Primavera, fioritura “storica” nelle Colline del Soave tra vigneti e ciliegi della Mora di Cazzano

Stampa
trenitalia   febbraio   marzo   Dinosaur Provincial Park   Washington   network   albergatori   Paris   east   mercato   yacht   dichiarazione   Lucerna  

Riconosciuto "Paesaggio rurale di interesse storico", il territorio della Strada del vino Soave da fine marzo a metà aprile diventa uno scenario incantato grazie alla fioritura dei ciliegi. E verso metà maggio, c'è anche la fioritura delle viti, dai profumi davvero inebrianti. E' dunque nei territori rinomati per le ciliege che bisogna andare per assistere ad una bella fioritura, come ad esempio nelle Colline del Soave dove è fiorente la coltura della Mora di Cazzano, varietà tra le più pregiate della provincia veronese.

 

(TurismoItaliaNews) Periodo di fioritura, da fine marzo a metà aprile, meteo permettendo. In questo periodo, nelle valli d'Alpone, Tramigna e Illasi, i luoghi dove si concentra la produzione di ciliegie nell'Est Veronese, le colline vitate si tinteggiano di bianco. Il dolce saliscendi consente di cogliere con lo sguardo panorami suggestivi a prescindere che lo si percorra a piedi, in bici, a cavallo o in auto. Inoltrandosi nel territorio, s'incontrano chiese di campagna, borghi, contrade e cantine, perfette per una sosta culturale o golosa.

Strada del Vino Soave, il Castello visto dalla Bassanella

Verso metà maggio, a fiorire sono i vigneti. La fioritura è meno spettacolare, in quanto i fiori della vite non sono così evidenti, e dura 7/8 giorni circa, ma in compenso trovarsi in un vigneto in fioritura è davvero... inebriante, tanti sono i profumi sprigionati, gli stessi che poi si ritrovano nel bicchiere. Nelle terre del Soave, il vitigno principe è la Garganega, ma ci sono anche Trebbiano di Soave, Durella, Corvina, Corvinone e Rondinella. "I loro profumi delicati sono un mix di acacia, biancospino, rosa, gelsomino, sambuco e violetta, merita davvero sentirli", assicura Paolo Menapace, enologo e presidente di Strada del vino Soave.

 

La Strada del vino Soave annovera tra i soci numerose strutture ricettive adatte a tutte le esigenze. All'Hotel Bareta (www.hotelbareta.it tel. 045-6150722, da 65 euro per la doppia, 50 euro per la singola, con prima colazione) il punto di forza è la conduzione familiare. "Amiamo far sentire i nostri ospiti come fossero a casa propria", afferma Andrea Bonamini, dell'hotel tre stelle. Che ha camere dotate di servizio wi-fi e che si trova a Caldiero, in posizione strategica per raggiungere in poco tempo anche le città d'arte di Verona e Vicenza, sia in auto che in treno. Tre camere doppie con vista sul Castello di Soave è l'offerta del B&B "Relax a Soave" (www.soaverie.it, tel. 045-6190451, 75 euro a camera, 80 euro a partire da maggio con uso piscina) dell'eclettica Maria Teresa Benetton, che ama movimentare le giornate degli ospiti con l'allestimento di mostre ed esposizioni.

Immerso nel verde delle colline, appena fuori dalla cinta muraria di Soave, c'è invece l'agriturismo Corte Tamellini (www.cortetamellini.com, tel. 347-2232051), deliziosa corte rurale del '500 con 6 alloggi indipendenti di varie dimensioni completi di tutti i comfort (bambini fino a 3 anni gratis, prezzi da 60 euro (1 persona) a 160 euro (6 persone) per una notte, prima colazione esclusa), possibilità anche di due camere doppie (da 80 euro a notte per la doppia, 45 euro uso singola, prima colazione esclusa). "Gli ospiti hanno a disposizione 4 mountain-bike e una piscina con vista sulla valle", informa Giordano Tamellini.

 

Tortellini alla "valeggiana". Siamo nelle colline di Mezzane, famose anche per l'olio extra vergine d'oliva. Un bel viale di cipressi conduce ad una villa padronale del ‘700, dove, tra le mura di un vecchio convento (con annessa chiesetta consacrata in stile romanico dove, volendo, ci si può anche sposare), si trova il ristorante della famiglia Zara, originaria di Valeggio sul Mincio, località veronese rinomata per i tortellini. Che sono il piatto forte naturalmente anche del Bacco d'Oro (www.ristorantebaccodoro.com, tel. 045-8880269), insieme a tutte le altre paste fresche fatte a mano e alle carni servite alla brace e al forno. Altra particolarità del locale è la fornitissima cantina-enoteca, una delle prime ad essere sorte a Verona, grazie alla passione per il vino di Mario Zara, che è stato tra i primi, nel 1974, a diplomarsi sommelier Ais in Italia e nel Veneto. Oggi nella cantina sotterranea si scende per l'aperitivo e per ammirare le migliaia di bottiglie che riposano nelle nicchie prima di degustarne qualcuna a tavola.

 

Per saperne di più
Strada del vino Soave
tel. 045-681407
www.stradadelvinosoave.com

 

turismo italia news
turismoitalianews
TurismoItaliaNews.it
www.facebook.com/turismoitalianews
www.twitter.com/turismoitalianw

Questo sito utilizza cookie, di prima e di terza parte, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la Cookie Privacy...