Aumentano le Bandiere Blu 2017: mare italiano più pulito, ecco la mappa. In testa c'è la Liguria

images/stories/liguria/Camogli01.jpg

Anche per il 2017 c'è un aumento di comuni Bandiera Blu, ben 163, e questo è un buon segnale per il Bel Paese dove la qualità del mare continua dunque a migliorare. La Foundation for Environmental Education (Fee) ha reso noto l'elenco delle località italiane che quest'anno possono fregiarsi della Bandiera Blu: sono in tutto 342 le spiagge e 67 gli approdi turistici.

 

(TurismoItaliaNews) Sono 49 in più rispetto allo scorso anno, con la Liguria che si conferma sul gradino più alto del podio conquistando ben 27 Bandiere Blu, due delle quali sono new entry: Camogli e Bonassola. A seguire, ci sono la Toscana con 19 località e le Marche con 17. La Campania ottiene 15 bandiere con un nuovo ingresso (Sapri) mentre la Puglia conferma le 11 bandiere.

L’Abruzzo sale a quota 8 con l'ingresso di Giulianova e Roseto degli Abruzzi; l’Emilia Romagna deve rinunciare alla bandiera di Cattolica scendendo a 6. Il Veneto e il Lazio confermano le stesse 8 bandiere dello scorso anno, la Sardegna è salda con 11 località e la Sicilia conquista 7 bandiere con l'arrivo di Santa Teresa di Riva; per la Calabria 7 bandiere con due nuovi ingressi, il Molise scende a 2 bandiere, una in meno dell'anno scorso (non c'è più il comune di Petacciato). Il Friuli Venezia Giulia mantiene le 2 bandiere del 2017 e la Basilicata rimane a 2 bandiere. Non meno importanti sono le Bandiere Blu per i laghi: una per la Lombardia, 2 per il Piemonte e 10 per il Trentino - Alto Adige che raddoppia rispetto all’edizione precedente.

“E’ con soddisfazione che annunciamo anche per il 2017, un aumento di comuni Bandiera Blu, ben 163 – ha osservato Claudio Mazza, presidente della Fee Italia - è un percorso che porta in maniera dinamica ed efficace le amministrazioni locali a cogliere nuove sfide per la gestione sostenibile del territorio, mettendo al centro la connessione terra-mare. La salute del mare è strettamente correlata alla gestione del territorio”. “Ogni anno i requisiti per ottenere la Bandiera Blu vengono rivisti, anche con il supporto di Ispra, in un’ottica di miglioramento continuo – ha spiegato da parte sua Stefano Laporta, direttore generale dell’Ispra - l’obiettivo è stimolare i Comuni ad una coscienza ambientale affinché affrontino i vari aspetti legati alla gestione diretta del territorio, anche in considerazione dell’aumentata pressione antropica determinata dal turismo”.

Il Programma Bandiera Blu, Eco-label Internazionale per la certificazione della qualità ambientale delle località rivierasche si è affermato ed è attualmente riconosciuto in tutto il Mondo, sia dai turisti che dagli operatori turistici, come un valido eco-label relativamente al turismo sostenibile in località turistiche marine e lacustri. L’obiettivo principale è quello di promuovere nei Comuni rivieraschi una conduzione sostenibile del territorio attraverso una serie di indicazioni che mettono alla base delle scelte politiche, l’attenzione e la cura per l’ambiente.

Bandiere Blu 2017, l'elenco delle Spiagge

Bandiere Blu 2017, l'elenco degli Approdi

Bandiere Blu 2017, la mappa dei Comuni

Chi siamo

TurismoItaliaNews, il web magazine che vi racconta il mondo.

Nasce nel 2010 con l'obiettivo di fornire un'informazione efficace, seria ed obiettiva su tutto ciò che ruota intorno al turismo...

Leggi tutto

Questo sito utilizza cookie, di prima e di terza parte, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la Cookie Privacy...