colore delle spezie

    Il dodo, simbolo di Mauritius

     

     

  • New York, edizione invernale 2018 per la Nyc Broadway Week con 20 spettacoli: promozioni in hotel per attrarre

    La Nyc Broadway Week torna nella sua edizione invernale con 20 spettacoli partecipanti dal 16 gennaio al 4 febbraio 2018. La promozione permette ai possessori di biglietti della rassegna di ricevere un credito per cibo e bevande e di approfittare di tariffe vantaggiose in hotel. Ecco come funziona.

  • TRENITALIA | Orazio Iacono nominato amministratore delegato, insediato il nuovo CdA della società ferroviaria

    Orazio Iacono è il nuovo amministratore delegato di Trenitalia. Come ad e direttore generale, Iacono ha tutte le deleghe operative; lascerà l’incarico di direttore della Divisione Passeggeri Regionale di Trenitalia che ricopriva dal 2014. Tiziano Onesti è stato confermato alla presidenza.

Chi siamo

TurismoItaliaNews, il web magazine che vi racconta il mondo.

Nasce nel 2010 con l'obiettivo di fornire un'informazione efficace, seria ed obiettiva su tutto ciò che ruota intorno al turismo...

Leggi tutto

Questo sito utilizza cookie, di prima e di terza parte, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la Cookie Privacy...