Una Pasqua da favola ai Giardini di Isola del Garda, il tesoro che affiora dalle limpide acque

Isola del Garda riapre puntualmente la stagione il 13 aprile, a pochi giorni dalla Pasqua, con un calendario ricco di eventi. Novità 2014 la mostra temporanea “Un’Isola da favola: Ecce Pinocchio”, concerti di musica live e il “Family Day” a Pasquetta. Tutto da vedere e da godere questo autentico tesoro che affiora dalle limpide acque dell’omonimo lago, nella sponda bresciana a pochi passi da San Felice del Benaco.

 

 

(TurismoItaliaNews) In primavera torna a risplendere, tra profumi e colori, Isola del Garda, autentico tesoro che affiora dalle limpide acque dell’omonimo lago, nella sponda bresciana a pochi passi da San Felice del Benaco. Uno scrigno che racchiude capolavori in termini architettonici, artistici e botanici. L’Isola che dal 2008 fa parte dei Grandi Giardini Italiani, il network dei più bei giardini visitabili in Italia, apre di nuovo al pubblico domenica 13 aprile proponendo ai suoi ospiti un ricco programma di intrattenimento adatto a tutta la famiglia.


Isola del Garda, luogo magico ideale scenario per una favola, dal 20 maggio ospita la mostra temporanea “Un’Isola da favola: Ecce Pinocchio”, dove si avvicenderanno artisti di fama che con le loro opere e creazioni reinterpreteranno la celebre fiaba di Collodi, tradotta in oltre 240 lingue. “Un’isola da favola” è un progetto che di anno in anno ricrea una diversa scenografia fiabesca mettendo in connessione i paesaggi con valenze artistiche ed architettoniche all’arte contemporanea.


Isola del Garda a Pasqua è incantevole e piena di fioriture di peonie, gigli e tulipani, pronta ad accogliere il pubblico di appassionati ed esperti di botanica, amanti dell’arte, intenditori di panorami ameni, semplici amanti della natura e famiglie con bambini, curiosi di visitare un luogo unico e vivere momenti speciali, lasciandosi incantare dai colori del lago che danno vita ad una vera e propria magia. La stagione degli appuntamenti 2014 inizia il 21 aprile, giorno di Pasquetta, con l’evento “Family Day”, per trascorrere una giornata all’aria aperta tra giochi, divertimento e animazione.


Per raggiungere Isola del Garda ci si può imbarcare dal porto di Barbarano, Gardone, Portese, Salò, Manerba, Maderno, Bardolino e Garda: in meno di mezz’ora si attracca nel delizioso porticciolo. La visita guidata è di circa un paio d’ore e ad accogliere i visitatori giardini rigogliosi, boschetti di pini, allori, acacie e piccole baie rese magiche dai cipressi delle paludi, piante particolari che fanno di questo splendido parco botanico galleggiante una vera rarità.


Immersa tra rose antiche e bouganville, arricchita da un bellissimo giardino all’italiana di austeri cipressi e siepi di bosso finemente sagomati, incastonati in un paesaggio di lecci, ligustri, corbezzoli e querce si staglia l’imponente Villa Borghese Cavazza, sontuoso palazzo progettato dall'architetto Luigi Rovelli simile al Palazzo Ducale di Venezia, soprattutto per lo stile neogotico della torre e della loggia con vista sullo splendido Lago di Garda. Nelle sale finemente decorate numerose suppellettili, collezioni e arredi d’epoca, dove si respira la storia attraverso gli oggetti appartenuti agli avi degli attuali proprietari. Di grande interesse la sala della musica con pianoforte antico che ospita concerti, mentre giochi e culle testimoniano le storie delle famiglie che vi hanno soggiornato.

L’aperitivo servito sulla splendida terrazza è il momento della visita più apprezzato dagli ospiti, con degustazioni di vino locale, olio extra vergine di oliva Dop di produzione propria: un angolo suggestivo da dove scendono a cascata rose della Cina, bouganville che di stagione in stagione mutano la fisionomia del paesaggio circostante. La visita riprende in un percorso tortuoso tra scalette e stretti sentieri, fino a terminare a nord in riva al lago circondati da alberi da frutto quali cachi, limoni, peri, melograni, ulivi plurisecolari piantati dai francescani che vi risiederono, agrumeti, fichi d’india, giuggiole e capperi, sotto lo sguardo protettivo delle montagne.


Il nuovo sito web consente al visitatore di avere già in anteprima un assaggio della bellezza di Isola del Garda, con la possibilità di visualizzare foto emozionali, richiedere informazioni, prenotare visite e avere maggiori dettagli sulla storia, sull’architettura di Villa Borghese Cavazza, sui giardini e in generale sugli eventi che vengono organizzati durante tutta la stagione di apertura.

Un patrimonio italiano unico, ma sconosciuto a molti

L’isola nel corso degli anni è stata dimora di romani, longobardi, frati francescani, aristocratici e generali napoleonici, nonché di artisti e letterati come Dante Alighieri, che hanno lasciato traccia del loro soggiorno in vari luoghi e che pervadono l’isola con echi di storia, ricordi e miti. San Francesco d’Assisi sbarcò sull’isola nel 1220 e, dopo averla valutata luogo ideale decide di stabilirne il romitorio per la sua piccola comunità di frati utilizzando le grotte naturali preesistenti, istituendo così uno dei primi eremi di preghiera del territorio bresciano. Oggi l’isola è di proprietà della famiglia Cavazza, tre sorelle e quattro fratelli e solo da qualche anno è aperta al pubblico con l'obiettivo di far conoscere un patrimonio italiano unico, ma sconosciuto a molti. Grazie a questa attività gli attuali proprietari hanno potuto compiere importanti opere di restauro tuttora in corso e migliorare il parco secolare. La famiglia Cavazza risiede e lavora da sempre sul Lago di Garda gestendo direttamente un’azienda agricola e altre legate al turismo all'aria aperta, come campeggi e agriturismi.

 

 

turismo italia news
turismoitalianews
TurismoItaliaNews.it
www.facebook.com/turismoitalianews
www.twitter.com/turismoitalianw

Chi siamo

TurismoItaliaNews, il web magazine che vi racconta il mondo.

Nasce nel 2010 con l'obiettivo di fornire un'informazione efficace, seria ed obiettiva su tutto ciò che ruota intorno al turismo...

Leggi tutto

Questo sito utilizza cookie, di prima e di terza parte, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la Cookie Privacy...