Celleno, “zona rossa” nel Lazio per il Coronavirus, fa di necessità virtù e rilancia con i live come straordinario “Borgo fantasma”

Stampa
images/stories/lazio/Celleno02.jpg

Decretato “zona rossa” a causa dell’emergenza Coronavirus, il piccolo comune di Celleno, in provincia di Viterbo, riparte con il digitale diffondendo la cultura locale e storica con lezioni e tour live su Facebook: la cultura culinaria della zona, del frutto e del fiore del ciliegio, le tradizioni della lavorazione della carne, e naturalmente la conoscenza approfondita di questo “Borgo fantasma” con un viaggio tra la sua storia e i suoi segreti.

 

(TurismoItaliaNews) Celleno, a nord di Roma, è conosciuto per il suo castello e il borgo disabitato meta di migliaia di persone tra italiani e stranieri: oggi si rilancia grazie al turismo digitale con live tour video guidati del Comune, che da diversi giorni è stato decretato zona rossa. E' prevista anche la visita esclusiva all'interno del Castello Orsini (normalmente chiuso al pubblico) dove per oltre 40 ha vissuto e ha prodotto le sue opere l'artista di fama internazionale Enrico Castellani, le cui opere esposte in tutto il mondo, valgono diversi milioni di euro ciascuna.

Celleno, “zona rossa” per il Coronavirus, fa di necessità virtù e rilancia con i live come straordinario “Borgo fantasma”

Celleno, noto come “il borgo fantasma” (qui abitano circa 1.300 persone) viene chiamato così per la sua somiglianza alla vicina Civita di Bagnoregio e perchè il borgo, posto su una rupe di tufo, fu abbandonato dopo violenti terremoti nel passato. Il grazioso paese, con una storia che passa dagli Etruschi, ai Romani e dal Medioevo, è stato inserito dal quotidiano britannico Telegraph tra i 25 borghi fantasma più belli d'Italia, è stato la location cinematografica del film di Netflix “Luna nera” ed è stato introdotto nei percorsi del Fai. “Abbiamo deciso di investire molto nel digitale in questo momento particolare per dare la possibilità a tutti di visitare il nostro borgo apprezzato da turisti italiani ed internazionali - commenta il sindaco di Celleno, Marco Bianchi - sopratutto in questo momento abbiamo voluto avviare una rinascita con una serie di eventi, che comprendono tutti i cittadini, che si chiama 'Rifioriamo". Bambini, giovani, anziani danno un proprio contributo per ripartire anche nella difficoltà, anche condividendo le nostre bellezze e la nostra cultura locale attraverso numerisi live video su Facebook".

Per i live hanno collaborato il professor Senni dell'Università della Tuscia per la storia del ciliegio e dei suoi fiori con, il bar ristorante San Rocco e l'imprenditore Andrea Sterpino per la cucina tradizionale locale, a cura del, la Macelleria Brachini per la carne di qualità allevata localmente, e Andrea Sterpino, Saverio Senni e Massimo Fordini Sonni per i 3 tour live del Castello e del borgo. Molte altre saranno le altre attività digitali formative che saranno lanciate nei prossimi giorni nell'attesa dell’apertura dai divieti di spostamenti e il riavvio del turismo in Italia.

Per saperne di più
facebook.com/ilborgofantasma
www.comune.celleno.vt.it
ilborgofantasmadicelleno.it
Il canale Youtube

Questo sito utilizza cookie, di prima e di terza parte, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la Cookie Privacy...