La Via Culinaria invita ad uno squisito viaggio gastronomico che comincia da Salisburgo

Regionalità, originalità, qualità e autenticità. Sono gli ingredienti decisivi della Via Culinaria che invita ad uno squisito viaggio gastronomico attraverso il Salisburghese. Siamo nella regione di Salisburgo, la città che deve la sua fama mondiale a Wolfgang Amadeus Mozart e che a primavera assicura indimenticabili weekend.

 

(TurismoItaliaNews) La Via Culinaria si dirama nel Salisburghese in otto vie del gusto dedicate ai più prelibati prodotti regionali, da gustare direttamente nelle aziende agricole e presso i produttori, alle specialità tradizionali servite nelle rustiche trattorie, o a piatti raffinati ai massimi livelli dell'arte culinaria. Per esempio la Via del gusto per palati raffinati riempie di gioia il cuore di ogni vero buongustaio, grazie ai suoi selezionati e premiati ristoranti dove si gustano supreme delizie gastronomiche. Oppure la Via del gusto per amanti del pesce, lungo la quale meravigliose specialità viziano il palato di chi sa gustare il meglio del pesce. Chi ama le bevande ricche di spirito e le bionde spumeggianti, lungo la Via del gusto per bevitori di birra e grappa trova svariate genuine occasioni per gustare il "Salisburghese da bere". Carni tenere e saporite dai monti e dalle valli della regione fanno bella mostra di sé sulle tavole imbandite della Via del gusto per amanti della carne.

A chi ama la dolcezza anche in tavola, la Via del gusto per golosi di dolci riserva un mondo di piaceri golosi e zuccherati. Eccellente formaggio di malga, fantasiose creazioni casearie e squisiti formaggi tradizionali si possono gustare lungo la Via del gusto per patiti dei formaggi. I buongustai possono avvalersi della consulenza di veri “Käsesommelier”. Durante la visita a malghe e caseifici rurali è possibile assaggiare il formaggio alla birra del Pinzgau, quello di malga del Tennengau e il formaggio al latte da fieno del Flachgau. E la Via del gusto per innamorati dei rifugi per 365 giorni all'anno invita tutti a salire in montagna ad assaggiare le migliori prelibatezze del Salisburghese, impreziosite dai panorami alpini e dell'aria pura dell'alta quota. Il membro più giovane della gustosa famiglia della Via Culinaria è la Via del gusto per amanti delle erbe, lungo la quale ci si addentra nel saporito mondo delle erbe selvatiche, di campo e dell'orto.

 

Ma di certo il punto di partenza per la Via Culinaria non può che essere Salisburgo. I giardini fioriti di Mirabell, le sponde del fiume Salzach baciate dal sole, l’aria mite sulle terrazze della fortezza di Hohensalzburg e i tavolini sparsi nelle piazze dei tipici caffè cittadini; in primavera e la città mostra il suo aspetto migliore a chi la sceglierà come meta di un indimenticabile weekend di mezza stagione. La destinazione per un perfetto fine settimana di primavera è dietro l’angolo e aspetta i viaggiatori fra le splendide montagne del Salisburghese; il capoluogo del Land, infatti, vive la sua stagione migliore nei mesi antecedenti all’estate quando, complici le splendide giornate di sole, le meraviglie culturali sono ancora più affascinanti e il richiamo alla dolce vita cittadina irresistibile. Splendidi paesaggi, ottima cucina e un patrimonio artistico di altissimo livello per Salisburgo, che deve la sua fama mondiale al compositore Wolfgang Amadeus Mozart, ai numerosi appuntamenti musicali e al centro storico barocco, proclamato dall’Unesco patrimonio culturale mondiale.

Ecco i consigli per un itinerario di 48 ore nella città Salisburghese e nei suoi dintorni. Il weekend a Salisburgo deve necessariamente iniziare dai suoi luoghi più caratteristici come la fortezza di Hohensalzburg che domina la città dalla rocca. La via migliore per raggiungere la fortezza meglio conservata di tutta l’Europa è senza dubbio la funicolare, attiva dal 1892. Una volta giunti sulla sommità è necessario dedicare qualche ora alla visita della fortezza, al museo e alla Chiesa di San Giorgio senza dimenticare di dirigersi al bastione Kuenburg per ammirare il panorama mozzafiato della città e sostare in uno dei numerosi caffè lungo le mura. Una volta scesi dalla fortezza, la cui visita apre la due giorni salisburghese, la sosta successiva dev’essere la nuova attrazione culturale della città; inaugurato lo scorso maggio, il DomQuartier è un percorso circolare che attraversa quelli che una volta erano gli edifici dove veniva gestito il potere dei principi arcivescovi. Si inizia dalla Residenza di Salisburgo per arrivare alla Chiesa dei Francescani, passando per il Duomo e relativo museo, la Camera dell’Arte e delle Meraviglie e l’Abbazia di San Pietro. Vale la pena perdersi per il dedalo di vie che costeggiano la zona centrale e accomodarsi in uno dei numerosi caffè che, in occasione della primavera, invadono con i tavolini i marciapiedi e gustare qui un saporito pranzo baciati dal sole.

 

Nel pomeriggio da non perdere i numerosi negozi tipici lungo la Getreidegasse, molti dei quali riconoscibili dalle insegne in ferro battuto sopra l’ingresso, che realizzano abiti tradizionali, ombrelli di fattura straordinaria e delizie gastronomiche. Sosta d’obbligo la casa natale di Mozart ricca di reperti storici come gli strumenti musicali usati dal musicista fin dalla più tenera età, i mobili dell’epoca, ritratti e lettere autentiche degli scambi epistolari fra i componenti della famiglia; un tuffo nella storia di uno dei più grandi musicisti del mondo. Per un pomeriggio caratterizzato dal relax la soluzione migliore è passeggiare lungo le rive del fiume Salzach attraversandolo da un lato all’altro, sfruttando i ponti dall’architettura più o meno moderna, e sostando in qualche panchina soleggiata nei giardini che costeggiano le sponde. Da non perdere i magnifici giardini di Mirabell con la splendida fontana al centro circondata dai grandi gruppi marmorei che simboleggiano i quattro elementi.

 

 
Strumento indispensabile per il weekend a Salisburgo è senza dubbio la Salzburg Card, passepartout d’accesso per la città che offre l’ingresso gratuito nei musei, l’utilizzo della funicolare per la fortezza, il giro in battello sul fiume Salzach e la possibilità di viaggiare a bordo dei mezzi di trasporto pubblici. La Salzburg Card si adatta perfettamente alle necessità del viaggiatore e può avere validità di 48 o 72 ore, a seconda della permanenza in città.
 

Una gita fuori porta. Una volta visitata in lungo e in largo la città, vale la pena spostarsi dal centro abitato per trascorrere una giornata all’aria aperta e in mezzo alla natura, circondati dagli entusiasmanti panorami del Salisburghese; i dintorni di Salisburgo offrono infatti attrazioni imperdibili e, a pochi chilometri dal centro, ci si trova già in piena campagna. Gli amanti del trekking o dell’arrampicata possono scegliere fra la montagna del Gaisberg, appena alle porte della città, oppure devono recarsi nel paesino di Grödig, porta d’ingresso all’Untersberg, il monte più alto della zona, e raggiungere la cima con la teleferica. In alternativa anche il Grossgmain è la meta per gli sportivi appassionati di nordic walking, bici e arrampicata, ed è molto noto per il Salzburger Freilichtmuseum, vero e proprio museo open air che conserva diversi edifici storici e racconta la vita rurale del passato. Gli amanti del ciclismo non dovranno perdere Eugendorf, dove parte la nota Eddy Merckx Classic, e Anthering, da cui passa la famosa Ciclabile dei Tauri e il percorso dedicato a Mozart, entrambi percorribili per un breve tratto anche come gita fuori porta sulle due ruote. Per chi invece sogna di visitare luoghi idilliaci e scoprire castelli da fiaba la soluzione è altrettanto a portata di mano: Elsbethen è un paesino dove il tempo sembra essersi fermato ed è possibile ammirare il castello di Goldstein, a Wals-Siezenheim l’attrazione maggiore è il castello di Klessheim, mentre Bergheimè rinomata per il bellissimo santuario di Maria Plain, meta di pellegrinaggio e cerimonie nuziali.

Avventurarsi fuori da Salisburgo è sicuramente una perfetta occasione per scoprire il meglio che offre la regione e vivere appieno la primavera fra scorci alpini, laghi turchesi e piccole cittadine da cartolina come Elixhausen e Hallwang. Una chiave di viaggio eccezionale è la Via Culinaria, una guida del gusto suddivisa in 8 itinerari gastronomici, molti dei quali passano per Salisburgo e nel territorio circostante; è possibile quindi farsi guidare dalle opzioni culinarie, scegliere dove sostare per pranzo e da lì scoprire la zona attigua. A Elixhausen la Via del Gusto dedicata agli amanti della carne conduce i viaggiatori al ristorante Romantikhotel Gmachl, anche hotel italofilo, mentre a Hallwang tappa d’obbligo è il ristorante Pfefferschiff zu Söllheim, un affascinante luogo dove assaporare squisiti piatti della tradizione. 

 

Per saperne di più
Ufficio Turismo di Salisburgo
Auerspergstraße 6 - A- 5020 Salisburgo
tel. +43 662 889870
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
www.salzburg.info
www.salisburghese.com

 

 

turismo italia news
turismoitalianews
TurismoItaliaNews.it
www.facebook.com/turismoitalianews
www.twitter.com/turismoitalianw

Chi siamo

TurismoItaliaNews, il web magazine che vi racconta il mondo.

Nasce nel 2010 con l'obiettivo di fornire un'informazione efficace, seria ed obiettiva su tutto ciò che ruota intorno al turismo...

Leggi tutto

Questo sito utilizza cookie, di prima e di terza parte, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la Cookie Privacy...