tradizione - Turismo Italia News

  • Azulejos, tesoro del Portogallo: le piastrelle di piccole dimensioni dai toni dell’azzurro sono autentici capolavori

    Azulejos, ovvero ceramiche. E' ciò che contraddistingue il Portogallo in tutto il mondo: sono un simbolo del Paese e moltissimi edifici, chiese e stazioni ne sono completamente ricoperti. Ecco allora un viaggio per esplorare le sue bellezze e scoprire queste piastrelle di piccole dimensioni dai toni dell’azzurro, usate come decorazioni di intere facciate di svariati edifici e monumenti.

  • Bacalà alla Vicentina, il gusto di cucinare una ricetta antica di 400 anni

    Saperlo cucinare è un’arte. E attenzione a non chiamarlo nel modo sbagliato perché la Confraternita che ne tutela immagine, gusto e tradizione ci tiene particolarmente: il nome esatto è Bacalà alla Vicentina, sinonimo di un'originale ricetta unica ed esclusiva che vanta oltre 400 anni, tramandata da generazioni di madre in figlia fino ai giorni nostri. Considerato un’eccellenza del sistema produttivo ed economico, al Bacalà l’Italia dedica un francobollo.

  • Bamberga, un patrimonio di arte medievale con la magia del passato sospeso in aria

    Eugenio Serlupini, Bamberga / Germania

    Gli amanti di architettura ed urbanistica medievale trovano qui la loro città ideale. Ma più in generale il visitatore attento trova una "palestra" in cui cimentarsi nella ricerca di simboli, decorazioni e indizi del passato che si può rilevare interessante. Prima di fiondarsi in una birreria storica o in un bar alla ricerca nientemeno che del gelato artigianale della tradizione veneta... Benvenuti a Bamberga, Baviera.

  • Bibbiena, i capolavori invetriati firmati Della Robbia nel santuario che ricorda la scampata ondata di peste del Trecento

    Giuseppe Botti, Bibbiena / Toscana

    Pievi e chiesette dei borghi toscani hanno sempre qualcosa da riservare ai visitatori che arrivano in visita, casualmente piuttosto che con una guida turistica in mano o sull’onda della notorietà del luogo. Come a Bibbiena, dove il Santuario di Santa Maria del Sasso – ritenuto l’unico esemplare rinascimentale nel Casentino – conserva due magnifiche terrecotte invetriate attribuite a Luca della Robbia “il Giovane”.

  • Birra, cultura e sostenibilità alla Manufacture Urbaine di Charleroi, in Belgio: un’esperienza di grande gusto

    Angelo Benedetti, Charleroi / Belgio

    Charleroi si rivela una meta assolutamente da non perdere. Non solo perché in questi ultimi anni ha conosciuto un rinascimento urbanistico che ha consentito la riqualificazione di ampie zone di questa città della Vallonia, come il lungofiume sul Sambre, ma anche per alcune attività che qualificano ulteriormente quella che è una grande tradizione belga: la produzione della birra, inserita nel patrimonio culturale immateriale dall’Unesco. Siamo a visitare la Manufacture Urbaine, facendoci coinvolgere nelle sue bontà…

  • Brindisi al tramonto fra i vigneti di Ischia: la storia della Casa D’Ambra parla di un'antica tradizione vinicola

    Giovanni Bosi, Ischia

    Affacciarsi dai terrazzamenti della Tenuta Frassinelli, dove la vigna Pietra Martone e Tifeo viene baciata dal sole per l’intera giornata, e scoprire scorci romantici di Ischia, è una sensazione che non ha prezzo, specie se si ha la fortuna di trovarsi lì al tramonto. E’ quello il punto giusto per comprendere come sull’isola verde si porta avanti quella viticoltura eroica che ha conquistato tutto il mondo.

  • C’è tutta la Calabria nel Pecorino del Monte Poro, il Dop della tradizione è ricercatissimo a tavola

    Già presidio Slow Food, il Pecorino del Monte Poro è ormai un Dop di grande prestigio. Prodotto nel territorio dei comuni della provincia di Vibo Valentia appartenenti al comprensorio che gli dà il nome, questo formaggio si ottiene esclusivamente da caglio e latte ovino proveniente dagli allevamenti della zona. Sapore fragrante e con aromi di fiori selvatici, di macchia mediterranea e di fieno, pastoso e piacevolmente nocciolato all'assaggio, caratteristiche che diventano sempre più intense con l'aumentare della stagionatura, accompagnandosi ad una decisa pungenza e sapidità.

  • C’è tutto il gusto del Perù nel Pisco Sour, un cocktail che sta spopolando nei locali di mezzo mondo

    E’ un cocktail che sta spopolando nei locali di mezzo mondo. E’ il Pisco Sour, che unisce in un colpo solo Perù e Stati Uniti. In realtà il punto di partenza è proprio il Paese sudamericano: il Pisco è infatti un distillato, un’acquavite (con almeno il 38% di alcool), prodotto da uve peruviane portate in terra sudamericana dagli spagnoli. Servito oggi sotto forma di cocktail dai bartender di tutto il mondo, il Pisco affonda le sue radici 400 anni fa proprio nel cuore del Perù.

  • CAPODANNO | Coldiretti: la ripresa si sente a tavola, per il cenone di fine anno spesi 2,3 miliardi di euro (+10%)

    La ripresa si sente a tavola e per il cenone di fine anno gli Italiani hanno speso un importo di 2,3 miliardi di euro per i cibi e le bevande, con un aumento del 10% rispetto allo scorso anno. E' quanto emerge da una indagine Coldiretti/Ixé dalla quale si evidenzia il ritorno a tavola dei prodotti piu' tipici della notte piu' lunga dell'anno.

  • Capodanno 2018 a Tokyo: fra tradizione, riti e delizie per il palato una meta appassionante per trascorrere una festa speciale

    Una meta appassionante per trascorrere un Capodanno speciale: Tokyo, la metropoli che unisce tradizione e innovazione. La città, che di per sé è un capolavoro di innovazione, offre anche molti aspetti culturali della tradizione durante tutto l'anno e in particolar modo in questo periodo, molto particolare ed intimo per i giapponesi.

  • Cappelletti umbri in brodo, grande primo di Natale

    Secondo la più pura tradizione umbra, è un primo che non può mancare a tavola il giorno di Natale (e possibilmente neanche il giorno di Capodanno). Sono i Cappelletti in brodo, una delizia del palato perché racchiudono all’interno della sfoglia la delicatezza di tanti ingredienti miscelati insieme. Un piatto di Cappelletti potrebbe resuscitare un morto, chiosa qualcuno. Ed ecco svelata la ricetta da Casa Spineto. A proposito: i Cappelletti sono buoni in qualsiasi periodo dell'anno...

  • Capperi, che gusto! I colori della cucina afrodisiaca di Pantelleria

    Per qualcuno, quella di Pantelleria, è una cucina afrodisiaca. Merito probabilmente dei profumi, del colore e del sapore che stimolano davvero tutti i sensi. Già il mare azzurro che circonda l’isola, più vicina all’Africa che alla costa siciliana, sembra avvolgerti in un abbraccio speciale, ma la sorpresa arriva quando si esplora l’interno e si scopre un paesaggio imprevedibile.

  • Chitarrine all’uovo con pannocchie, pistacchi e Pecorino

    Pannocchia, ma anche canocchia oppure cicala di mare o persino Squilla mantis in termini scientifici. Chiamatelo come volete, ma di certo questo gustoso crostaceo che si trova lungo tutte le coste del Mediterraneo, è un ingrediente prelibato che si abbina bene a tavola in diversi piatti. Peraltro è di facile reperibilità durante tutto l’anno, anche se i mesi migliori sono marzo, aprile, maggio, giugno, luglio, agosto, settembre e  novembre. E la pannocchia è ovviamente una delle componenti della nuova ricetta che arriva da Casa Spineto.

  • Cjarsons, oltre cinquanta ricette da provare a tavola: il raviolo della Carnia conquista ogni palato

    Giovanni Bosi, Sutrio / Udine

    Tradizionalmente è considerato il classico “piatto povero” perché arrivava a tavola dopo aver messo insieme avanzi di cucina e quel c’era in dispensa. Tecnicamente è una specialità delicata e certosina perché, a ben guardare, è il frutto della conoscenza della montagna e delle prelibatezze che spontaneamente dona. Sono i Cjarsons, i i famosi ravioli della Carnia, il cui ripieno varia da paese a paese, ma anche da famiglia a famiglia.

  • CODACONS | Oltre 21 milioni di famiglie alle prese con l’albero di Natale: il 65% sceglie quello sintetico

    Tra oggi e domenica, oltre 21 milioni di famiglie saranno alle prese con l’albero di Natale e gli addobbi natalizi, una tradizione a cui nemmeno quest’anno gli italiani intendono rinunciare. Lo afferma il Codacons, che diffonde i dati sulle spese delle famiglie in occasione della festa dell’Immacolata.

  • Come tradizione comanda: a Trento il Mercatino di Natale è anche green, viaggio nel tempo con i treni storici

    Verde, amico dell’ambiente e attento alla sostenibilità, una sensibilità si traduce in iniziative concrete sul territorio, che vanno dalla mobilità dolce all’energia pulita, dall’utilizzo di stoviglie compostabili alla carta eco-certificata. Ma ovviamente è anche rosso come i fiocchi e le candele decorate, oro come le stelle e le luminarie appese sulle vie, bianco come i cristalli di neve e le ghirlande. Insomma, come tradizione comanda. Dal 23 novembre 2019 fino al 6 gennaio 2020, il Mercatino di Natale di Trento si raggiunge anche con gli speciali treni d’epoca, per un viaggio nella storia.

  • Cremona la dolce: torna la Festa del Torrone, l’appuntamento atteso da golosi e amanti di storia e tradizioni

    Da sabato 18 a domenica 26 novembre, Cremona si trasforma in un vero e proprio girone dantesco, ma nella sua versione paradisiaca, perché il tema di questa edizione della Festa del Torrone è “La gola”. Molti gli appuntamenti speciali che esalteranno l’anima golosa e ghiottona della città, con oltre 250 iniziative tra spettacoli, degustazioni e appuntamenti culturali. Tante le novità in fatto di animazione ma non mancheranno gli appuntamenti tradizionali, come le Costruzioni Giganti di Torrone, la Rievocazione del matrimonio tra Francesco Sforza e Bianca Maria Visconti e il Torrone d’oro, che da sempre accompagnano la Festa.

  • Crocifissi miracolosi e pietre che celano immagini sacre: le opere d’arte a cui si affida da secoli la devozione popolare

    Angelo Benedetti, Cividale del Friuli

    Crocifissi miracolosi, immagini sacre dipinte da una forza superiore, pietre che celano l’immagine della Madonna. L’Italia conserva in moltissimi luoghi opere d’arte alle quali la devozione popolare affida da secoli la propria sorte. Eccone alcune, da nord a sud del Belpaese.

  • Dallo zenzero all’assenzio: con l’essenza di Ibbur il processo interamente manuale dona il gusto di una volta

    Edoardo Betti, Spoleto / Umbria

    E’ una bella storia quella di Raffaella Ricci, figura materna di Ibbur. Una storia contraddistinta da una forte passione per le spezie che l’ha portata oggi a chiudere con il suo passato da commercialista per dedicarsi esclusivamente alle sue creazioni: liquori naturali ed insoliti come l’assenzio.

  • Danesi mobilitati per l’Hygge Patrimonio Unesco: è il segreto della felicità spontanea

    E’ una parola difficile da tradurre letteralmente e racchiude in sé un mondo di sfumature: condividere i piaceri semplici della vita, creare un’atmosfera intima, accogliente e rilassata, stare bene con se stessi e con gli altri. E’ l’Hygge, il segreto della felicità danese, tema di grande tendenza dal 2016, Adesso in Danimarca tutti sono mobilitati per ottenere il suo inserimento nel Patrimonio immateriale dell’umanità Unesco.

Chi siamo

TurismoItaliaNews, il web magazine che vi racconta il mondo.

Nasce nel 2010 con l'obiettivo di fornire un'informazione efficace, seria ed obiettiva su tutto ciò che ruota intorno al turismo...

Leggi tutto

Questo sito utilizza cookie, di prima e di terza parte, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la Cookie Privacy...