Mugello, la Toscana dei Medici: un territorio che affascina e non smette mai di stupire [VIDEO]

images/stories/varie_2020/Mugello_Dicomano_Frascole.jpg

Terra che affascina e conquista, il Mugello. Terra toscana, terra appenninica, bella e intima, dai crinali coperti da estesi, verdi boschi di faggio, castagno e quercio, accarezzata da dolci colline a valle, in uno splendido mosaico di colori. Questa è la terra della famiglia Medici, che qui ha avuto le sue origini nel XIII secolo e i suoi primi possedimenti, come il Castello del Trebbio e la Villa di Cafaggiolo - luogo a cui era particolarmente affezionato Lorenzo il Magnifico - che oggi fanno parte del patrimonio mondiale dell’Umanità Unesco.

 

(TurismoItaliaNews) Costellato di borghi caratteristici, scorci da cartolina, fattorie e botteghe artigiane, angolo verde della Toscana, a metà strada tra Firenze e Bologna. Così si presenta il Mugello, terra che si distingue per storia, arte, tradizione, buon cibo e produzioni artigianali e agroalimentari d'eccellenza, natura, sport e relax. E che ha dato i natali a grandi, illustri artisti come Giotto, Beato Angelico, Dino Campana. Esaltano la gastronomia locale prodotti di qualità e piatti tipici. Come il tortello di patate, la cui bontà era apprezzata e decantata già nel Rinascimento e dallo stesso Lorenzo il Magnifico. Terra dei Medici, Toscana autentica... questo è il Mugello.

Mugello, il convento di Bosco ai Frati

Mugello, Tribbio

Un biglietto da visita sicuramente evocativo come quello di terra d'origine della famiglia dei Medici - sottolineano il presidente e l'assessore al Turismo dell'Unione dei Comuni Mugello, Gian Piero Philip Moschetti e Federico Ignesti - i segni di quella gloriosa storia sono ancora ben visibili in un contesto ambientale di pregio, Toscana autentica, che si distingue per storia, arte, tradizione, buon cibo e produzioni artigianali e agroalimentari d’eccellenza, natura, sport e relax. Un territorio che stupisce, per vivere un'esperienza indimenticabile”.

Il Mugello è terra di storia e cultura: terra di origine della famiglia dei Medici ma anche di Giotto, Beato Angelico e Dino Campana, e conta 102 chiese, 70 ville e castelli, 13 musei locali raccolti in un sistema museale, 4 siti archeologici, 3 siti Unesco e 2 Borghi più belli d'Italia, un itinerario Liberty. L'offerta ricettiva è composta da 197 strutture ricettive, 87 agriturismi, 110 locazioni turistiche e 11 rifugi. E le eccellenze non mancano, con un paniere di prodotti Igp/Dop, tra cui il marrone, produzioni biologiche e prodotti di qualità come il latte, la carne e il farro, oltre a prodotti tipici come il prelibato tortello di patate.

Mugello, Scarperia: la festa di Diotto

Mugello, Scarperia: la festa di Diotto

Si distinguono per mix di tradizione e innovazione lavorazioni artigianali d'eccellenza come i ferri taglienti, la pietra serena e la ceramica. Natura fa rima con sport e relax, con l'Autodromo internazionale, 15 eventi sportivi internazionali, il lago di Bilancino, il cammino d'Italia "La Via degli Dei", un'oasi naturalistica e 110.000 ettari di parchi forestali, un prestigioso campo da golf, il distretto cicloturistico e più di 2.000 km di percorsi escursionistici. E durante l'anno si svolgono oltre un centinaio di eventi. Insomma, il Mugello è una destinazione adatta a ogni viaggiatore. Un territorio che affascina e non smette mai di stupire.

Tra i luoghi significativi c'è ad esempio San Piero a Sieve. Il Convento del Bosco ai Frati, fondato dagli Ubaldini prima dell'anno Mille, è considerato uno dei più antichi della Toscana. Chiesa e convento furono riedificati su disegno di Michelozzo Michelozzi per volontà di Cosimo de' Medici. Come in Cafaggiolo e nel Castello del Trebbio, anche in questo complesso l'architetto unì le caratteristiche del nuovo gusto rinascimentale all'esperienza della tradizione architettonica medievale; così nell'edificazione del coro utilizzò costoloni, volte e cornici di chiaro riferimento tardo gotico, mentre nel chiostro, nel cenacolo e nelle celle dei monaci operò in linea con i modelli della nuova architettura maturata in ambiente cittadino. Molti furono i doni preziosi lasciati dai primi Medici al convento, e fra tutti emerge il prezioso crocifisso ligneo attribuito a Donatello, oggi conservato nel piccolo museo di arte sacra annesso al convento.

Mugello, la Toscana dei Medici: un territorio che affascina e non smette mai di stupire

O magari ci si può perdere lungo la Strada dei vini Chianti Rufina e Pomino. Discendendo il croso del fiume Sieve, oltrepassato l'abitato di Vicchio, si incontra un territorio incantato: questo è il regno del Chianti Rufina Docg e del Pomino Doc, due vini di diversa personalità e caratteristiche, entrambi conosciuti e apprezzati da secoli. Su queste colline che si protendono verso gli Appennini, la grande civiltà toscana si sublima in un paesaggio costellato da torri, manieri e pievi romaniche. Qui le grandi famiglie fiorentine hanno eretto le proprie ville e castelli; qui la cristianità toscana ha avuto alcuni tra i suoi maggiori luoghi di culto. In questo paesaggio ancora tutto da scoprire è nata la Strada dei Vini Chianti Rufina e Pomino: attraverso la visita alle cantine, la Strada propone un percorso alla scoperta delle tante bellezze del territorio e dei cinque comuni che lo delimitano: Pontassieve, Pelago, Rufina, Londa e Dicomano. Il vino, prodotto principe di quest’angolo di Toscana, diventa l’ideale compagno di un viaggio che rivela inattese visioni di terra e di cielo. Vigneti circondati da impenetrabili boschi; olivi e cipressi che seguono le dolci curve delle colline; torri e campanili di pietra che svettano leggeri verso il cielo. Arte e natura, vino e gastronomia, sport e divertimento: questo e molto altro ancora vi aspetta nella Strada dei Vini Chianti Rufina e Pomino.

 

Per saperne di più

Chi siamo

TurismoItaliaNews, il web magazine che vi racconta il mondo.

Nasce nel 2010 con l'obiettivo di fornire un'informazione efficace, seria ed obiettiva su tutto ciò che ruota intorno al turismo...

Leggi tutto

Questo sito utilizza cookie, di prima e di terza parte, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la Cookie Privacy...