La Huerta de los 1001 sabores: è Murcia la Capitale spagnola della gastronomia 2020, l’orto d'Europa

images/stories/spagna/Murcia07_IglesiaSanJuanDeDios_PhTurismoDeMurcia.jpg

Giovanni Bosi

Il frutteto murciano rappresenta al meglio il leit motiv del titolo che in questo 2020 ha conquistato Murcia, ovvero quello di Capitale spagnola della gastronomia: "La Huerta de los 1001 sabores" racconta gli aspetti più gustosi di questo tesoro nascosto della Spagna meridionale, ricco di magnifici palazzi arabeggianti, un particolarissimo Casinò, splendide spiagge e una corona di montagne nei dintorni. La gastronomia di questa regione si rivela un viaggio straordinario ed eclettico.

 

(TurismoItaliaNews) Se il 2020 è andato com’è andato a causa del Coronavirus, al piacere della tradizione non si rinuncia. Perché a ben guardare - anche se tutti in Spagna come in Italia sono stati obbligati al lockdown (il nostro #iorestoacasa qui è stato declinato in #quedateencasa) – la voglia di cucinare è esplosa dappertutto. Ecco perché la Murcia gastronomica è una portentosa esortazione ad andare avanti con fiducia. Lo zarangollo, l'agnello arrosto, i michirones, l'insalata murciana o il paparajote, sono alcuni dei piatti dell’offerta culinaria di questa città che, insieme alle denominazioni di origine, tra cui i vini di Yecla, il riso di Calasparra o la pera Jumilla, ha indotto la giuria ad incoronare questa località come capitale del gusto. E che le Poste di Madrid hanno voluto sottolineare con l’emissione di un francobollo in cui sono protagonisti frutta e verdura: non poteva essere diversamente visto che pomodori, uva, cavoli o carote in particolare sono gli alfieri della regione di Murcia, conosciuta come “l'orto d'Europa” per l’esportazione di questi prodotti verso la maggior parte dei Paesi del Vecchio Continente, identificati da un logo in cui una forchetta e un cucchiaio si intrecciano formando un cuore.

Il francobollo che le Poste spagnole dedicano a Murcia Capitale spagnola della gastronomia 2020

La Huerta de los 1001 sabores: è Murcia la Capitale spagnola della gastronomia 2020, l’orto d'Europa

La Huerta de los 1001 sabores: è Murcia la Capitale spagnola della gastronomia 2020, l’orto d'Europa

Stretta tra l’Andalusia e la regione di Valencia, Murcia è un mondo a sé. La capitale dell’omonima regione è adagiata su una fertile pianura attraversata dal fiume Segura e circondata dalle montagne: apparentemente isolata, in realtà si trova a soli 40 km dalla costa ed è famosa soprattutto per la sua università scelta da tanti studenti come sede del loro Erasmus. Ma in realtà dal punto di vista turistico forse è ancora troppo poco frequentata dagli italiani: eppure “questa città di origine araba è ancora autentica e meta ideale per una vacanza, visitando le meraviglie paesaggistiche e culturali dei dintorni” sottolineano dall’Ufficio del Turismo.

Il cuore del centro cittadino è Plaza de La Glorieta, elegante piazza pedonale alberata dove si affacciano il Municipio e il Palazzo vescovile; a poca distanza c’è il Puente Viejo, il più antico ponte della città, interamente costruito in pietra e conosciuto anche come Puente de Los Peligros perché sul lato meridionale è collocata la statua della Madonna dei Pericoli. “Il palazzo più sorprendente della città è il Real Casino de Murcia, magnifico edificio ottocentesco che combina fascino storico e grandore aristocratico. Nascosti dietro la facciata riccamente decorata si nascondono tesori inaspettati: un meraviglioso patio in stile moresco che vi rimanderà alle magiche atmosfere dell’Alhambra di Granada, una biblioteca in classico inglese con oltre 20.000 volumi, una sala da ballo con scintillanti lampadari di cristallo e un’elegante sala da biliardo con soffitto in legno” ci spiegano. E poi la splendida Cattedrale, costruita in stile gotico nel 1394 sui resti di una precedente moschea, mentre la facciata con elementi barocchi e rinascimentali risale al Settecento. “La sua altissima torre svetta nel cielo di Murcia ed è quasi un simbolo della città, mentre all’interno della chiesa il capolavoro artistico è la quattrocentesca Capilla de los Vélez con volta a stella” spiegano ancora dall’Ufficio del turismo.

La Cattedrale di Murcia, la Capilla de Junterones

Murcia, la Pasarela Malecon

Ma c’è anche il giusto tempo per rilassarsi, magari con una pausa a base di tapas in uno dei bar e ristoranti di Plaza de Flores: “Qui creiamo e pratichiamo una diversità ereditata dal nostro tradizionale patrimonio gastronomico – si legge nel manifesto di Murcia Capitale Gastronomica - il successo della nostra cucina si basa sulla qualità del prodotto e sul calore dell'ambiente. Il clima e il gusto per la conversazione arricchiscono l’arte culinaria e il valore aggiunto è dato da creatività, diversità, tolleranza, ambizione, orgoglio e lavoro. A Murcia la primavera fiorisce, l’estate è vissuta, l’autunno è bevuto in un bicchiere di vino e l’inverno è un limone: le stagioni sono la guida per l'anno gastronomico della regione”. Da nord a sud, da est a ovest, dal mare all’orto, dalla tradizione alla nuova cucina, l’offerta gastronomica di questa regione copre l'intero spettro culinario che un territorio può offrire. Una diversità ereditata dal melting pot delle culture che un tempo lo abitavano e le cui radici hanno dato origine a quello che oggi è definito “Il giardino dei 1001 sapori”.

“Abbiamo davanti a noi la grande sfida di collocare la grande ricchezza della nostra cucina sulla mappa gastronomica a livello nazionale e internazionale. Una meravigliosa opportunità per condividere i valori e gli sforzi per promuovere la tradizione di un intero territorio il cui prestigio è cresciuto e continua a farlo grazie al talento emergente di Murcia” dicono in città.

La Huerta de los 1001 sabores: è Murcia la Capitale spagnola della gastronomia 2020, l’orto d'EuropaLa Huerta de los 1001 sabores: è Murcia la Capitale spagnola della gastronomia 2020, l’orto d'Europa

La Huerta de los 1001 sabores: è Murcia la Capitale spagnola della gastronomia 2020, l’orto d'Europa

La Huerta de los 1001 sabores: è Murcia la Capitale spagnola della gastronomia 2020, l’orto d'Europa

E come si arriva a Murcia? Il suo aeroporto non è collegato con voli diretti dall’Italia, ma si può facilmente raggiungere ad esempio volando su Alicante e noleggiare un’auto o prendere un autobus (viaggio di poco più di un’ora). Oppure si può raggiungere in treno e bus dalle principali città spagnole, tra cui Valencia, Alicante, Barcellona e Madrid.

Per saperne di più

 

Giovanni Bosi, giornalista, ha effettuato reportages da numerosi Paesi del mondo. Da Libia e Siria, a Cina e India, dai diversi Paesi del Sud America agli Stati Uniti, fino alle diverse nazioni europee e all’Africa nelle sue mille sfaccettature. Ama particolarmente il tema dell’archeologia e dei beni culturali. Dai suoi articoli emerge una lettura appassionata dei luoghi che visita, di cui racconta le esperienze lì vissute. Come testimone che non si limita a guardare e riferire: i moti del cuore sono sempre in prima linea. E’ autore di libri e pubblicazioni.
mail: direttore@turismoitalianews – twitter: @giornalista3

 

Chi siamo

TurismoItaliaNews, il web magazine che vi racconta il mondo.

Nasce nel 2010 con l'obiettivo di fornire un'informazione efficace, seria ed obiettiva su tutto ciò che ruota intorno al turismo...

Leggi tutto

Questo sito utilizza cookie, di prima e di terza parte, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la Cookie Privacy...