Il torneo Sei Nazioni 2023 arriva a Roma: il grande rugby come leva turistica, indotto da 30 milioni di euro

images/stories/varie_2023/FederazioneItalianaRugby_01.jpg

 

Nell'antica Roma i gladiatori si sfidavano nell’Anfiteatro Flavio, oggi invece lo fanno allo Stadio Olimpico di Roma dove il 5 febbraio, con Italia-Francia, prende il via il Sei Nazioni 2023. Il filo che collega il Colosseo con i campioni della nazionale di rugby non è legato alle gesta fisiche e alla lotta, seppur molto simili, ma al turismo. Il più prestigioso dei tornei rugbistici crea un indotto che, a seconda degli anni, va dai 27 ai 37 milioni di euro.

 

(TurismoItaliaNews) Chi viene a seguire gli azzurri o le nazionali che vengono ospitate nel nostro Paese infatti, spesso e volentieri, coglie l’occasione per conoscere il patrimonio artistico, architettonico e culturale della Capitale. Stando ai numeri espressi dal Campidoglio il Sei Nazioni genera per Roma, a seconda degli anni e se vengono ospitate due o tre partite, un indotto che va dai 27 ai 37 milioni di euro. Un valore misurabile dunque quello di uno sport che sta diventando un’importante leva di crescita economica per le città che ospitano gli azzurri.

Il torneo Sei Nazioni 2023 arriva a Roma: il grande rugby come leva turistica, indotto da 30 milioni di euro

Il torneo Sei Nazioni 2023 arriva a Roma: il grande rugby come leva turistica, indotto da 30 milioni di euro

Italiani a parte, il pubblico con la maggiore abitudine a prendere parte alle trasferte in terra romana è quello inglese, con punte di 20mila arrivi, seguono irlandesi, gallesi, scozzesi e francesi. Si tratta mediamente di un pubblico altospendente, che acquista i biglietti top a prezzo intero, e spesso non disdegna nemmeno la scelta dei pacchetti hospitality che prevedono una permanenza più lunga. Prima del Covid, Italia-Scozia nel 2020 aveva fatto registrare 54mila spettatori, mentre per Italia-Inghilterra dello stesso anno lo Stadio Olimpico era sold out. Poi è arrivata la pandemia e la chiusura degli stadi. Per l’edizione 2023 l’obiettivo è di arrivare a 55-60mila spettatori stranieri nelle tre partite: Italia- Francia (5 febbraio), Italia-Irlanda (25 febbraio) e Italia-Galles (11 marzo). L’indotto per il comparto culturale e artistico sarà dunque importante. La Federugby ha confermato “Rugby e cultura”, iniziativa apprezzatissima dai tifosi, italiani e stranieri, che scelgono Roma per un week end all’insegna di rugby e turismo.

Grazie alla collaborazione con Roma Capitale e le sue associate, tutti i possessori di un biglietto per le partite interne dell’Italia nel Sei Nazioni avranno l’accesso gratuito per due persone ai Musei Capitolini.

Il torneo Sei Nazioni 2023 arriva a Roma: il grande rugby come leva turistica, indotto da 30 milioni di euro

Il torneo Sei Nazioni 2023 arriva a Roma: il grande rugby come leva turistica, indotto da 30 milioni di euro

Per saperne di più

Chi siamo

TurismoItaliaNews, il web magazine che vi racconta il mondo.

Nasce nel 2010 con l'obiettivo di fornire un'informazione efficace, seria ed obiettiva su tutto ciò che ruota intorno al turismo...

Leggi tutto

Questo sito utilizza cookie, di prima e di terza parte, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la Cookie Privacy...