Dresda fa rivivere la sua storia, riaperto l'edificio più antico della città sull'Elba: la fortezza chiamata Festung

Stampa
images/stories/germania/Dresda16.jpg
turismo   italia   news   turismoitalianews   arte   Germania   cultura   architettura   2020   Dresda   Fortezza   Festung   Zwinger  

Dopo due anni di ricostruzione, ha riaperto I battenti l'edificio più antico di Dresda, la fortezza chiamata Festung. Per l'occasione la città adagiata sull'Elba ha dato vita al progetto "Dresden Xperience - due luoghi speciali", che prevede proiezioni audiovisive a 270° chiamate rispettivamente Festung Xperience e Zwinger Xperience.

 

(TurismoItaliaNews) Grazie a Festung Xperience nella fortezza si ripercorrono 500 anni di storia cittadina con una mostra permanente, mentre a soli 10 minuti a piedi, nel cortile dello Zwinger, grande complesso architettonico in stile barocco, va in scena Zwinger Xperience, per ricordare "le nozze del secolo" di 300 anni fa tra Federico Augusto II e Maria Josefa.

Dresda

Dresda

Lo Zwinger di Dresda è un capolavoro di architettura barocca, sorto nel 1709 all'epoca di Augusto il Forte. Numerosi scultori crearono opere incomparabili per abbellire il complesso, che oggi è l'attrazione principale della capitale della Sassonia. In origine era una piazza con costruzioni in legno utilizzata per ospitare eventi come i tornei o altri giochi di corte della nobiltà sassone. Tra il 1710 e il 1719, sotto la reggenza del principe elettore Augusto il Forte, Matthäus Daniel Pöppelmann realizzò lo Zwinger in pietra arenaria. I padiglioni e le gallerie sul lato delle mura erano adibiti a orangerie. Il particolare più fotografato dello Zwinger è la Porta della Corona. L'arte barocca dello Zwinger è caratterizzata dalle divinità della mitologia greca. Vicino al Padiglione delle Mura si trova il Bagno delle Ninfe.

Per saperne di più

Questo sito utilizza cookie, di prima e di terza parte, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la Cookie Privacy...