Australia, la street art diventa arte rurale: sui silos giganteschi si ritrovano la gente, la storia e la natura

images/stories/australia/Silos_Thallon_DraplAndTheZookeeper02.jpg

Angelo Benedetti, Golden Grove / Australia

La loro mole domina il paesaggio rurale dell’Australia, componenti indispensabili delle sterminate coltivazioni di grano. E tuttavia da qualche anno quei silos giganteschi si sono scoperti improbabili ed inconsuete tele per i murales di artisti straordinari che hanno dato vita ad autentiche opere d’arte. Con l’imprevedibile risvolto di diventare motivo di richiamo in numerose piccole città di campagna.

 

(TurismoItaliaNews) Opere talmente belle, sparse qua e là per il Paese dei canguri, che adesso le Poste dell’Australia hanno deciso di farle diventare francobolli: quattro di questi gruppi di silos decorati si apprestano così a viaggiare via posta acquisendo una vetrina mondiale. Anche perché le comunità dei luoghi dove sono state realizzati i maxi-graffiti - orgogliose ed affiatate ma minate da una serie di problemi tra cui la siccità e il logoramento della popolazione – si sono rese conto come i silos dipinti stiano contribuendo alla rivitalizzazione di queste piccole città, rendendole ben visibili sulla mappa nazionale e internazionale.

A realizzare le opere sono stati famosi artisti di strada ed ormai attirano un numero crescente di visitatori, ben disposti a percorrore lunghe distanze per vedere da vicino questi murales monumentali e mozzafiato che illustrano la popolazione locale, la storia e l’ambiente naturale. Il primo murales su un silos è stato realizzato nel 2015 a Northam, nell’Australia occidentale. Altri tre sono poi spuntati nell’ovest, il più recente dei quali completato nel marzo 2018 ad Albany Port; insieme compongono la Form’s Public Silo Trail.

La regione di Wimmera-Mallee nello stato federato di Victoria accoglie sei strutture decorate del Silo Art Trail, il primo dei quali dipinto a Brim nell’estate 2015-16. Altri silos sono stati dipinti nell’Australia meridionale, nel Nuovo Galles del Sud, nel Queensland e nello stato di Victoria e molti altri sono in fase di progettazione. Così dal 21 maggio entrano in circolazione quattro francobolli (stampati anche in versione foglietto) dedicati a quattro silos espressione di questa maxi street art e scelti fra tutti quelli dell’Australia; i dentelli postali – tutti nel valore da 1 dollaro - sono impaginati da Janet Boschen Design.

Guido van Helten, Brim
La piccola città di Brim si trova sulle rive dello Yarriambiack Creek, nella regione del Wimmera (Victoria), a circa 350 chilometri a nord-ovest di Melbourne. Una zona particolarmente vocata alla produzione del grano. I murales del silo, alti 30 metri, sono un'iniziativa dell'artista Guido van Helten, proprietario del silo GrainCorp, e dell'organizzazione della comunità locale del Brim Active Group. Questo è stato il primo murale su silos nell'Australia orientale. Il suo enorme successo come attrazione turistica ha incoraggiato la Contea di Yarriambiack a commissionare altri cinque murales alla GrainCorp. Questi sei silos costituiscono ora il Wimmera-Mallee Silo Art Trail. Prima di iniziare a dipingere i silos, Guido van Helten, con sede a Brisbane, ha trascorso quasi una settimana a conoscere la comunità e la popolazione locale.

Sul suo murale sono dipinte quattro figure monumentali: tre uomini e una donna di diverse età, con cappelli che riparano i loro volti dal cocente sole di mezzogiorno, sembrano spuntare dal polveroso terreno del Wimmera. Van Helten ha dipinto il murale su un lato dei sei silos in tre settimane nell'estate 2015-16. Ha usato vernice spray e vernice acrilica per esterni, che ha applicato dall'alto su un braccio meccanico utilizzato pr raccogliere le ciliegie. Guido van Helten (che è tra gli artisti che realizzano murales più importanti del mondo) nel 2017, in occasione del trentesimo anniversario del disastro nucleare di Chernobyl, ha voluto onorare la memoria del fotoreporter Igor Kostin con un suo ritratto dipinto all'interno di un reattore nucleare abbandonato nel sito ancora proibito e colpito dalle radiazioni.

Drapl and The Zookeeper, Thallon
La cittadina di Thallon si trova nel sud-ovest del Queensland, a 571 chilometri ad ovest di Brisbane. Costruito negli anni '70, il deposito GrainCorp da 300.000 tonnellate è uno dei più grandi in Australia. Nonostante i recenti raccolti quasi record, Thallon ha sofferto a causa della siccità e della cessazione dei servizi ferroviari, con il conseguente declino delle imprese e della popolazione. Il piano per dipingere quattro silos di 30 metri di lunghezza e 40 metri di Thallon è una iniziativa della Thallon Progress Association, della GrainCorp e di due artisti di Brisbane, Drapl e The Zookeeper. La gente di Thallon è stata coinvolta nello sviluppo del design: i due artisti hanno incontrano i residenti, i quali - davanti ad una birra - hanno raccontato storie sulla loro città portando fotografie per spiegare cosa significa vivere sul territorio.

Da questo incontro si è evoluta l'opera d'arte finale, The Watering Hole, che descrive aspetti di Thallon, tra cui gli spettacolari tramonti e il pittoresco fiume Moonie. Le fotografie di tre locali hanno ispirato le bellissime immagini: la “First Light” di Chantel McAlister, The Moonie River di Lila Brosnan e la foto di Gary Petrie di due Pale-headed Rosellas. Il murale include anche un albero sfregiato, come riferimento alla storia indigena della comunità, e le pecore, simbolo dell'industria della lana. Il murale gigante ha impegnato gli artisti per tre settimane, 10 ore al giorno, impiegando 500 litri di vernice e 500 bombolette spray.

Amok Island, Ravensthorpe
La cittadina dell’Australia occidentale di Ravensthorpe si trova nella regione meridionale di Goldfields-Esperance, 541 chilometri a est di Perth e 40 chilometri nell'entroterra della costa meridionale. Questi murales sono stati il secondo ciclo dopo che quelli di Northam sono stati commissionati dall’agenzia Form per i proprietari dei silos, il gruppo Cbh. Il progetto ha richiesto 31 giorni per essere completato con 338 litri di vernice ed è stato realizzato dall'artista Amok Island di Fremantle.

Anche lui ha voluto ha selezionare immagini di particolare rilevanza per la regione locale. La sua opera, Six Stages of Banksia baxteri, raffigura la flora e la fauna dell’area di Ravensthorpe, tra cui una bankia endemica e gli impollinatori principali della specie, il piccolo Honey Possum, che si trova solo nel sud-ovest dell’Australia occidentale, e il nero, il giallo e il bianco della New Holland Honeyeater, che si trova in tutta l’Australia meridionale. Ogni lato dei tre silos mostra uno stadio diverso nel ciclo di fioritura della banksia, dalla gemma alla fioritura alla formazione dei semi e al loro rilascio. Tutta la superficie dei silos cilindrici è stata impiegata per illustrare il ciclo infinito delle stagioni, di importanza cruciale per tutta la flora, inclusi il grano e gli altri cereali prodotti nella regione e immagazzinati nei silos.

Heesco Khosnaran, Weethalle
Weethalle è una piccola città nella regione centro-occidentale del New South Wales. Il silos Weethalle è stato il primo ad essere dipinto in questo territorio grazie all’iniziativa del Bland Shire Council che, ispirato dal successo del Victoria's Silo Trail, ha invitato artisti australiani ad intraprendere il progetto. Nove artisti hanno partecipato e Heesco Khosnaran, nato in Mongolia, è stato selezionato da un comitato composto da rappresentanti del Consiglio e della comunità. E sono rimasti impressionati dall'impegno di Heesco nel riflettere fedelmente la gente e la sua storia. La comunità ha preferito che non fossero rappresentate persone identificabili nell'opera d'arte, quindi l'artista si è ispirato a diverse fotografie per raffigurare le principali attività agricole del distretto: tosatura e coltivazione del grano.

Il “muscly shearer” che afferra una pecora merino si basa su una fotografia di Millie Brown. A destra, in una brillante giornata di sole, un contadino osserva il suo raccolto dorato di grano maturo mentre una mietitrebbiatrice lavora in secondo piano. L'intensa tavolozza del murale è stata ispirata dalla percezione dell'artista dei dintorni della città. Per eseguire il vasto murale, che ha richiesto 200 litri di vernice e 300 bombolette spray, Heesco ha lavorato con un braccio telescopico di 24 metri. Ma prima di tutto ha dovuto lavare via a pressione quasi un secolo di polvere e sporco dalle pareti del silos prima di applicare uno strato su cui eseguire la sua opera.

Il sito delle Poste australiane

Chi siamo

TurismoItaliaNews, il web magazine che vi racconta il mondo.

Nasce nel 2010 con l'obiettivo di fornire un'informazione efficace, seria ed obiettiva su tutto ciò che ruota intorno al turismo...

Leggi tutto

Questo sito utilizza cookie, di prima e di terza parte, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la Cookie Privacy...