Tradizione, la Rocciata di Casa Spineto: in Umbria per Ognissanti il dolce che ormai si mangia tutto l'anno

images/stories/ricette_laura/Rocciata1.jpg

Una caratteristica dei dolci umbri è quella di essere, nella maggior parte dei casi, dolci da forno e per alcuni di essere strettamente legati alle festività religiose. Come nel caso della Rocciata, una peculiarità del territorio umbro e in genere in nessuna casa manca nel periodo della ricorrenza dei defunti (anche se ad onor del vero, per la sua bontà, ormai si mangia in qualsiasi periodo dell’anno). Ma qual è la ricetta della rocciata? Lo abbiamo chiesto a Laura Bosi Celletti di Casa Spineto. Eccola in esclusiva per TurismoItaliaNews.it

 

(TurismoItaliaNews) Tradizionalmente in molte aree dell’Umbria in passato si mangiava proprio in occasione della ricorrenza dei defunti. In particolare, la rocciata è un dolce tipico della Valle Umbra, che ricorda molto da lontano il più famoso strudel trentino e la cui origine si pensa che possa derivare dalle usanze che i popoli nordici, arrivati in queste zone dopo la caduta dell’Impero Romano, hanno lasciato in alcune aree dell'Umbria. Ed ecco allora la ricetta di Casa Spineto illustrata da Laura Bosi Celletti.

 

Ingredienti
Impasto per 4 rocciate
-250 gr farina 0
-70 gr olio di arachidi
-100 ml di acqua
-1 cucchiaio abbondante di zucchero

Ripieno
-7 mele qualità farinosa
-1 pera matura
-15 fichi secchi morbidi
-15 noci sgusciate
-150 gr di uvetta sultanina
-1 cucchiaino di cannella
-1 cucchiaino di anice in polvere
-2 cucchiai di zucchero
-2 cucchiai di cacao amaro

Procedimento
In un piatto fondo mescolare molto bene l'olio con lo zucchero, aggiungere il sale e l'acqua, man mano la farina fino ad ottenere una palla morbidissima. Sbattere con molta energia per qualche minuto, fare riposare 1 ora circa. Sminuzzare le mele senza buccia, la pera, i fichi, le noci; aggiungere l'uvetta bagnata precedentemente, lo zucchero, il cacao. Mescolare, far riposare 1 ora circa per consentire al condimento di ammorbidire.

Tirare la sfoglia molto sottile (si consiglia fra due fogli carta forno), farcire, arrotolare, dando la forma di strudel o arrotolandola a torciglione su stessa, (da qui il nome rocciata); la forma di strudel agevolerà lo sporzionamento. Guarnire con alchermens rosso. Cuocere a forno preriscaldato 150 gradi per circa 35 minuti, mantenendo la rocciata sullo stesso foglio carta forno usato per il condimento. In alternativa all'alchermes può essere usato succo di melograno perché senza coloranti.

Chi siamo

TurismoItaliaNews, il web magazine che vi racconta il mondo.

Nasce nel 2010 con l'obiettivo di fornire un'informazione efficace, seria ed obiettiva su tutto ciò che ruota intorno al turismo...

Leggi tutto

Questo sito utilizza cookie, di prima e di terza parte, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la Cookie Privacy...