La regione di AlUla: meraviglie senza tempo in un angolo dell’Arabia Saudita, una nuova destinazione da amare

images/stories/arabia_saudita/AlUla01.jpg

Un paesaggio desertico tanto magnifico quanto misterioso. Un angolo remoto dove si intercettano i primi siti Unesco di questo Paese troppo poco conosciuto, ora pronto ad aprire al turismo internazionale per far conoscere i suoi tesori culturali. Come AlUla, in un angolo dell'Arabia Saudita nord-occidentale, a circa 325 km a nord di Medina. Un luogo di straordinaria bellezza.

 

(TurismoItaliaNews) E’ qui che si trovano i primi siti dell’Arabia Saudita patrimonio mondiale dell’Unesco, 131 monumenti, affioramenti di arenaria, splendidi petroglifi e disegni rupestri, dimore e monumenti storici, sia naturali che di origine umana, che custodiscono 200.000 anni di storia umana in gran parte inesplorata. AlUla, oltre alle sue attrazioni naturali, nel corso della storia è stato luogo di incontro tra Oriente e Occidente avendo ospitato diverse civiltà, dai Nabatei ai Romani e fu il sito dell’azione militare di Lawrence d'Arabia contro la Ferrovia Hijaz. Ed è proprio questo luogo il tesoro archeologico del Paese, custode di meraviglie senza tempo che per la prima volta vengono rivelate al mondo. Nel contesto della Vision 2030 dell’Arabia Saudita, AlUla è la prima regione ad essere aperta al turismo globale. Il passato è qui custodito, il futuro è ancora tutto da scrivere.

La regione di AlUla: meraviglie senza tempo in un angolo dell’Arabia Saudita, una nuova destinazione da amare (© Royal Commission for AlUla)

La regione di AlUla: meraviglie senza tempo in un angolo dell’Arabia Saudita, una nuova destinazione da amare (© Royal Commission for AlUla)

Un viaggio nel tempo
La regione di AlUla conduce in un viaggio attraverso i secoli, dalla preistoria e l'età del bronzo ai regni romani, alla presenza ottomana e al moderno periodo islamico. I suoi siti storici, archeologici e geografici racchiudono migliaia di anni di storia in attesa di essere scoperti. AlUla è una culla della storia umana che offre un vasto numero di amuleti culturali. Qui ci si immerge in 200.000 anni di antiche civiltà.

Royal Commission for Alula
La Royal Commission for AlUla (Rcu) è stata istituita per proteggere e salvaguardare AlUla, una regione di eccezionale importanza naturale e culturale nell'Arabia Saudita nord-occidentale. Rcu sta intraprendendo un piano a lungo termine per sviluppare e fornire una trasformazione sensibile e sostenibile della regione, riaffermandola come una delle destinazioni archeologiche e culturali più importanti del paese e preparandola ad accogliere visitatori da tutto il mondo. Il lavoro di sviluppo di Rcu in AlUla comprende una vasta gamma di iniziative in archeologia, turismo, cultura, istruzione e arte, che riflette un impegno ambizioso per coltivare il turismo e il tempo libero in Arabia Saudita, delineato in Vision 2030.

La regione di AlUla: meraviglie senza tempo in un angolo dell’Arabia Saudita, una nuova destinazione da amare (© Royal Commission for AlUla)

Il settore del turismo è un pilastro fondamentale per la creazione di una nuova economia dinamica e diversificata: dallo sviluppo delle isole del Mar Rosso ai moderni parchi a tema e nel nord-ovest dell'Arabia Saudita in AlUla - il risveglio della storia e del patrimonio che abbraccia oltre 7.000 anni. Con i visti turistici ora disponibili per i cittadini di quasi 50 paesi, una delle destinazioni in gran parte sconosciute ma davvero notevoli che uniscono i siti del patrimonio mondiale dell'Unesco e le straordinarie bellezze naturali è ora a portata di mano. La Royal Commission for AlUla (Rcu) è stata istituita per lavorare per la comunità locale della regione allo sviluppo di un programma sostenibile a lungo termine che porti prosperità economica, attiri visitatori locali, regionali e internazionali, stabilendo centri di eccellenza nelle arti, nell'ospitalità e nella preservazione della natura.

Un investimento di 20 miliardi di dollari entro il 2035
L’impegno assicurato per lo sviluppo e la valorizzazione della regione è particolarmente importante, come documentato i numeri:
-impatto cumulativo sul Pil di 32 miliardi di dollari
-creazione di circa 38.000 nuovi posti di lavoro
-quasi 10.000 nuove camere d'albergo di lusso entro il 2035 - 1.000 camere entro la fine del 2022
-numero previsto di visitatori di due milioni all'anno entro il 2035 - 37% internazionale; 10 per cento regionali e 53 per cento sauditi
-capacità dell'aeroporto di AlUla in espansione da 100.000 a 400.000 passeggeri all'anno e con strutture per la gestione di voli internazionali diretti
-Riserva naturale di Sharaan - un'area protetta per le specie in via di estinzione - 945 km quadrati

La regione di AlUla: meraviglie senza tempo in un angolo dell’Arabia Saudita, una nuova destinazione da amare (© Royal Commission for AlUla)

La storia
Per migliaia di anni l'Arabia Saudita nord-occidentale ha attratto molte persone venute a trarre vantaggio dalle abbondanti risorse offerte dalle sue fertili oasi. AlUla era una di queste e divenne un crocevia vitale lungo le famose rotte di scambio di incenso, mirra e altre preziose materie prime che andavano dall'Arabia meridionale a nord in Egitto e oltre. Offriva una pausa necessaria per i viaggiatori stanchi, diventando centro di scambi commerciali e culturali nonché luogo popolare per riposare e comunicare. Al ‐ Qura (la valle dei villaggi) è famosa e importante fin dai tempi antichi. La valle è incorniciata da montagne di arenaria, che hanno influenzato fondamentalmente migliaia di anni di storia umana e hanno fatto prosperare le civiltà.

AlUla era anche la capitale degli antichi regni di Dadan e Lihyan, che controllavano il commercio delle carovane. Il sito di Hegra è il primo sito patrimonio mondiale dell'Unesco dell'Arabia Saudita. Antica città di 52 ettari, Hegra era la città nabatea più importante nel sud del regno di Nabateo almeno dal I secolo a.C. Meglio conosciuto per gli oltre 130 splendidi monumenti funebri e straordinariamente ben conservati. Queste tombe hanno elaborate facciate tagliate dentro o fuori da affioramenti di arenaria che circondano l'insediamento urbano murato. I ricercatori hanno stabilito che Hegra era probabilmente l'avamposto più meridionale dell'Impero romano. Oltre a Hegra, AlUla ospita una serie di altri importanti siti storici e archeologici, come Al-Khuraybah (antica Dadan), la capitale dei Regni Dadaniti e Lihyaniti. Dadan è considerata probabilmente una delle città più sviluppate del 1° millennio a.C. nella penisola arabica. I Dadaniti e Lihyaniti costruirono la loro antica città in pietra e lasciarono anche molti esempi di sculture, iscrizioni e altri risultati.

La regione di AlUla: meraviglie senza tempo in un angolo dell’Arabia Saudita, una nuova destinazione da amare (© Royal Commission for AlUla)

Hegra, Al-Hijr (moderno Mada’in Salih) Risalente ai tempi pre-islamici Hegra è il primo sito dell’Arabia Saudita dichiarato patrimonio mondiale dell'Unesco. È il sito più grande e meglio preservato a sud della Giordania risalente alla civiltà nabatea. Recenti scavi hanno spinto indietro le sue origini anche prima di quanto si credesse, con la scoperta di un tumulo dell'età del bronzo e di un osso al carbonio risalente al 1892 a.C. Le facciate delle tombe rappresentano alcuni dei migliori esempi di architettura nabatea e le numerose iscrizioni forniscono importanti indizi sui suoi popoli e sulle sue lingue. Essendo la principale città meridionale del Regno nabateo, era seconda solo a Petra come luogo in cui le élite dovevano seppellire i loro morti, e le ricerche attuali suggeriscono che fosse l'avamposto più noto a sud della presenza romana. Gli scavi continuano a svelare antichi misteri e oggi è possibile visitare più di 100 monumenti funebri ben conservati con facciate elaborate scavate nella roccia.

Elephant Rock (Jabal Al-Fil) Questo affioramento in arenaria naturale si è eroso nel tempo creando l'inconfondibile somiglianza di un elefante gigante con la proboscide che tocca il suolo. Con un'altezza di oltre 50 metri e circondato da centinaia di monoliti vicini, questo spettacolare esempio delle meraviglie geomorfologiche di AlUla è diventato una delle immagini iconiche della regione e le principali attrazioni turistiche.

Jabal "Ikmah Forse uno dei siti epigrafici più significativi dell'Arabia Saudita, Jabal "Ikmah contiene centinaia di iscrizioni incise e in rilievo che fungono da "biblioteca aperta" per le culture papanitiche e lihyaniche dal VI al III secolo. Questi scritti hanno fatto luce sulle origini della lingua araba, credenze e pratiche. Situata a 5 km a nord di Old Town AlUla, si ritiene che questa località sia stata un luogo altamente spirituale per via della sua posizione isolata in una valle del canyon e delle iscrizioni che registrano offerte e ringraziamenti.

La regione di AlUla: meraviglie senza tempo in un angolo dell’Arabia Saudita, una nuova destinazione da amare (© Royal Commission for AlUla)

Dadan (moderno Al-Khuraybah) Risalente al II e al VI secolo a.C. e forse prima, questo sito era la capitale dei regni Dadan e Lihyan. Come capitale, fu considerata una delle città più sviluppate della penisola arabica durante il primo millennio, grazie alla sua prosperità di essere al crocevia del commercio di incenso a lunga distanza. Gli scavi della King Saud University hanno recuperato colossali sculture di figure umane, probabilmente all'interno di un tempio. La necropoli delle tombe dei leoni è la caratteristica principale di questo sito.

Old Town of AlUla (Al-Dirah) Un tempo ospitava quasi 900 case, 400 negozi e 5 piazze, la Città Vecchia di AlUla contiene ancora resti di alcuni edifici originali in pietra e mattoni di fango costruiti qui. Una cittadella risalente al 10 ° secolo è ancora accessibile tramite una scala restaurata. Chi è interessato alla storia sarà lieto di scoprire che questo sito è stato occupato nella memoria recente, offrendo opportunità uniche per raccogliere e condividere storie orali che circondano un modo di vivere che scompare.

Ferrovia Hijaz La ferrovia Hijaz correva da Damasco a Medina e prende il nome dalla regione Hijaz dell'Arabia Saudita nord-occidentale. Un progetto ambizioso con l'obiettivo di arrivare fino alla Mecca, la costruzione si interruppe a seguito della prima guerra mondiale e la linea per la Mecca non fu mai completata. Tuttavia, questo ambizioso progetto è riuscito a migliorare notevolmente i viaggi per i pellegrini Hajj dell'epoca - e in seguito ha svolto un ruolo chiave nella rivolta araba che ha portato alla formazione della moderna Arabia Saudita.

La regione di AlUla: meraviglie senza tempo in un angolo dell’Arabia Saudita, una nuova destinazione da amare (© Royal Commission for AlUla)

La regione di AlUla: meraviglie senza tempo in un angolo dell’Arabia Saudita, una nuova destinazione da amare (© Royal Commission for AlUla)

Ambienti incantevoli AlUla ha diverse regioni ambientali distinte all'interno e tra le sue valli e montagne. Il fulcro è Wadi al-Qura - oggi la valle dell'AlUla - dove è stata creata l'oasi e vengono coltivate migliaia di palme da dattero. Ci sono anche altopiani di basalto a ovest; l'Harrat "Uwayrid, creato da flussi di lava vulcanica; Al-Raqqasat, un'area con stretti canyon alla deriva di sabbia; e Wadi Rum, un'ampia valle incorniciata da imponenti montagne, sabbia fine e saxaul bianchi.

Al-Aqra'a Questa montagna a nord della valle di AlUla, lungo uno storico percorso di pellegrinaggio, contiene più di 450 iscrizioni arabe risalenti al primo periodo islamico. Altre iscrizioni rimangono a est a Naqsh Zuhayr - tra cui una delle più antiche dell'era islamica, risalente al 24AH - rendendo Al-Aqra’a e le montagne circostanti un luogo prezioso per studiare lo sviluppo della lingua araba.

Forte di Hegra Costruito su ordine del governatore di Damasco, questo forte è stato progettato per proteggere i viaggiatori che si dirigono verso la Mecca. Con due livelli, la struttura comprendeva una sala di preghiera, un pozzo nel cortile, un grande serbatoio ed era l'unico posto in cui i pellegrini potevano acquistare beni come datteri, limoni e arance nel loro viaggio. Insieme alla ferrovia Hijaz, questo sito è la chiave per illustrare l'importanza dell'area nel commercio e nei viaggi di pellegrinaggio. In seguito restaurato, l'edificio ospita ora il Museo Hajj.

La regione di AlUla: meraviglie senza tempo in un angolo dell’Arabia Saudita, una nuova destinazione da amare (© Royal Commission for AlUla)

Qurh (moderno Al-Mabiyat) Situata nella parte meridionale della valle di AlUla, la città di Qurh fu costruita su un’area pianeggiante; circondata da un bastione si affaccia sul burrone del Mugayra, dove diverse valli e gole si incontrano prima di correre verso Wadi al-Jizi. Gli scavi nel 1983 e nel 2004 hanno contribuito a rendere questo sito un luogo chiave per comprendere la continuità e l'evoluzione delle rotte commerciali e di pellegrinaggio storiche per cui AlUla è nota.

Avventure all'aria aperta Il paesaggio di AlUla dà un significato completamente nuovo al concetto di "grandi spazi aperti". Si possono fare escursioni, cavalcare, arrampicare e giocare. Immergersi in alcuni degli scenari e dei siti storici più suggestivi del mondo ammirando formazioni rocciose monumentali, canyon segreti o attraversando in profondità le valli del deserto. Si è in cerca di adrenalina? Si può salire su antichi vulcani, fare un tour in jeep attraverso canyon rocciosi o godersi voli su aeromobili d'epoca sulla zona. Si può volare in mongolfiera sopra le dune o effettuare un giro in elicottero sul Mar Rosso per vedere le aree incontaminate dell'Arabia Saudita, oppure cavalcare un cavallo o un cammello.

Esperienze eco & wellness AlUla è il luogo perfetto per rilassare il proprio corpo e ripristinare la propria anima in un’atmosfera tranquilla e idilliaca come ai tempi delle carovane della via dell’Incenso. AlUla offre una via di fuga dal ritmo frenetico della vita quotidiana. Meditare in un'oasi lussureggiante, passeggiare nella natura, ammirare le formazioni rocciose mozzafiato e poi accamparsi nel silenzioso deserto e dormire sotto ad uno splendido cielo stellato.

Madin Saleh (© Royal Commission for AlUla)

La Riserva Naturale Shaaran La splendida area del canyon di Sharaan è stata designata Riserva Naturale con lo scopo di riequilibrare i fragili ecosistemi e riflettere l'impegno dell'Arabia Saudita nella protezione dell'ambiente naturale della Terra. Situata nella zona orientale, la riserva vanta spettacolari canyon di roccia rossa, burroni dalle pareti scoscese, ampie vallate e aree desertiche aperte con affioramenti rocciosi sparsi. Quest’area desertica un tempo sosteneva una miriade di specie di flora e fauna autoctone tra cui boschi di acacia, stambecco nubiano, struzzo dal collo rosso e gazzelle di Idmi e predatori più grandi come lo sfuggente leopardo arabo.

L'introduzione del bestiame nella regione ha decimato la vegetazione autoctona, con un pascolo eccessivo che porta alla desertificazione e al degrado dell'habitat. È urgente invertire questa tendenza al declino e ripristinare il fragile ecosistema desertico, in modo che possa sostenere ancora una volta la vita fiorente. La riserva mira ad eliminare il pascolo eccessivo da parte del bestiame domestico, vietare rigorosamente la caccia agli animali selvatici e il taglio degli alberi e reintrodurre le specie autoctone nei loro habitat originali, creando un ecosistema desertico più equilibrato e pienamente funzionante. L'installazione di recinzioni di confine escluderà i cammelli e altri animali e porterà al recupero della vegetazione nativa, che a sua volta fornirà sostentamento alle specie indigene reintrodotte. Le specie di vegetazione autoctona rinvenute all'interno di Sharaan che la Riserva proteggerà e ripristinerà ulteriormente includono sette specie di Poaceae (la famiglia di erbe), Haloxylon salicornicum (rimth) e Retama raetam (ratm), nonché diverse specie rare tra cui l'erba aromatica, Pulicaria Incisa.

La regione di AlUla: meraviglie senza tempo in un angolo dell’Arabia Saudita, una nuova destinazione da amare (© Royal Commission for AlUla)

Una volta che la flora autoctona e le specie erbivore inizieranno a riprendersi, predatori come il leopardo arabo e la volpe rossa avranno prede più naturali e il numero della popolazione inizierà probabilmente ad aumentare. Altre specie che beneficeranno della protezione offerta dalla Riserva Naturale di Sharaan includono: Hyrax di roccia, lepre del Capo e diverse specie di uccelli come il Gruccione, La colomba che ride e l'allodola crestata oltre a molti uccelli rapaci specie come le aquile svernanti, i predatori e le poiane a zampe lunghe. Un team di Ranger completamente attrezzato sarà formato da esperti del settore di fama internazionale, a supporto della restrizione alla caccia e al pascolo dei cammelli che andrà a beneficio di tutti gli animali selvatici reintrodotti e assicurerà che la Riserva sia gestita secondo gli standard globali. Questo sarà un trampolino di lancio per opportunità di lavoro future e più diverse, sviluppando continuamente capacità e contribuendo a una fiorente economia per AlUla.

Visto per l’ingresso nel Paese
I turisti provenienti da oltre 49 paesi possono ora presentare domanda per un visto saudita di ingresso multiplo di un anno - al prezzo di 100 dollari statunitensi – via visitsaudi.com oppure al proprio arrivo in Arabia Saudita ai banchi dell'immigrazione. Altro i visitatori potranno richiedere i visti al Consolato saudita nel loro Paese d'origine E-Visa e Visa all'arrivo L'età minima per richiedere il visto è 18 anni. I richiedenti minorenni richiedono che una persona di età superiore ai 18 anni agisca come loro tutore. Al momento della domanda, il passaporto deve essere valido per almeno 6 mesi dal momento dell'ingresso in Arabia Saudita. La religione del richiedente non è rilevante.

Testimonianze del Paleolitico nella regione di AlUla: meraviglie senza tempo in un angolo dell’Arabia Saudita, una nuova destinazione da amare (© Royal Commission for AlUla)

Per saperne di più

Chi siamo

TurismoItaliaNews, il web magazine che vi racconta il mondo.

Nasce nel 2010 con l'obiettivo di fornire un'informazione efficace, seria ed obiettiva su tutto ciò che ruota intorno al turismo...

Leggi tutto

Questo sito utilizza cookie, di prima e di terza parte, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la Cookie Privacy...