La Certosa di Ferrara nel circuito europeo dei cimiteri monumentali: "Lavoriamo per essere al centro degli itinerari internazionali"

Stampa
images/stories/emiliaromagna/Ferrara_Certosa01.jpg

 

La Certosa di Ferrara è nella rete europea dei Cimiteri storico-monumentali (Asce) insieme ad altre 179 realtà internazionali in 22 Paesi. Quest'anno l'Asce compie i primi 20 anni di attività e per l'occasione Amministrazione comunale e Holding Ferrara Servizi intendono candidare alcuni progetti per fare della città una tappa centrale nei percorsi turistici di settore.

 

(TurismoItaliaNews) L'associazione è stata costituita a Bologna nel 2001 su iniziativa del Comune felsineo e questo dice tutto della valenza internazionale delle Certose emiliane, a tutti gli effetti inserite in un circuito internazionale che conta, ad esempio, cimiteri come quello di Londra, con l'Highgate. L'accesso alla rete dei cimiteri monumentali è stato possibile dopo la presentazione di una candidatura corredata da progetti di promozione e valorizzazione. Questo ha consentito a Ferrara di essere selezionata come parte di una rete composta da interlocutori internazionali e specialisti di settore.

La Certosa di Ferrara nel circuito europeo dei cimiteri monumentali: "Lavoriamo per essere al centro degli itinerari internazionali"

La Certosa di Ferrara nel circuito europeo dei cimiteri monumentali: "Lavoriamo per essere al centro degli itinerari internazionali"

"E' un'opportunità che può rappresentare un ulteriore strumento per inserire Ferrara in circuiti turistici internazionali – evidenzia l'assessore al turismo Matteo Fornasini – non dimentichiamo che la nostra Certosa oltre alla sua architettura monumentale e alla bellezza di San Cristoforo, restituita alla città dopo i lavori post sisma, ospita figure che hanno attraversato epoche e hanno fatto la storia. Penso, tra gli altri, a Borso d'Este, Carlo Mayr, Corrado Govoni, Giovanni Boldini, Michelangelo Antonioni, Florestano Vancini, Benvenuto Tisi, Gaetano Previati, Filippo Tibertelli De Pisis".

L'impegno comune per la valorizzazione ha avuto ottimi riscontri, anche in un'estate complessa come quella del 2020: nel corso della “Pink week” di inizio agosto le visite alla Certosa, con arrivi dalla Riviera, hanno segnato grande interesse. Molto apprezzati e di grande qualità i tre percorsi tematici realizzati dalla Holding, che il regista Ivan Zuccon, già collaboratore di Pupi Avati, ha raccontato in diversi video, per guidare i visitatori negli spazi di questo meraviglioso museo a cielo aperto. E di grande impatto è stato il concerto di Natale 2019 in San Cristoforo e lo spettacolo di luci nei claustri e sulla chiesa. Come è stato fatto in questi anni si vuol continuare a studiare sempre nuove soluzioni per mettere al centro la Certosa, anche in ambito internazionale. La rete Asce può essere uno strumento molto efficace.

La Certosa di Ferrara nel circuito europeo dei cimiteri monumentali: "Lavoriamo per essere al centro degli itinerari internazionali"

"I progetti di valorizzazione non si devono fermare – commenta il presidente della Holding Ferrara Servizi Luca Cimarelli, che ha sede proprio all'interno della Certosa – l'obiettivo primario è far conoscere oltre le mura di Ferrara l'immenso patrimonio che qui risiede. Ad oggi il turismo è, purtroppo, bloccato dalle misure anti-Covid, ma è necessario pensare e progettare iniziative per la ripartenza, 'agganciando' tutte le opportunità, soprattutto quelle che derivano dalle reti turistiche. L'Asce è una realtà, nata proprio in Emilia, con respiro internazionale, preziosa per sviluppare progetti comuni, d'intesa con altri Paesi".

 

La Recoleta, viaggio nell'eternità artistica di Buenos Aires: storie, personaggi e artisti di un Cimitero famoso

 

Questo sito utilizza cookie, di prima e di terza parte, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la Cookie Privacy...