Sole, sale, salute: in Puglia la città delle tre “S” è Margherita di Savoia grazie alle sue antiche saline

images/stories/puglia/MargheritaDiSavoia01.jpg

Giuseppe Botti, Margherita di Savoia / Puglia

La chiamano la città delle tre “S”: sole, sale, salute. Margherita di Savoia, un lunghissimo nastro che si inoltra parallelo alla spiaggia, ricco di stabilimenti balneari sul litorale e di negozi e servizi all'interno, è uno dei luoghi di attrazione della Puglia. La salina è la sua storia, le terme sono il punto di forza e il turismo è una vocazione per natura.

 

(TurismoItaliaNews) Inutile sottolineare che, fin dai tempi remoti, origini, storia ed economia di questo luogo sul litorale Adriatico sono state sempre legate alla salina fondata più di tre secoli prima dell'era cristiana. Tanto che effettivamente il nome attuale della cittadina cresciuta intorno all’insediamento di Salinis ricordato in epoca romana è praticamente recentemente, un omaggio alla prima Regina d'Italia che visitò il paese nel 1879.
Una storia dunque lunga.

Dopo il crollo dell'Impero Romano e la conseguente decadenza dell'intera zona, l'insediamento ricompare nei documenti (1105 d.C.) come Salinae Cannarum e Sancta Maria de Salinis. La zona conobbe alterne vicende, ma visse un periodo particolarmente felice durante il dominio del casato svevo. Tra la fine del XII e l'inizio del XIV secolo, una grave epidemia di malaria costrinse gli abitanti a rifugiarsi a Barletta e dovettero passare alcuni secoli prima che le autorità decidessero di bonificare la zona. Nel 1753 Carlo III di Borbone decide di ricomprare le Saline di Barletta affidando a Vincenzo Pecorari, direttore delle saline, la bonifica e al celebre architetto Luigi Vanvitelli (quello della Reggia di Caserta) la progettazione di un impianto più moderno e funzionale per l'estrazione del sale.

L’essere cresciuta a ridosso della salina, ha comportato per Margherita di Savoia uno sviluppo urbanistico su tre vie rettilinee lunghe tre chilometri, parallele alla spiaggia e all’area destinata all’estrazione del sale marino. Nel 2014 l’Italia ha voluto promuovere Margherita di Savoia attraverso l’emissione di un francobollo da 0,70 euro nell’ambito della serie di cinque dentelli “Il Patrimonio naturale e paesaggistico” dedicati al turismo. “A spasso fra arte, natura e mare,la città offre, specialmente in estate, una vetrina eccellente che valorizza la storia e la cultura e alimenta notevoli flussi turistici – sottolinea il sindaco Paolo Marrano, che ha presentato la città in occasione dell’emissione del francobollo - Margherita di Savoia è per eccellenza la città del Sale. Le Saline, le più grandi d'Europa e le seconde nel mondo, si estendono per circa 20 km di lunghezza, con una larghezza variabile che raggiunge i 4,5 km circa. La ricchezza delle saline non è rappresentata solo dalla produzione del sale, ma sono state riconosciute Riserva Naturale dello Stato e quindi zona umida di valore internazionale secondo la Convenzione di Ramsar, uno dei patrimoni faunistici e naturalistici pù importanti d'Europa”.

E infatti questo immenso specchio d'acqua è popolato da gabbiani, cormorani, folaghe, aironi, germani, anatre, falchi e dagli stupendi fenicotteri rosa che prendono il loro colore dall'artemia salina che popola questo specchio di acque interne. Percorrere in ogni stagione i tracciati dei sentieri lungo le immense vasche, significa essere proiettati in una dimensione senza tempo, a contatto con la natura, con l'acqua e il vento, gli elementi essenziali del mondo fisico, emozioni garantite dalla scoperta di quanta vita possa esserci anche laddove è silenzio.

Punto di forza dell'offerta turistica della cittadina è rappresentata dalle Terme. Le prime furono realizzate presso il porto canale nel 1930, su impulso del Segretario generale del Comune, Vincenzo De Luca, come Terme municipali. Nel 1947 le Terme furono costruite alle spalle del Palazzo Municipale, affidando la gestione ai privati. Al periodo spagnolo risale la Torre delle Saline situata sulla via principale che aveva funzioni di avvistamento e di difesa contro le incursioni turche. Attualmente ospita la Pinacoteca comunale intitolata al pittore "Francesco Galante Civera"; oltre alla quadreria, prevalentemente moderna, custodisce una raccolta di reperti archeologici dell'antica Salpi. Adiacente alla Torre c'è il Museo storico delle Saline, dove sono esposti i vecchi arnesi per la lavorazione del sale.

Le attività importanti del paese sono state agricoltura e pesca, ma “da alcuni anni, grazie all'attenzione che giovani imprenditori rivolgono allo sviluppo della città e del turismo – sottolinea il sindaco Paolo Marrano - sono nate molte strutture ricettive che con i numerosi stabilimenti balneari, ben attrezzati, cercano di offrire ai turisti che affollano la nostra cittadina nel periodo estivo, divertimento, benessere e relax. Caratteristiche che rendono il soggiorno motto piacevole”.

Il sito istituzionale del Comune di Margherita di Savoia
Il sito del Museo delle Saline

Trieste_Liberty_Mostra

Chi siamo

TurismoItaliaNews, il web magazine che vi racconta il mondo.

Nasce nel 2010 con l'obiettivo di fornire un'informazione efficace, seria ed obiettiva su tutto ciò che ruota intorno al turismo...

Leggi tutto

Questo sito utilizza cookie, di prima e di terza parte, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la Cookie Privacy...