Farro all’olio extravergine di oliva con rucola, pomodorini e scaglie di tartufo

images/stories/ricette_laura/FarroPomodoriniRucolaTartufo1.JPG

Il farro (triticum dicoccum) è il cereale più antico tra tutti quelli pervenuti fino ai giorni nostri. Già coltivato dagli Italici, per molti secoli ha rappresentato la coltura comune a tutti i popoli latini. I Romani lo usavano per fare il "Puls", una minestra di cereali bolliti, oppure focacce azzime e lo davano come premio ai soldati per le battaglie vinte. In Umbria, a Monteleone di Spoleto, c’è la prima Dop d’Europa. La nuova ricetta che arriva da Casa Spineto ha come protagonista proprio il farro…

 

(TurismoItaliaNews) Farro all’olio extravergine di oliva con rucola, pomodorini e scaglie di tartufo è la nuova ricetta che propone Laura Bosi Celletti da Casa Spineto in esclusiva per i lettori di TurismoItaliaNews.it. Il farro Dop di Monteleone di Spoleto necessita, per il consumo alimentare, di una operazione supplementare detta bollitura, operazione effettuata con le mole ad acqua. Questo farro si semina in alta quota a fine inverno – inizio primavera e si raccoglie a fine agosto con la mietitrebbia. Si tratta di un prodotto integrale equilibrato in tutti i suoi componenti (acidi grassi insaturi, oligominerali, vitamine con particolare riferimento a quelle gruppo B e sali minerali) oltre che altamente energetico. Ed ecco il procedimento, occhio agli ingredienti.

INGREDIENTI PER 4 PERSONE

-300 gr. di farro Dop di Monteleone di Spoleto

-200 gr. di rucola

-10 pomodorini

-1 cipolla fresca

-2 cucchiai di olio extravergine di oliva per la cottura del farro

-4 cucchiai di olio extravergine di oliva per il condimento del farro

-1 cucchiaino di sale fino iodato

-1 piccolo tartufo nero estivo di Norcia

PROCEDIMENTO

Sciacquare bene il farro, scolarlo e metterlo in una pentola (dove di solito cuocete la minestra) insieme alla cipolla, ad un bicchiere di acqua, un pizzico di sale grosso iodato e l’olio extravergine di oliva. Accaldellate aggiungendo man mano dell’acqua calda salata fino a quando il farro risulterà morbido(circa 25 minuti).

Fare riposare 10 minuti, poi scolare il farro e passarlo sotto l’acqua fredda. In un piatto fondo e capiente mettere la rucola con i pomodorini tagliati a pezzettini, il sale fino e l’olio extravergine di oliva. Mescolare e aggiungere il farro continuando l’operazione. Servire con le scaglie di tartufo e del pane bruschettato, finemente tagliato.

 

Chi siamo

TurismoItaliaNews, il web magazine che vi racconta il mondo.

Nasce nel 2010 con l'obiettivo di fornire un'informazione efficace, seria ed obiettiva su tutto ciò che ruota intorno al turismo...

Leggi tutto

Questo sito utilizza cookie, di prima e di terza parte, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la Cookie Privacy...