L'Aglio di Voghiera Dop, eccellenza italiana protagonista nella dieta salutista mediterranea

images/stories/dop_Igp/AglioVoghieraDop.jpg

Katia Sposini, Voghiera / Emilia - Romagna

Componente delle ricette culinarie più pregiate e protagonista della dieta salutista mediterranea, questo prodotto Dop è un’altra eccellenza della nostra splendida Italia. L’Aglio di Voghiera viene coltivato nei territori dei comuni di Voghiera, Masi Torello, Portomaggiore, Argenta e Ferrara nel rispetto del rigido Disciplinare. Le sue caratteristiche derivano dal forte legame con l’ambiente di produzione.

 

(TurismoItaliaNews) Componente delle ricette culinarie più pregiate e protagonista della dieta salutista mediterranea, l’Aglio di Voghiera ha ottenuto il riconoscimento Dop da parte del ministero delle politiche agricole.

Il Consorzio Produttori Aglio di Voghiera, in collaborazione con l’amministrazione comunale, è impegnato nella valorizzazione di questo prodotto tipico con momenti di mostra mercato, degustazione di ricette a base di Aglio di Voghiera, specialità, curiosità e spettacoli nella suggestiva cornice nella Delizia di Belriguardo, splendida reggia estense in provincia di Ferrara. Ogni si svolge la fiera dedicata al prodotto, in cui ovviamente non mancano i momenti gastronomici e tutti a base di aglio. Ecco un esempio di menù: come antipasto Salame all’aglio ferrarese, Aglio sottolio, patè di aglio e bruschette con aglio; come primi piatti Paste ripiene (tortelli della tradizione ferrarese); per secondi carne ai ferri, salumi ferraresi, scaloppina aromatizzata con erbe. Per concludere dolci tradizionali del territorio.

"L’aglio di Voghiera – spiegano dal Consorzio Produttori - rappresenta quel prodotto di nicchia che, nel nostro territorio ha permesso alle aziende produttrici di avere fino ad oggi un reddito garantito". Nel territorio del comune di Voghiera viene prodotto oltre il 60% dell’Aglio Ferrarese; il prodotto presenta una pezzatura ottima ed omogenea, il colore è bianco e lucente e la resa per ettaro è buona ed attualmente in crescita arrivando a circa cento quintali. Allo scopo di valorizzare questa produzione, l’amministrazione comunale di Voghiera ha iniziato una attività di promozione del prodotto fin dal 1996 attraverso mostre e manifestazioni che puntano a farlo conoscere e affermare.

Le antiche origini
si ritrovano sul territorio

Voghiera, situata sulla destra dell'antico ramo principale del Po - Eridano, ha origini più antiche rispetto all'importante centro romano di Voghenza - Vicus Aventiae, posto sull'altra sponda e che deve il suo nome proprio al fiume Avenza. Voghiera e Voghenza, dunque l'una a destra e l'altra alla sinistra del Po, erano situate in corrispondenza della grande isola fluviale che oggi è identificabile nel Parco Massari - Mazzoni. Luogo di villeggiatura tradizionale della buona società, nei secoli il suo territorio si arricchì di ville e case patrizie: furono gli Estensi a rilanciare queste zone a partire dal XV secolo, quando il marchese Niccolò II decise di costruire a Voghiera il Castello di Belriguardo, la prima delizia fuori dalle mura cittadine.
 

Nel 2000 si è costituito il Consorzio Produttori Aglio di Voghiera con il chiaro obiettivo di raggiungere il riconoscimento da parte del Ministero delle politiche agricole e forestali della denominazione di origine protetta e l’iscrizione del seme Aglio di Voghiera all’Ente Nazionale Sementi Elette. Per il raggiungimento di tali fini si è messa in atto una collaborazione con il Dipartimento di scienze farmaceutiche dell’Università di Ferrara, per delineare quelle che sono le caratteristiche biomolecolari e merceologiche del prodotto e si sono messi a disposizione da parte degli associati al Consorzio campi sperimentali per randomizzare le tre linee migliori di aglio prodotte nel territorio.

Le caratteristiche dell’Aglio di Voghiera derivano dal forte legame con l’ambiente di produzione. Le caratteristiche tipiche del prodotto: bulbo rotondeggiante regolare, costituito da bulbilli uniti in forma compatta, sono da attribuire ai terreni limoso-argillosi in cui viene coltivato. Tra i fattori pedoclimatici, che contribuiscono a rendere speciale l’aglio di Voghiera, rientra certamente anche il clima che è quello tipico della Pianura Padana Ferrarese. La composizione chimica è un perfetto equilibrio tra enzimi, vitamine, sali minerali e flavonoidi che conferiscono una specifica identità genetica all’Aglio di Voghiera.

Per saperne di più
telefono 0532 - 328503
348 – 9114791 o 347 – 1145619
www.agliodivoghiera.com

 

Chi siamo

TurismoItaliaNews, il web magazine che vi racconta il mondo.

Nasce nel 2010 con l'obiettivo di fornire un'informazione efficace, seria ed obiettiva su tutto ciò che ruota intorno al turismo...

Leggi tutto

Questo sito utilizza cookie, di prima e di terza parte, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la Cookie Privacy...