GIUBILEO Via di Francesco: Umbria pronta ad accogliere viaggiatori mossi da motivazione religiosa, spirituale o desiderio di scoperta naturalistica e culturale

(TurismoItaliaNews) L’Umbria è, dopo Roma, probabilmente il territorio in cui più il turismo può mettersi al servizio dei viaggiatori a piedi, siano pellegrini o viandanti, mossi da motivazione religiosa, spirituale, o dal desiderio di scoperta naturalistica o culturale. E la Regione è pronta ad accogliere i flussi di viaggiatori spirituali con una rete strategica di percorsi a piedi e in bicicletta. In occasione della presentazione del taccuino "La Via di Francesco" di Touring Club Editore, il vicepresidente della Regione Umbria con delega al turismo Fabio Paparelli ha sottolineato che "La via di Francesco ha la capacità di esprimere una grande forza in termini di impatto emozionale, comunicativo e promozionale per l'immagine dell’Umbria. E proprio in vista dell'anno giubilare il segmento turistico dei Cammini, (in particolare la Via/Cammino di Francesco, quella di Benedetto e dei Protomartiri) è stato individuato quale primo ambito da poter veicolare efficacemente sia a livello nazionale che internazionale, in grado di valorizzare oltre al dato simbolico e identitario anche il valore turistico, religioso, naturalistico e sportivo della nostra regione”.

 

Nel corso dell'incontro - presenti oltre al vicepresidente Paparelli, il direttore generale di Sviluppumbria Mauro Agostini, monsignor Paolo Giulietti vescovo ausiliare di Perugia e presidente del Consorzio Umbria & Francesco's Ways, Fabrizio Ardito, giornalista e autore del taccuino "la Via di Francesco", Lamberto Mancini direttore generale del Touring Club Italiano - l’Umbria ha presentato la sua strategia per la rete dei cammini di pellegrinaggio in vista del Giubileo straordinario della Misericordia e dell'anno nazionale dei cammini, di recente annunciato dal ministro dei Beni culturali, Dario Franceschini.

"Sviluppo e accoglienza - ha detto Paparelli - sono i principi ispiratori della strategia della Regione. Accoglienza verso i pellegrini offrendo percorsi interamente fruibili anche per i camminatori meno esperti, grazie ad un'appropriata segnaletica che sarà rinnovata ad inizio 2016. Inoltre in occasione del Giubileo straordinario, prevederemo l' apertura di altri punti di sosta e di fonti d'acqua, la realizzazione di cartografie, siti web di informazione dettagliati. Più in generale la Regione – ha sottolineato Paparelli - si sta facendo promotrice di un'azione di coordinamento pubblico-privato, in accordo con la Conferenza episcopale umbra, al fine di traguardare al meglio tutti insieme questo appuntamento con una serie di iniziative che mettano a valore la nostre specificità culturali e religiose valorizzando al meglio anche la nostra vocazione turistica a partire dai ricco programma di promozione degli eventi natalizi". Il Giubileo che si apre l'8 dicembre prossimo sarà una grande opportunità per riscoprire la propria spiritualità e i molti luoghi religiosi che l'Italia ha da offrire.

 

La Via di Francesco è l'asse primario per raggiungere Assisi sui passi di San Francesco, patrono d'Italia e dell'ecologia, partendo da nord (La Verna) o da sud (Greccio). Lo stesso itinerario prosegue fino a Roma attraverso la Valle Santa di Rieti. La Via di Francesco è la direttrice principale dei cammini di pellegrinaggio in Umbria sia per notorietà internazionale che per flussi di pellegrini. L'itinerario collega tra loro alcuni "luoghi" in Umbria, Toscana e Lazio che testimoniano della vita e della predicazione del Santo di Assisi. Proprio nell'aderenza alla storia di Francesco la Via trova la sua plausibilità e il suo fascino. Il cammino ha una lunghezza di oltre 570 chilometri, comprese le varianti di percorso, altitudini tra i 400 e 600 metri, toccando vette fino a 1.100 metri.

La Via Lauretana unisce la Santa Casa di Loreto con Assisi, innestandosi sulla Via di Francesco. Il Cammino di Benedetto che partendo da Norcia, città di San Benedetto, patrono d'Europa, e passando da Cascia, la città di Santa Rita, prosegue in Lazio fino all'abbazia di Montecassino. A questi si è aggiunto il Cammino dei Protomartiri Francescani, un itinerario spirituale tra abbazie benedettine e luoghi francescani nell'Umbria ternana, che si collega alla Via di Francesco.

 

Rivotorto, il “Sacro Tugurio” scrigno del Francescanesimo

 

Sentiero Francescano della Pace, tra Assisi e Gubbio c’è un baluardo della storia del Poverello: Valfabbrica

 

La sacra torre di Massimiliano Fuksas nella Valle Umbra

 

Gli argenti barocchi del Duomo di Foligno

 

La donazione della Santa Spina: nell’Umbria medievale la celebrazione dell’antica contea di Braccio da Montone

 

 

turismo italia news
turismoitalianews
TurismoItaliaNews.it
www.facebook.com/turismoitalianews
www.twitter.com/turismoitalianw

Chi siamo

TurismoItaliaNews, il web magazine che vi racconta il mondo.

Nasce nel 2010 con l'obiettivo di fornire un'informazione efficace, seria ed obiettiva su tutto ciò che ruota intorno al turismo...

Leggi tutto

Questo sito utilizza cookie, di prima e di terza parte, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la Cookie Privacy...