La ricetta della torta Pasqualina: ecco come si prepara uno dei simboli tradizionali della Liguria a tavola

images/stories/enogastronomia/Liguria_TortaPasqualina01.jpg

È un piatto simbolo, fatto secondo un'antica ricetta, che si può fare in casa o acquistare in negozi di torte e farinate. E' la Torta Pasqualina, uno dei simboli della gastronomia di quella straordinaria regione che è la liguria e che si chiama così perché - neanche a dirlo - per tradizione arricchisce la tavola di Pasqua.

 

(TurismoItaliaNews) Le torte di verdure sono molto diffuse in tutta la Liguria. Probabilmente sono nate dall’esigenza di utilizzare degli avanzi, amalgamandoli con qualcosa che li facesse “stare insieme”, quindi si utilizzano quasi tutti i tipi di verdure. Ma di certo la Pasqualina è la più famosa e la più amata per la sua bontà. E a tavola si abbina bene a vini bianchi secchi e sapidi, come il Vermentino. Ma come si prepara?

Ingredienti
-500 gr. di farina
-mezzo bicchiere d'olio
-sale
-una tazza d’acqua tiepida
-500 gr. di bietole
-200 gr. di quagliata
-un pugno di farina
-maggiorana
-250 gr. di panna da cucina
-6 uova

Alcune specialità tradizionali della cucina ligure

Preparazione
Impastare la farina con acqua tiepida, un cucchiaio di olio e sale. Lavorarla energicamente e dividerla in sette od otto panetti, da far riposare al riparo di un canovaccio umido. Per il ripieno si puliscono le bietole si tagliano finemente e si dispongono ad asciugare con un pugno di farina; aggiungendo un tritato con poca maggiorana, sale fine e Parmigiano. Scegliere una teglia possibilmente di rame stagnato, ungendola abbondantemente. Con uno dei panetti di pasta preparare una sfoglia sottilissima che si tira e si adagia sul fondo stando attenti a non romperla. Ungere con un velo d'olio e sovrapporre allo stesso modo altre due sfoglie. A questo punto si depone l'impasto di bietole schiacciandole con un cucchiaio e ricoprendole con la quagliata, alla quale si aggiungono due cucchiai di farina e la panna. Sulla superficie si scavano sei piccole nicchie nelle quali si pone un uovo tagliato. Si irrora d'olio la superficie cospargendola di parmigiano, un pizzico di pepe e sale. Ricoprire con le sfoglie rimanenti avendo cura di ungerle tutte. Si ritagliano le sfoglie sino a due dita dal bordo del tegame. Infornare e cuocere un'ora a 180 gradi.

Chi siamo

TurismoItaliaNews, il web magazine che vi racconta il mondo.

Nasce nel 2010 con l'obiettivo di fornire un'informazione efficace, seria ed obiettiva su tutto ciò che ruota intorno al turismo...

Leggi tutto

Questo sito utilizza cookie, di prima e di terza parte, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la Cookie Privacy...