La Terra dei 7 colori: a Mauritius l'unicità e la naturalezza delle dune a strisce è un'attrazione mondiale

images/stories/mauritius/Chamarel_07.jpg

Giovanni Bosi, Mauritius

La creatività umana è estrosa e imprevedibile, ma quella della Natura è sicuramente imbattibile e perfino al di sopra della fantasia. Non solo flora e fauna, ma anche la terra contribuisce allo spettacolo. Come sull’Isola di Mauritius: a due passi dal villaggio di Chamarel c’è la Terra dei 7 colori, dove il paesaggio è reso unico dalle sabbie delle dune.

 

(TurismoItaliaNews) Mauritius, nell’Oceano Indiano, è famosissima per le sue spiagge e i suoi tramonti dorati, tanto da essere una delle mete internazionali agognate dai turisti. E comunque non solo mare: quando si è sull’isola si scopre che c’è molto altro da vedere: dalla capitale Port Louis con le testimonianze di una contaminazione plurisecolare, all'unicità del giardino botanico di Pamplemousses; da quella Grand Bay considerata la Saint-Tropez dell’Oceano Indiano, all'entroterra con la sua magia verde e Curepipe, il villaggio più bello dell'Isola.

Mauritius, nell’Oceano Indiano, è famosissima per le sue spiagge e i suoi tramonti dorati

La Terra dei 7 colori: a Mauritius l'unicità e la naturalezza delle dune a strisce è un'attrazione mondiale

Eppure a conquistare sono le dune colorate di Chamarel, sul versante sud-occidentale. Neanche un ettaro di superficie - 7.500 metri quadrati – caratterizzata da sabbia di sette colori: rosso, marrone, viola, verde, blu, azzurro e giallo, che danno vita allo scenario fantastico di colline modellate, davanti alle quali si arriva dopo aver percorso una strada panoramica che attraversa la lussureggiante foresta tropicale che circonda la zona, a 283 metri sul livello del mare.

Ma cosa dipende? E' uno dei tanti bizzarri fenomeni della nostra amata Gea: un fenomeno geologico di origine vulcanica per il quale le terre di sette colori diversi si sono “intrecciate” formando questa struttura caratteristica che ha donato a Mauritius un'attrazione di fama mondiale. In sostanza si sono formati diversi strati che sembrano non essere affatto disturbati dalle piogge torrenziali (frequenti durante l'estate e comunque brevi) cui l'isola è soggetta a causa del clima tropicale. A proposito: il periodo migliore per trovarsi qui va da ottobre a novembre, anche se la posizione dona a Mauritius temperature piacevoli tutt l'anno. Anche se il vento si diverte a scompigliare i granelli superficiali di sabbia colorata, dopo un po' i disegni striati delle dune si ricompongono, tanto da far sembra immutevole questa naturale bizzarria.

La Terra dei 7 colori: a Mauritius l'unicità e la naturalezza delle dune a strisce è un'attrazione mondiale

La Terra dei 7 colori: a Mauritius l'unicità e la naturalezza delle dune a strisce è un'attrazione mondiale

La Terra dei 7 colori: a Mauritius l'unicità e la naturalezza delle dune a strisce è un'attrazione mondialeLa Terra dei 7 colori: a Mauritius l'unicità e la naturalezza delle dune a strisce è un'attrazione mondiale

La loro composizione chimica racconta che la formazione si è dovuta alla decomposizione di un calanco di basalto - ovvero roccia vulcanica - in argilla, poi a sua volta trasformata nel corso del tempo in suolo ferrallitico a causa di idrolisi totale: “Ai due principali elementi chimici presenti nel suolo, ferro ed alluminio – spiegano gli esperti – si devono le colorazioni rosso-antracite e blu-violetto, mentre i diversi strati di colore sarebbero la conseguenza del raffreddamento delle rocce vulcaniche fuse a differenti temperature esterne”. E tuttavia restano aperti alcuni interrogativi, come i motivi della separazione spontanea ancora non chiariti in modo definitivo. Quando ci si trova sul posto, si può avere soltanto il ruolo di spettatori rispettosi: l'area è delimitata da una recinzione e non si può assolutamente camminare sulla superficie colorata, né tantomeno asportare porzioni o campioni di sabbia e terreno. Quando andiamo via, negli occhi e nella mente rimane impressa in modo indelebile l'immagine della Terra dei 7 colori, aulica e riposante. Ci spostiamo poi nel villaggio di Chamarel, dove la chiesa di Sant'Anna, costruita nel 1876, regala a suo modo altre suggestioni.

Chi ama la natura non può perdersi, oltre alle dune colorate, altri tre luoghi altrettanto belli: il Parc national des Gorges de Rivière Noire, Trou aux Cerfs e la Strada del Tè. Il parco nazionale delle gole del Fiume Nero si trova nella regione occidentale: 6.750 ettari di area naturale protetta, parte della riserva della biosfera di Macchabée - Bel Ombre, che offrono rifugio a centinaia di specie di piante da fiore autoctone ed endemiche che è possibile trovare solo qui. In questa zona protetta ricadono le Terre dei sette colori ma anche le Cascate di Chamarel (che si gettano da un'altezza di 95 metri) e il Piton de la Petite Rivière Noire, che con i suoi 826 metri è dunque il punto più alto dell'isola. Trou aux Cerfs è un vulcano spento nell’entroterra di Curepipe, la parte più selvaggia di Mauritius: si è formato meno di 2 milioni di anni fa nella seconda fase dell'attività vulcanica che ha creato l'Isola. Tra le produzioni tipiche ci sono non solo rhum e zucchero, ma pure il tè, tanto che Route du Thé è un itinerario che consente di vedere le piantagioni da vicino: il giro parte da Domaine des Aubineaux, include la fabbrica di Bois Chéri a Rivière des Anguilles e termina al Domaine Saint Aubin.

La Terra dei 7 colori: a Mauritius l'unicità e la naturalezza delle dune a strisce è un'attrazione mondiale

La Terra dei 7 colori: a Mauritius l'unicità e la naturalezza delle dune a strisce è un'attrazione mondiale

Abbiamo parlato anche di Port Louis: per conoscere la vera anima della città bisogna andare al Mercato Centrale, sul lungomare Le Caudan e al Museo di Storia Naturale per saperne di più sul Dodo, il volatile simbolo di Mauritius ormai purtroppo estinto. Quando vi siedete a tavola non rinunciate a gusate il Marlin in versione affumicata: è un pesce simile al pesce spada, una vera eccellenza. Infine le spiagge: le migliori sono Pereybère, Flic en Flac, Belle Mare, Le Morne, Blue Bay e Ile aux Cerfs.

Per saperne di più

 

Pamplemousses, i giardini botanici delle grandi ninfee a Mauritius

 

Giovanni Bosi, giornalista, ha effettuato reportages da numerosi Paesi del mondo. Da Libia e Siria, a Cina e India, dai diversi Paesi del Sud America agli Stati Uniti, fino alle diverse nazioni europee e all’Africa nelle sue mille sfaccettature. Ama particolarmente il tema dell’archeologia e dei beni culturali. Dai suoi articoli emerge una lettura appassionata dei luoghi che visita, di cui racconta le esperienze lì vissute. Come testimone che non si limita a guardare e riferire: i moti del cuore sono sempre in prima linea. E’ autore di libri e pubblicazioni.
mail: direttore@turismoitalianews – twitter: @giornalista3

 

Chi siamo

TurismoItaliaNews, il web magazine che vi racconta il mondo.

Nasce nel 2010 con l'obiettivo di fornire un'informazione efficace, seria ed obiettiva su tutto ciò che ruota intorno al turismo...

Leggi tutto

Questo sito utilizza cookie, di prima e di terza parte, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la Cookie Privacy...