segreti - Turismo Italia News

  • Firenze, il segreto della Cupola del Brunelleschi: un libro rivela tutti i dettagli tecnici

    (TurismoItaliaNews) Con la sua bellezza attira da secoli lo sguardo di visitatori. Ma anche per gli studiosi rappresenta un oggetto di interesse sia per la sua particolare e innovativa tecnica costruttiva sia per le sue dimensioni. E’ la Cupola del Duomo di Santa Maria del Fiore, costruita a Firenze da Filippo Brunelleschi tra il 1420 e il 1436. Ad essa è dedicata il libro “Il segreto della Cupola del Brunelleschi a Firenze” (Editore Pontecorboli). Quello intorno alla celebre Cupola è un interesse che il trascorrere del tempo non ha attenuato come dimostra l’ultima ricerca frutto del lavoro di Roberto Corazzi, professore ordinario di Fondamenti ed applicazioni della geometria descrittiva, e Giuseppe Conti, professore associato di istituzioni matematiche, presso la Facoltà di Architettura dell’Università di Firenze.

    Uno studio che dunque è stato raccolto nel libro “Il segreto della Cupola del Brunelleschi a Firenze” pubblicato dall’editore Pontecorboli, e che rappresenta un fondamentale contributo alla comprensione delle tecnologie utilizzate dal Brunelleschi per la realizzazione del suo capolavoro. Si tratta di una importante ricerca, che nasce da anni di lavoro, sviluppata grazie alla collaborazione della Facoltà di Architettura di Firenze. Lo studio ha permesso di scoprire nuove caratteristiche della cupola, sulla sua forma e sulla sua configurazione spaziale, e di approfondire le tecniche di costruzione utilizzate per realizzare quello che nel corso degli anni è diventato uno dei simboli della nostra città.

    La celebre cupola del Brunelleschi che costituisce la copertura della crociera del Duomo di Firenze, è la più grande in muratura mai costruita (diagonale maggiore della cupola interna: 45 metri, quella dell’esterna: 54). Con questa nuova ricerca di Corazzi e Conti si è voluto imprimere una svolta decisiva e, con l’apporto delle più recenti tecnologie nei settori del rilievo e della diagnostica, si è avviata una campagna di indagini. I risultati ottenuti sono estremamente interessanti: tutte le teorie elaborate dagli studiosi nel corso dei secoli forniscono quasi lo stesso identico modello geometrico (a parte pochissime eccezioni). Il risultato è di estrema importanza poiché dimostra che tutti gli studiosi, pur con parole diverse, hanno dato, in maniera indipendente ed inconsapevole, la stessa risposta allo stesso problema.

    "Abbiamo iniziato un rilievo sistematico della struttura, con particolare attenzione alla tessitura muraria della Cupola. La realizzazione di un modello sperimentale di una porzione di vela, con le stesse caratteristiche di quello reale e costituito con gli stessi materiali, disposti secondo quanto emerso dalle indagini effettuate. Il confronto tra i risultati ottenuti dalle indagini svolte sul modello e sulla Cupola hanno permesso di fare precise affermazioni sulla tipologia della struttura".

  • Il Belpaese in trasferta a Berlino per Itb 2019: con Enit protagonisti i territori italiani con le loro bellezze

    Sposati (53,5 %), impiegati a tempo pieno (54,3%) e con un livello culturale medio-alto (38,8 % universitario e post universitario): ecco l’identikit del turista tedesco che visiterà il nostro Paese nei prossimi tre anni. I tedeschi guardano al futuro in Italia: dai Golden Age ai Millennials, l’Italia è una tradizione che si rispetta. Enit si prepara a tagliare il nastro dello stand Italia alla Itb di Berlino, in calendario dal 6 al 10 marzo 2019 alla Messe Berlin.

  • Narni Sotterranea: l’Inquisizione, i processi e… Misteri e suggestioni al di sotto della città medievale

    Giovanni Bosi, Narni / Umbria

    E’ proprio il caso di dirlo: quando la realtà supera la fantasia. E’ un vorticoso viaggio a ritroso nel tempo, con tanto di misteri, suggestioni, colpi di scena e straordinarie location quello che assicura la visita a Narni Sotterranea, nella cornice di grande richiamo nell’Umbria medievale. Nella cittadina che sovrasta il fiume Nera (che le valse l’interesse dell’antica Roma per la sua posizione strategica), resa immortale dal grande condottiero Erasmo il Gattamelata e portata alla ribalta mondiale dallo scrittore Walter Hooper con “Le cronache di Narnia”, nome latino della colonia romana, la visita non è un normale giro turistico, ma un’affascinante scoperta di storie che ancora oggi attendono di essere completamente svelate. Come quei processi nei sotterranei dell’Inquisizione…

  • Una camera segreta nella Piramide di Cheope: ScanPyramids svela i misteri della più antica delle 7 meraviglie del mondo antico [VIDEO]

    La più antica delle sette meraviglie del mondo antico e l’unica a rimanere in gran parte intatta continua a destare la meraviglia del mondo. I ricercatori del progetto internazionale ScanPyramids hanno individuato nella Piramide di Cheope, in Egitto, una nuova cavità lunga almeno 30 metri, al di sopra della Grande Galleria. E’ la più antica e la più grande delle tre piramidi principali della necropoli di Giza ed è conosciuta anche come Grande Piramide di Giza o Piramide di Khufu.

Chi siamo

TurismoItaliaNews, il web magazine che vi racconta il mondo.

Nasce nel 2010 con l'obiettivo di fornire un'informazione efficace, seria ed obiettiva su tutto ciò che ruota intorno al turismo...

Leggi tutto

Questo sito utilizza cookie, di prima e di terza parte, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la Cookie Privacy...