Australia, i fantastici panorami di Phillip Island: ecco l’isola disabitata scelta da migliaia di uccelli marini migratori

images/stories/australia/PhillipIsland01_PhNorfolkIslandTourism.jpg

Angelo Benedetti, Roma

E’ il classico paradiso per chi ama il birdwatching. Qui ogni anno migliaia di uccelli marini migratori si riproducono in assoluta tranquillità grazie all’assenza di potenziali predatori, che la rende un luogo ideale per far nidificare questi splendidi uccelli tra piante rare e in via di estinzione. E’ Phillip Island, parte del Parco Nazionale delle Norfolk Island, in Australia.

 

(TurismoItaliaNews) A sei chilometri a sud di Norfolk, si trova Phillip Island, piccola isola disabitata di appena 1,9 kmq di superficie. E’ di origine vulcanica, composta di tufo basaltico e lava risalenti al Miocene e il punto più elevato è il Jacky Jacky, alto 280 metri. Norfolk, oltre all’omonima isola principale, comprende due piccole isole disabitate: Nepean Island e Phillip Island, appunto, che nel 1788 venne così denomintata in onore di Arthur Phillip, il primo governatore del Nuovo Galles del Sud.

Australia, gli splendidi panorami di Phillip Island: ecco l’isola disabitata scelta da migliaia di uccelli marini migratori (foto Norfolk Island Tourism)

Australia, gli splendidi panorami di Phillip Island: ecco l’isola disabitata scelta da migliaia di uccelli marini migratori (foto Norfolk Island Tourism)

Australia, gli splendidi panorami di Phillip Island: ecco l’isola disabitata scelta da migliaia di uccelli marini migratori (foto Norfolk Island Tourism)

L'isola è un importante luogo di riproduzione di 13 specie di uccelli marini, tra cui il petrello di Kermadec, il petrello alinere, la berta del Pacifico, la berta piedicarnicini, la berta minore fosca, il fetonte codarossa, la sula mascherata, la sterna fuligginosa e la sterna stolida nera. Il paesaggio sagomato di Phillip Island è alquanto insolito: un secolo di erosione e degrado ha messo in luce una gamma abbagliante di terreni rossi, gialli e rosa. E comunque approdare può rivelarsi un’impresa perché scendere dalla barca nel punto di sbarco può essere una sfida. Peraltro l’accesso all’isola richiede anche un'eccitante salita su scale di corda seguite da un trekking su ripide pendenze. Ma ne vale la pena per essere ricompensati con viste epiche e la possibilità di avvicinarsi a migliaia di uccelli marini nidificanti. L'accesso all’isola dipende dalle condizioni meteo ed è richiesta una guida esperta in ogni momento; per organizzare una visita è necessario contattare il Centro informazioni visitatori di Norfolk.

A partire dal 1790, gli animali introdotti causarono una significativa erosione della fragile vegetazione e della struttura del suolo di Phillip Island. I conigli sono stati eradicati con successo nel 1988 e l'isola è ora libera da animali selvatici. I programmi di rigenerazione stanno ora riabilitando e proteggendo Phillip Island, che – come detto - è un importante sito di riproduzione per uccelli marini e ospita flora e fauna rare, tra cui piante endemiche, due specie di rettili e il millepiedi di Phillip Island. All’isola le poste australiane hanno dedicato due francobolli firmati da Ian Rolfe e stampati in versione foglietto con bellissimi scorci, in distribuzione dal 9 luglio. I dentelli hanno valore di 1 e 2 dollari australiani.

Australia, gli splendidi panorami di Phillip Island: ecco l’isola disabitata scelta da migliaia di uccelli marini migratori (foto Norfolk Island Tourism)

Australia, gli splendidi panorami di Phillip Island: ecco l’isola disabitata scelta da migliaia di uccelli marini migratori (foto Norfolk Island Tourism)

Il sito istituzionale dei Parchi dell’Australia
Il sito delle Poste australiane

Chi siamo

TurismoItaliaNews, il web magazine che vi racconta il mondo.

Nasce nel 2010 con l'obiettivo di fornire un'informazione efficace, seria ed obiettiva su tutto ciò che ruota intorno al turismo...

Leggi tutto

Questo sito utilizza cookie, di prima e di terza parte, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la Cookie Privacy...