Giovanni Bosi - Turismo Italia News

  • A Genova nei Palazzi della “maraviglia”: i Rolli grandiosi, sfarzosi e ammalianti come nel Secolo d’Oro

    Giovanni Bosi, Genova

    Decorazioni in stucco, marmo o dipinte. Atri grandiosi, splendidi giardini con fontane e ninfei. La bellezza non si ferma agli affacci sulla pubblica via o nelle corti “abbracciate” dalle sontuose architetture. All’interno la “maraviglia” è ancor più grande: saloni affrescati, arredi preziosi, collezioni pregiate, quadrerie ricche con firme straordinarie. Sono i Palazzi dei Rolli, le residenze costruite dalle famiglie aristocratiche più ricche e potenti della Repubblica di Genova quando erano al vertice del potere finanziario e dei traffici portuali. E che oggi si aprono per ammaliare come un tempo…

  • A Mandawa, la città degli havelis riccamente decorati: nel Rajasthan un tesoro da vedere

    Reportage: gli antichi Palazzi raccontano fasti ed eccessi dei secoli scorsi

    Giovanni Bosi, Mandawa / India

    Bellezza e decadenza. E’ un’insostenibile leggerezza dell’essere quella dell’incredibile Mandawa, la cittadina del Rajasthan indiano che possiede un patrimonio artistico meritevole di essere inscritto nella World Heritage List dell’Unesco: sono gli havelis, ovvero sontuosi palazzi privati riccamente decorati. Ma che di fatto sono abbandonati a se stessi dopo il lustro e la potenza dei secoli scorsi. Ormai solo un ricordo.

  • A spasso per Delhi con il tuk tuk: sulle strade della chiassosa metropoli da 20 milioni di persone

    Giovanni Bosi, Delhi / India

    Venti milioni di abitanti non sono uno scherzo. Basta muoversi per le strade di Delhi per rendersene conto. La colorata e chiassosa metropoli capitale dell’India negli ultimi cinque anni ha fatto passi da gigante per migliorare la mobilità urbana e rendere più fluida e alternativa la circolazione motorizzata al pari delle persone. Mettersi in auto durante il giorno, lungo qualsiasi arteria della città, è come scoprire che quei venti milioni di persone si sono messi in movimento tutti insieme, contemporaneamente.

  • A Zante, Grecia, per scoprire il meraviglioso parco marino dove si riproducono le tartarughe marine Caretta caretta

    Giovanni Bosi, Zante / Grecia

    Non poteva che essere questo angolo di Mediterraneo uno dei luoghi prediletti dalle tartarughe marine Caretta caretta per deporre le loro uova, perpetuando il ciclo della vita di questa amatissima specie tra le più rare e purtroppo a rischio estenzione. Nell’area protetta del golfo di Laganas, dove si affacciano spiagge meravigliose e affiorano gli isolotti di Marathonisi e Pelouzo, sulla costa meridionale di Zante, questi veri e propri personaggi marini compiono il rito della riproduzione. Siamo andati a vedere.

  • Abruzzo: nell’Abbazia di San Clemente a Casauria monaci, santi, pontefici ed imperatori scolpiti su pietra raccontano la bellezza della storia

    Giovanni Bosi, Castiglione a Casauria / Abruzzo

    Monaci, santi, pontefici ed imperatori. Capitelli, architravi e stipiti sono affollati di personaggi che raccontano la storia facendo di questo abbazia uno straordinario libro di storia in pietra e marmo. Equiparabile a quella di altri centri monastici dell’Italia centrale come Montecassino, San Vincenzo al Volturno, Farfa e Subiaco, le vicende dell’Abbazia benedettina di San Clemente a Casauria l’hanno reso un patrimonio irripetibile.

  • Albania: a Butrinto una speciale combinazione di archeologia, monumenti e natura del Mediterraneo

    Giovanni Bosi, Butrinto / Albania

    Il luogo più affascinante è probabilmente il teatro. Guardando verso gli spalti sembra quasi di cogliere i volti concentrati dei suoi spettatori o sentire gli applausi diretti agli attori impegnati nella rappresentazione di una commedia o di una tragedia. Siamo a Butrinto, nel sud dell’Albania, ad una ventina di chilometri dalla moderna Saranda. Questo sito inscritto dall’Unesco nella World Heritage List si svela al visitatore con la sua speciale atmosfera creata dalla combinazione di archeologia, monumenti e natura del Mediterraneo.

  • All’Accademia di Belle Arti di Perugia tra passato e futuro: grandi opere e grandi artisti, di ieri e di domani

    Giovanni Bosi, Perugia

    Una fucina del bello ormai testimonial dell’arte italiana nel mondo. Ma non solo: perché oggi l’Accademia di Belle Arti “Pietro Vannucci” di Perugia, fondata nel 1573 e dunque seconda accademia più antica d'Italia, è anche uno scritto di antichi tesori oltre che di saperi che guardano al futuro. Il museo dell'accademia conserva infatti un patrimonio storico-artistico di valore inestimabile: i gessi preparatori di importanti opere della scultura europea. Siamo andati a vedere.

  • All’Osteria del Baccalà di Stra c’è tutta la tradizione veneta nelle sue mille declinazioni, salsa al saor compresa

    Giovanni Bosi, Stra / Veneto

    Il baccalà in tutte le sue declinazioni. Se nella versione alla vicentina è il più famoso, tanto da assurgere ad alfiere del Veneto, in realtà può essere portato in tavola preparato in cento modi diversi, complice la stagionalità degli ingredienti di contorno. E questo è quanto propone Linda Cacco nella sua Osteria del Baccalà a Stra, in provincia di Venezia, nella Terra dei Tiepolo e Riviera del Brenta. Siamo andati a vedere, pardon: ad assaggiare.

  • Alla ricerca dell’Arca perduta: a Echmiadzin, in Armenia, in un’antica chiesa c’è un pezzo della barca di Noè

    Giovanni Bosi, Echmiadzin / Armenia

    Avete mai visto la leggendaria Arca di Noè? Un frammento di quella che può essere ben più di un simbolo o di un racconto biblico, è conservato in Armenia nella cattedrale madre di Echmiadzin, oggi Patrimonio dell’Unesco. Siamo andati a vederlo: quando ci si trova al cospetto dei frammenti di legno ritenuti essere parte della grande imbarcazione costruita da Noè su indicazione divina per sfuggire al Diluvio universale, non mancano suggestioni e interrogativi.

  • Angelokastro, il castello di Corfù a strapiombo sul mare: pirati e Ottomani non sono mai riusciti ad espugnarlo

    Giovanni Bosi, Corfù / Grecia

    Imponente, indomito, inespugnabile. Ancora oggi sono queste le sensazioni che suscita Angelokastro, la splendida rocca costruita a poca distanza da Paleokastritsa, sulla costa occidentale di Corfù, l’isola ionia greca che in fatto di testimonianze storiche ha molto da raccontare. E’ suggestivo impegnare la “scalata” del castello bizantino poco prima del tramonto, quando il Sole dona colori dorati ai resti dell’antica struttura a strapiombo sul mare.

  • ArArAt, il brandy simbolo dell'Armenia nel mondo: invecchia a Yerevan, nella cantina-fortezza che è pure Museo del gusto

    Giovanni Bosi, Yerevan / Armenia

    Le albicocche sono indiscutibilmente il simbolo dell’Armenia, basti pensare che alcuni semi di questo frutto sono stati rinvenuti nella zona dell’antico tempio di Garni e già gli antichi romani lo avevano chiamato “mela armena”, connotazione geografica che oggi si ritrova ancora in botanica. Eppure – quasi inaspettatamente - c’è anche un altro simbolo di questo Paese, di cui gli stessi armeni vanno orgogliosi e che si richiama al monte sacro: l’ArArAt, il brandy.

  • Architettura moderna in Umbria tra le 2 guerre: semplice semplice ma italiano italiano

    Pubblicato dalle Edizioni Orfini Numeister, che confermano così una volta di più la loro attenzione per il patrimonio artistico e culturale del territorio umbro, il libro “Semplice semplice ma italiano italiano. Architettura moderna in Umbria“ in distribuzione dal 5 giugno 2011, rappresenta l’opportuna valorizzazione degli atti del convegno di studi tenutosi sul tema a Foligno nel maggio 2009.

  • Architettura, arte, design, fashion, italian style e calzature: c’è davvero tutto questo a Villa Foscarini Rossi, a Stra

    Giovanni Bosi, Stra / Veneto

    Architettura, arte, design, moda, fashion, italian style. C’è davvero tutto questo a Villa Foscarini Rossi, a Stra: nel complesso architettonico secentesco, a due passi dalla monumentale Villa Pisani e lungo la Riviera del Brenta, un lungimirante esempio di omaggio alla creatività a tutto tondo, partendo dalla storia di un uomo che ha saputo guardare lontano, partendo nientemeno che da un paio di scarpe. E per Luigino Rossi le scarpe hanno sempre rappresentato una passione, ben oltre un lavoro… Tanto che è qui il Museo della Calzatura.

  • Blue Eye, la Natura ha un occhio azzurro: in Albania una sorgente sotterranea origina un fenomeno di grande attrazione

    Giovanni Bosi, Saranda / Albania

    In albanese Syri i Kaltër significa “l’Occhio azzurro” e in qualche modo sembra trasmettere anche una sensazione di qualcosa di ipnotico, forse per i lenti vortici di acqua e bolle d’aria che rivelano la presenza di una sorgente sotterranea. Siamo sulle pendici occidentali del monte Mali i Gjerë, nel sud dell’Albania, e questo è uno tra i luoghi più belli del Paese balcanico affacciato sullo Jonio. In tutto il mondo questo luogo è noto “The Blue Eye” ed è decisamente da vedere.

  • Cerveteri, patrimonio dell’Umanità che racconta la suggestiva storia degli Etruschi

    Giovanni Bosi, Cerveteri / Lazio

    E se a Cerveteri tornasse per sempre l’antico cratere di Eufronio, saccheggiato da una tomba etrusca del territorio, rocambolescamente finito al Metropolitan Museum of Art di New York, poi recuperato dall’Italia ed oggi esposto (impropriamente) al museo di Villa Giulia a Roma? Ben più di una semplice aspirazione per la cittadina laziale, che possiede la più maestosa necropoli etrusca proclamata dall’Unesco Patrimonio dell’umanità. Storia ma anche presente, perché qui non c’è luogo più animato dell’antica Città dei Morti… Siamo andati a vedere.

  • Cina: sul Bund di Shanghai la movida della notte condivide la scena con la storia

    Giovanni Bosi, Shanghai / Cina

    E’ decisamente il luogo migliore da cui partire per conoscere da vicino Shanghai. La sterminata metropoli cinese è oggi l’immagine più emblematica della modernità del Paese del dragone e la movida notturna, al pari di qualsiasi altra città occidentale, è uno dei risvolti irrununciabili. Al settimo piano del numero 18 del Bund, in uno dei palazzi cult del viale che si snoda lungo la riva sinistra del fiume Huangpu e davanti al tecnologico quartiere degli affari di Pudong, c’è il Bar Rouge, il club ultra-lux che ha portato a Shanghai la vita notturna di alta classe.

  • Covid-19, la World Tourism Organization (Onu): il turismo ruolo chiave nei futuri sforzi di ripresa, no a restrizioni inutili

    Giovanni Bosi, Madrid

    Un'attività economica trasversale diversa dalle altre e parte integrante dell'agenda per lo sviluppo sostenibile: il turismo svolgerà un ruolo chiave nei futuri sforzi di ripresa. La sottolineatura è dell'Unwto, la World Tourism Organization agenzia specializzata delle Nazioni Unite, che davanti all'emergenza del Covid-19 sollecita governi, organizzazioni internazionali e agenzie donatrici ad includere il turismo tra le priorità nei piani e nelle azioni di risanamento e rilancio.

  • Da Goldoni a D’Annunzio tutti l’hanno amata: Villa Widmann Rezzonico Foscari, a Mira il percorso che racconta la nobiltà del ‘700

    Giovanni Bosi, Mira / Venezia

    E’ suggestivo pensare che in queste stesse sale si sia mosso anche Carlo Goldoni, arrivato qui per rappresentare le sue brillanti commedie. Siamo a Mira, a una manciata di chilometri da Venezia, lungo quella Riviera del Brenta che offre innumerevoli itinerari suggestivi, alla scoperta di suoni e colori della natura, nel cuore delle vie fluviali e della laguna veneta. L’attrazione è Villa Widmann Rezzonico Foscari: tutto parla dello splendore della nobiltà veneta del Settecento, dove entrando sembra quasi di avvertire la musica del quartetto d’archi che un tempo allietava gli animi degli ospiti…

  • Dalle albicocche ai khachkars i simboli della tradizione dell’Armenia: da Noè all’Ararat l’orgoglio di un popolo

    Giovanni Bosi, Yerevan / Armenia

    Simboli che parlano di storia, tradizioni, cultura, arte, perfino gusto e sapori. Ogni Paese ne ha, lo sappiamo bene noi italiani. A questo non sfugge neppure l’Armenia dove albicocche, duduk, vigneti e khachkars (le artistiche croci di pietra) sono autentici patrimoni che contraddistinguono nel mondo questo Paese nel Caucaso meridionale.

  • E’ l’Anno di Göbeklitepe: eventi e conferenze per lo straordinario sito archeologico nell’Anatolia sud-orientale

    Giovanni Bosi, Turchia

    Collocato sulle montagne Germuş nell’Anatolia sud-orientale, è uno dei tesori della Turchia. Il il sito archeologico di Göbeklitepe, con le sue monumentali strutture megalitiche tonde-ovali e rettangolari erette dai cacciatori-raccoglitori nell’età neolitica pre-cereana tra il 9600 e l'8200 avanti Cristo sono indiscutibilmente un patrimonio dell’Umanità. Lo ha sancito lo scorso anno l’Unesco e così la Turchia ha deciso di dedicare il 2019 alla valorizzazione di questo straordinario luogo.

Chi siamo

TurismoItaliaNews, il web magazine che vi racconta il mondo.

Nasce nel 2010 con l'obiettivo di fornire un'informazione efficace, seria ed obiettiva su tutto ciò che ruota intorno al turismo...

Leggi tutto

Questo sito utilizza cookie, di prima e di terza parte, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la Cookie Privacy...