Turismo all'aria aperta: dal camper al campeggio insieme per il rilancio del comparto per valorizzare la filiera

Stampa
images/stories/varie_2020/CampingItalia.jpg
turismo   italia   turismoitalianews   estate   vacanze   ripresa   2020   campeggi   villaggi turistici   Confturismo   Confesercenti   FederCamping   Faita   Coronavirus   Covid-19   Assocamping   open air   Fase 3  

Apc Associazione Produttori Caravan e Camper, Assocamp, Assocamping Confesercenti e Faita-Federcamping al tavolo di confronto promosso da PleinAir e PleinairClub per la promozione e la valorizzazione dell’intera filiera della vacanza en plein air.

 

(TurismoItaliaNews) Avviare un dialogo operativo fra le associazioni dei costruttori e dei rivenditori di veicoli ricreazionali e quelle che rappresentano le strutture ricettive all’aria aperta, individuando una serie di punti condivisi e di azioni concrete per il rilancio di un settore che, con l’avvicinarsi della Fase 3, ha tutte le carte in regola per dimostrarsi una delle forme di turismo più sostenibili, ecocompatibili e in linea con le nuove esigenze di sicurezza e distanziamento sociale imposte dall’emergenza coronavirus. Questo l’obiettivo dell’incontro indetto dalla rivista PleinAir e da PleinairClub che si è svolto in modalità virtuale con la partecipazione di Simone Niccolai presidente di Apc - Associazione Produttori Caravan e Camper, Vittorio Dall’Aglio presidente di Assocamp, Monica Saielli presidente di Assocamping Confesercenti, e Maurizio Vianello, presidente di Faita-FederCamping. Moderavano l’incontro Michela Bagatella e Marco Sances, coordinatori delle redazioni di PleinAir e PleinAir Market.

Turismo all'aria aperta: dal camper al campeggio insieme per il rilancio del comparto per valorizzare la filiera

Turismo all'aria aperta: dal camper al campeggio insieme per il rilancio del comparto per valorizzare la filiera

L’emergenza sanitaria in atto e le ricadute economiche causate dalla comparsa del coronavirus – come è emerso dal tavolo – hanno creato non poche difficoltà all’intera filiera della vacanza open air: dalla produzione e vendita dei veicoli ricreazionali alle strutture ricettive, alle prese con la riapertura delle attività nel rispetto dei nuovi protocolli sanitari. Al tempo stesso la situazione attuale può trasformarsi in un’occasione straordinaria per far emergere e per promuovere verso una platea più ampia i punti di forza della vacanza all’aria aperta.

“Il camper rappresenta oggi più che mai uno straordinario strumento per andare in vacanza - afferma il presidente di Apc Simone Niccolai - è il momento che si comprenda che il turismo all’aria aperta è un turismo di serie A, praticato da viaggiatori con un’elevata sensibilità verso i temi della sostenibilità e della salvaguardia ambientale”. Dal confronto fra le realtà associative intervenute è emersa l’importanza – e l’urgenza – di ricreare un dialogo virtuoso fra il veicolo abitativo e le strutture ricettive che lo accolgono sin dalle sue origini. “È importante instaurare un rapporto più solido fra il settore commerciale e il mondo dei campeggi, le strutture più indicate per rispondere alle nuove esigenze di igiene, ma anche di sicurezza, del viaggiatore in libertà” sostiene il presidente di Assocamp Vittorio Dall’Aglio.

Turismo all'aria aperta: dal camper al campeggio insieme per il rilancio del comparto per valorizzare la filiera

Nondimeno, si è evidenziata la necessità di svolgere azioni concrete per promuovere il riconoscimento del comparto. «Non è più accettabile la scarsa conoscenza delle istituzioni sul mondo e sulle esigenze del nostro settore - afferma la presidente di Assocamping Confesercenti Monica Saielli - inizialmente i provvedimenti a favore del turismo, come il bonus vacanze e l’esenzione dell’Imu erano stati previsti unicamente per il settore alberghiero, e solo quando siamo intervenuti sono stati estesi anche alle altre tipologie ricettive. Per questo è importante fare sentire con forza ancora maggiore la nostra voce”. Improntata sul dialogo e la concretezza la posizione di Maurizio Vianello, presidente di Faita – FederCamping: “E' opportuno trovare un linguaggio comune che ci permetta di rappresentare le istanze del settore nelle diverse sfaccettature con una visione unitaria, per intercettare l’attenzione delle istituzioni e delle amministrazioni. Il nostro rapporto si deve svolgere su due livelli: quello con le istituzioni, cui rivolgere le nostre istanze, quello con gli utenti, da rassicurare ed educare a una vacanza sempre più sicura e consapevole”.

Fra gli obiettivi condivisi emersi dall’incontro si registrano l’intento di concertare azioni concrete per promuovere vacanze sicure in camper e in campeggio, la volontà a collaborare per l’apertura di un dialogo con le istituzioni capace di donare al settore pari dignità rispetto alle altre forme di turismo, e l’intento di proseguire il confronto anche dopo la fine dell’emergenza.

Questo sito utilizza cookie, di prima e di terza parte, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la Cookie Privacy...