Da Gozo alla Guaita di San Marino: la Repubblica di Malta guarda al Titano per promuovere insieme due simboli identitari

Eugenio Serlupini, La Valletta / Malta

DESTINAZIONI Due luoghi di grande fascino si ritrovano accomunati dai francobolli. E’ un progetto condiviso di San Marino e di Malta, che per consolidare i rapporti di collaborazione e amicizia tra le due Repubbliche hanno deciso di realizzare francobolli gemelli (stampati in foglietto) in distribuzione dal 18 ottobre 2016. La realizzazione grafica è stata affidata all’artista maltese Cedric Galea Pirotta.

 

(TurismoItaliaNews) Quali migliori testimonial dei luoghi più conosciuti dei due Paesi? Cedric Galea Pirotta ha infatti dipinto due stupende vedute per il foglietto dedicato all’emissione congiunta San Marino - Malta, per consolidare i rapporti di collaborazione e amicizia tra le due Repubbliche. Il primo francobollo (i valori sono 1,60 euro per entrambi i dentelli) mostra la Prima Torre di San Marino, che è la maggiore e la più antica delle tre rocche, risalente all’XI secolo.

Conosciuta anche come Guaita, questa Torre è la maggiore nonché la più antica delle tre rocche che dominano la città. Dopo l'ultimo restauro del 1930, la Rocca è stata resa accessibile ai visitatori: ha una pianta pentagonale ed è sprovvista di fondazioni in quanto poggia direttamente sulla roccia; uno stemma barocco della Repubblica, prelevato dal vecchio Palazzo Pubblico, adorna la porta d'ingresso mentre nel cortile sono esposti alcuni pezzi di artiglieria, due mortai donati dal re Vittorio Emanuele II e due cannoni con i quali la Guardia di Rocca spara a salve durante i giorni di festa, dono di Vittorio Emanuele III.

 

Il secondo francobollo riproduce l’antica Cittadella fortificata e la Cattedrale di Gozo, a Malta. Racchiusa nella Cittadella, la Cattedrale ha un’elegante struttura barocca progettata dall’architetto maltese Lorenzo Gafa con pianta a croce latina. Costruita al posto di un tempio romano dedicato a Giunone, l’attuale chiesa è stata realizzata tra il 1697 e il 1711 interamente in pietra calcarea locale. Alle spalle della Cattedrale, un alto campanile con cinque campane rimpiazza i due precedenti che sorgevano sulla facciata mentre, all’interno, un affresco del 1739 sul soffitto dà l’impressione che ci sia una cupola, quando in realtà il tetto è piatto. Questo dipinto è un autentico capolavoro di prospettiva e di trompe l’oeil tanto che è difficile convincere quanti la visitano per la prima volta che, realmente, non c’è alcuna cupola. Altra attrazione della Cattedrale è la statua di Santa Marija (l’Assunzione di Nostra Signora) scolpita a Roma nel 1897. La festa dell’Assunzione di Nostra Signora in Cielo – la festa annuale della Cattedrale – cade il 15 agosto, che è anche un giorno di festa nazionale.

L’antica Cittadella (denominata anche Citadella o Kastell) sorge al di sopra di ir-Rabat: costruita su un punto strategico, domina il profilo della città, esattamente come intendevano gli architetti militari che l’hanno progettata. Una visita alla Cittadella non deve assolutamente mancare. La tiratura annunciata per l’emissione sammarinese è di 30.000 foglietti.

 

Per saperne di più
www.aasfn.sm
www.visitsanmarino.com
www.visitgozo.com/it

 

turismo italia news
turismoitalianews
TurismoItaliaNews.it
www.facebook.com/turismoitalianews
www.twitter.com/turismoitalianw

Chi siamo

TurismoItaliaNews, il web magazine che vi racconta il mondo.

Nasce nel 2010 con l'obiettivo di fornire un'informazione efficace, seria ed obiettiva su tutto ciò che ruota intorno al turismo...

Leggi tutto

Questo sito utilizza cookie, di prima e di terza parte, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la Cookie Privacy...