Nero Norcia, edizione della rinascita: nella città di San Benedetto tre weekend dedicati al gusto e alla tradizione

images/stories/varie_2017/Norcia01.jpg

Tre weekend dedicati al gusto e alla tradizione, ma a ben guardare anche un’altra occasione per assicurare sostegno a questo territorio martoriato dal terremoto. A Norcia, in Umbria, dal 23 al 25 febbraio, dal 2 al 4 e e di nuovo dal 9 all’11 marzo si svolge la mostra mercato del tartufo nero pregiato. La 55esima nero norcia è l’edizione della rinascita: tre fine settimana tematici, oltre 100 stand, player economici importanti e Michele Zarrillo.

 

(TurismoItaliaNews) Mai come quest’anno Nero Norcia, la mostra mercato del tartufo nero pregiato e dei prodotti tipici della Valnerina, significa rinascita. Da sempre, la manifestazione rappresenta il risveglio dal torpore dell’inverno, ma a seguito degli eventi sismici del 2016 che hanno colpito il centro Italia, la città di san Benedetto è impegnata in un percorso di ripartenza e questo evento rappresenterà un momento di respiro nazionale molto significativo. In programma per tre fine settimana, dal 23 al 25 febbraio, dal 2 al 4 e dal 9 all’11 marzo, Nero Norcia mette insieme la sua lunga tradizione e la voglia di guardare al futuro con un’edizione, la 55esima, rinnovata nella veste grafica e nei contenuti.

In chiave ricostruzione, la città torna ad aprirsi a cittadini e turisti e dunque il centro storico ospiterà iniziative di carattere istituzionale, il centro polivalente la parte convegnistica, mentre la mostra mercato sarà per il secondo anno nello stadio comunale Europa. Qui Norcia avrà modo di esprimersi attraverso le tipicità gastronomiche che l’hanno resa famosa, oltre al tartufo nero pregiato, la norcineria, i legumi e i formaggi. Negli oltre 100 stand enogastronomici ci sarà spazio, inoltre, per tante altre regioni italiane con i loro prodotti tipici.

Tornando alle novità di questa edizione, i tre weekend saranno tematici. Il primo dedicato al diamante nero di Norcia con approfondimenti sul tartufo come prodotto di eccellenza e bene da tutelare, il secondo alla filiera dell’agroalimentare di cui Norcia vive nel suo rapporto con l’innovazione, il terzo all’economia della ricostruzione 4.0. Nella prima giornata, il 23 febbraio, è in programma un workshop che vede la partecipazione del ministero dello Sviluppo economico e dell’Istituto internazionale per il commercio estero per discutere delle opportunità all’estero delle piccole e medie imprese locali. A seguire, alle 10.30, il convegno “Il tartufo: cultura e valorizzazione del territorio” con l’Associazione nazionale Città del tartufo, di cui Norcia è tra i soci fondatori, presentatrice e referente del percorso di candidatura Unesco per la “Cerca e cavatura del tartufo in Italia” come patrimonio immateriale dell’umanità. Poi, il taglio del nastro alla presenza delle autorità alle 16. Sabato 24 alle 15.30, invece, ci sarà una delegazione del Gruppo europeo tartufo per parlare de "Le potenzialità della tartuficoltura in Europa e strategie di miglioramento". La chiusura del primo weekend è affidata domenica alle 10 al Gal Valle umbra e Sibillini con un incontro sulla rete sentieristica della Valnerina come volàno di sviluppo.

Il secondo capitolo si apre venerdì 2 marzo alle 10.30 con la tavola rotonda a cura di Federalimentare ‘Tutela e valorizzazione dei prodotti agroalimentari’ e si chiude domenica 4 marzo con un focus del Lions Clubs Perugia Host. Nel terzo fine settimana si parla di ricostruzione in chiave di strumenti e infrastrutture digitali a partire da venerdì 9 marzo alle 15 con la tavola rotonda “Acceleratio”, momento di confronto tra realtà nazionali come G2 Milano e locali tra cui Connesi, con la presenza di acceleratori d’impresa che potranno dare spunti alle aziende del territorio per rialzarsi. Spazio, poi, a tante altre attività come Incontri b2b tra aziende italiane, buyer e chef esteri, show cooking, rievocazioni e spettacoli medievali e al cartellone culturale che vedrà il suo momento più alto nella presenza in forma completamente gratuita di Michele Zarrillo, domenica 4 marzo alle 15.

“Nero Norcia è un evento di straordinaria importanza per la nostra comunità – spiega Giuliano Boccanera, assessore allo sviluppo economico del Comune di Norcia – in questo momento di rilancio delle nostre aziende colpite duramente dal terremoto. Nell’era della globalizzazione possiamo difenderci soltanto con prodotti di altissima qualità che rispondono alle eccellenze di un territorio e alla tradizione di una lavorazione tramandata di generazione in generazione. Solo questo permette oggi a Norcia di affacciarsi sul mercato nazionale con i suoi prodotti. Il terremoto ha inciso pesantemente sul tessuto sociale ma da un anno e mezzo stiamo lavorando e l’associazionismo di Norcia ci sta aiutando per il rilancio della città e della sua mostra mercato”.



Per saperne di più

Chi siamo

TurismoItaliaNews, il web magazine che vi racconta il mondo.

Nasce nel 2010 con l'obiettivo di fornire un'informazione efficace, seria ed obiettiva su tutto ciò che ruota intorno al turismo...

Leggi tutto

Questo sito utilizza cookie, di prima e di terza parte, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la Cookie Privacy...