Scheggino - Turismo Italia News

  • “Capolavori del Trecento. Il cantiere di Giotto, Spoleto e l’Appennino”: in Umbria esposti 70 capolavori in 4 sedi

    Una settantina di dipinti a fondo oro su tavola, sculture lignee policrome e miniature, che raccontano la meraviglia ambientale dell’Appennino centrale e la civiltà storico-artistica, civile e socio-religiosa nell’Italia di primo Trecento. Nei comuni umbri di Trevi, Montefalco, Spoleto e Scheggino fino al prossimo 4 novembre si tiene la mostra “Capolavori del Trecento. Il cantiere di Giotto, Spoleto e l’Appennino”, curata da Vittoria Garibaldi, Alessandro Delpriori e Bernardino Sperandio.

  • In Umbria lo splendore dei capolavori del Trecento riaccende la grandiosità del patrimonio di Trevi, Montefalco e dintorni

    Giovanni Bosi, Trevi / Umbria

    Quattro città, cinque sedi espositive e davanti agli occhi un patrimonio artistico prodotto nell’arco di un secolo che si è rivelato grandioso per l’Umbria e che a ben guardare coinvolge praticamente tutta l’Italia centrale. Così la mostra “Capolavori del Trecento. Il cantiere di Giotto, Spoleto e l’Appennino” appare subito come un evento che ha il pregio di richiamare l’attenzione su autentici tesori ma, al contempo, anche sui luoghi per i quali furono pensati. L’evento è organizzato da Civita Mostre e Sistema Museo.

  • Le Isole Andamane o un viaggio tribale in Orissa? Arriva il nuovo catalogo del tour operator Viaggindia di Kesar Singh

    “Per altri operatori organizzare i viaggi è un lavoro, ma per me è una poesia scritta dal cuore”: è l’incipit del nuovo catalogo di Viaggindia, il tour operator capitanato da Kesar Singh, le cui origini indiane “tradiscono” l’amore per il suo Paese, cui peraltro dedica sovente le sue poesie. La pubblicazione che arriva ora per la nuova stagione riguarda anche Nepal e Bhutan.

  • UMBRIA | La Spoleto-Norcia non c’è più, ma c’è ancora: tributo alla meravigliosa e suggestiva ex ferrovia tutto in mobilità

    La Spoleto-Norcia non c’è più, ma c’è ancora. Così nel cinquantesimo anniversario della chiusura della linea ferroviaria della Spoleto-Norcia (avvenuta il 31 luglio 1968 alle 19,40) si svolgerà, nell'ex fermata ferroviaria restaurata di Sant'Anatolia-Scheggino, un memoir che narra di quella ferrovia di montagna italiana, di quel piccolo e delizioso lembo d'Italia nell'Umbria che vuole rinascere: la Valnerina. Un memoir rappresenta la necessità e quasi l'urgenza di far rivivere dentro di sé quell'antico tracciato che per fortuna vive oggi come greenway.

  • Umbria: a Scheggino frammenti preziosi di San Salvatore in Campi, gioiello della Valnerina martoriato dal terremoto

    Giovanni Bosi, Scheggino / Umbria

    Provoca davvero un tuffo al cuore guardare quei frammenti, comunque preziosi e straordinari, provenienti dalla chiesa romanica di San Salvatore a Campi, uno dei gioielli della Valnerina gravemente danneggiato dal sisma del 30 ottobre 2016. Decorazioni pittoriche ed elementi lapidei sono in mostra nello Spazio Arte Valcasana di Scheggino, in Umbria, nel contesto della mostra “Capolavori del Trecento” in corso fino al 4 novembre. Un’altra tappa da non mancare in questa splendida rassegna di capolavori provenienti dai luoghi martoriati dal terremoto.

Chi siamo

TurismoItaliaNews, il web magazine che vi racconta il mondo.

Nasce nel 2010 con l'obiettivo di fornire un'informazione efficace, seria ed obiettiva su tutto ciò che ruota intorno al turismo...

Leggi tutto

Questo sito utilizza cookie, di prima e di terza parte, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la Cookie Privacy...