Nella Ferrara cavalleresca si rinnova la magia con il Palio più antico del mondo

Stampa

 EVENTI  Cavalieri al galoppo, sfarzi ed avvincenti gare rinascimentali per il Palio più antico del mondo, che torna nel cuore storico di Ferrara, la città che fu la capitale del Ducato Estense. In scena, per la prima volta nel 1259, il grande torneo ha raccontato negli anni la storia della città estense, diventando un appuntamento imprescindibile nella vita ferrarese. Il centro cittadino si trasforma in una grande festa cavalleresca e rievocativa che culmina l’ultima domenica, quest’anno il 29 maggio, in Piazza Ariostea dove vanno in scena la corsa delle putte, dei putti, delle asine e la prestigiosa corsa dei cavalli.

 

(TurismoItaliaNews) L’edizione “moderna” del Palio di Ferrara si corre stabilmente l'ultima domenica di maggio, in memoria dello straordinario Palio corso nel 1471, per festeggiare l’allora Marchese Borso d'Este che ricevette da Papa Paolo II l’investitura a primo Duca di Ferrara. In realtà è la storia che consegna a Ferrara il primato di palio più antico del mondo: nel 1259, infatti, per festeggiare Azzo VII “Novello d’Este”, marchese della città, vittorioso su Ezzelino da Romano a Cassano d’Adda, si corse il primo Palio della storia di Ferrara. Nel 1279 – 20 anni più tardi - fu deciso di inserire il Palio fra le attività ufficiali della comunità, dettandone le regole negli Statuti della città.

Ma oltre ad essere il più antico del mondo, il Palio è peculiare per il tipo di corsa, che è corsa di festa a differenza di molti palii guerrieri, che prevedono invece l’impiego del “saraceno” o di qualche altro nemico da battere con la lancia. È un momento particolare ed importante per la città che si veste dei colori delle contrade, le quali scendono in Piazza per guadagnare il palio, ma anche – e soprattutto – per fare festa e ricordare il Rinascimento, un tempo in cui Ferrara era davvero fra le capitali culturali d'Europa.

 

Ad oggi i palii contesi in Piazza Ariostea l'ultima domenica di maggio sono i quattro, così come tramandati dalle cronache e dagli statuti: quello verde dedicato a San Paolo per la corsa delle putte, quello rosso di San Romano per la corsa dei putti, quello bianco dedicato a San Maurelio per la corsa delle asine ed infine quello giallo (o dorato) di San Giorgio per la corsa dei cavalli. I palii sono contesi dai quattro rioni con territorio entro le mura: San Benedetto (bianco-azzurro), Santa Maria in Vado (giallo-viola), San Paolo (bianco-nero) e Santo Spirito (giallo-verde) e dai quattro borghi: San Giacomo (giallo-blu), San Giorgio (giallo-rosso), San Giovanni (rosso-blu) e San Luca (rosso-verde). Vengono disputate anche gare di sbandieratori e di musici, che vedono di fronte le rappresentanze delle otto contrade in sette specialità: singolo tradizionale, doppio tradizionale, piccola squadra, grande squadra, musici ed assegnazione della “combinata” (somma dei migliori punteggi ottenuti).

 

Le 8 contrade protagoniste si sfidano per tutto il mese di maggio, dimostrando destrezza ed abilità nelle diverse prove, che diventano un grande spettacolo per i visitatori ed un omaggio alla Ferrara del Rinascimento, che oggi conserva ancora, in modo impeccabile, piazze e palazzi storici. Testimonianze del Palio di Ferrara si possono trovare, infatti, negli splendidi affreschi del Salone dei Mesi di Palazzo Schifanoia e nei racconti di Ludovico Ariosto ne “L’Orlando Furioso”, di cui quest’anno ricorrono i 500 anni dalla sua prima edizione, avvenuta proprio a Ferrara il 22 aprile 1516.

 

Vivere Ferrara. Grazie alle proposte del Consorzio Visit Ferrara, che mette insieme circa 90 operatori turistici di tutta la Provincia ferrarese, si possono prenotare pacchetti e soggiorni esclusivi, per vivere al meglio il Palio più antico del mondo e i suoi numerosi eventi. Si può scegliere tra le proposte dell'agenzia di viaggi Gulliver's Island, il pacchetto di 1 notte con colazione, pranzo o cena tipica, oltre la disponibilità della bicicletta in occasione del Corteo storico del 21 maggio (da 81 euro). Da 199 euro, il pacchetto per il fine settimana clou del Palio, dal 27 al 29 maggio, quando in piazza Ariostea si disputeranno le avvincenti corse, che terranno tutti con il fiato sospeso. L’Agriturismo Lepre Bianca mette a disposizione per tutti i weekend di maggio 2 notti per 2 persone con colazione e cena con prodotti biologici da 270 euro. Chi, degli 8 borghi e rioni cittadini, conquisterà quest’anno l’ambito Palio di San Giorgio, il palio dei cavalli, di Ferrara?

L’occasione è propizia per innamorarsi della Ferrara storica, magica e rievocativa che porta in scena, per tutto il mese di maggio, i fasti di quella che fu una delle più importanti e significative Signorie del Rinascimento e che annovera, tra le sue antiche Duchesse perfino Lucrezia Borgia, che a Ferrara riposa nel Monastero del Corpus Domini.

 

Da vedere

Tra teatro e magie il Magnifico Corteo
Sabato 21 maggio
Corso Ercole I°d’Este - ore 21
Piazza Municipale - ore 21.30

 

Palio di Ferrara
Prove obbligatorie dei cavalli
Piazza Ariostea
venerdì 27 maggio- ore 9.30 e 18
sabato 28 maggio- ore 9.30 e 18

 

Corteo e corse al Palio
Domenica 29 maggio
Corso Ercole I° d’Este -ore 15
Piazza Ariostea - ore 16

 

Per saperne di più
www.visitferrara.eu
www.paliodiferrara.it

 

turismo italia news
turismoitalianews
TurismoItaliaNews.it
www.facebook.com/turismoitalianews
www.twitter.com/turismoitalianw

Questo sito utilizza cookie, di prima e di terza parte, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la Cookie Privacy...