Thailandia, Suphan Buri racconta la storia del vecchio Siam: tra i posti da vedere anche l'acquario di Bueng Chawak

images/stories/thailandia/SuphanBuri_BuengChawakAquarium01.jpg

Fra attrazioni, musei, rovine storiche, bacini idrici e templi, la provincia di Suphan Buri ha molto da offrire. Situata a soli cento chilometri a nord-ovest di Bangkok, in Thailandia, la città non possiede soltanto luoghi fortemente evocativi, ma è famosa anche per i pesci e l'acquario di Bueng Chawak è uno dei posti decisamente da vedere.

 

(TurismoitaliaNews) Conosciuta come antica città delimitata da una cinta murata, Suphan Buri divenne parte dell'impero Khmer di Angkor nell'XI secolo, dello stato di Sukhothai nel XIII secolo e del Regno di Ayutthaya nel XIV secolo. Durante il regno di Ayutthaya fu una città di confine storicamente importante vista la sua posizione di prima linea in molti conflitti. Nel 1592, la leggendaria battaglia di elefanti tra il re thailandese Naresuan il Grande e il principe ereditario di Birmania, ebbe luogo proprio qui e il monumento Don Chedi, che comprende due siti dedicati alla vittoria del re Naresuan il Grande, celebra l'importanza di questo evento per il Siam nel processo di riconquista della sua sovranità con la cacciata degli occupanti birmani.

Suphan Buri, Wat Parayrai

Uno dei luoghi più evocativi di Suphan Buri sono le rovine del tempio. In realtà una trilogia di siti archeologici composti dai templi di Wat Phra Si Rattana Mahathat, Wat Phrathat Sala Khao e Wat Sanam Chai che offrono una visione mozzafiato sul passato della provincia. Da non perdere il Museo Nazionale, spesso trascurato dai visitatori, che contiene molti manufatti storici, ed è un centro di apprendimento per archeologia, storia, antropologia, arte e cultura locale attraverso esposizioni di oggetti d'arte antichi, modelli e supporti audiovisivi.

Suphan Buri è famosa anche per i pesci. La provincia offre attrazioni sia naturali che artificiali legate al mondo sottomarino: Bueng Rahan, Bung Nong Sarai, Kra Seaw Dam I quattro stagni rossi (stagni sacri), il bacino idrico di Hup Khao Wong e l'acquario di Bueng Chawak. Il Wat Parayrai è un tempio reale, che si dice sia stato costruito oltre 1.200 anni fa durante l'età d'oro di Suphan Buri, ed è noto per la sua immagine del Buddha nella posizione di Parayrai, la classica postura seduta con le mani appoggiate sulle ginocchia.

Suphan Buri, Wat Phra Si Rattana Mahathat

Il sito ufficiale del Turismo Thailandese

Chi siamo

TurismoItaliaNews, il web magazine che vi racconta il mondo.

Nasce nel 2010 con l'obiettivo di fornire un'informazione efficace, seria ed obiettiva su tutto ciò che ruota intorno al turismo...

Leggi tutto

Questo sito utilizza cookie, di prima e di terza parte, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la Cookie Privacy...