MOSTRE | A Genova "Sinibaldo Scorza - Favole e natura all'alba del Barocco", prima retrospettiva dedicata al raffinato miniaturista

images/stories/varie_2017/GenovaSinibaldoScorza01.jpg

 

(TurismoItaliaNews) "Sinibaldo Scorza, Favole e natura all'alba del Barocco" è il titolo della prima retrospettiva dedicata al pittore (1589-1631), raffinato miniaturista: a Genova, fino al 4 giugno 2017, a Palazzo della Meridiana sono in mostra una sessantina di opere tra dipinti e disegni.

La mostra, a cura di Anna Orlando e incentrata sul protagonista della pittura genovese ed europea del primo Seicento, già dal titolo focalizza la capacità di questo maestro di trasporre sulla tela il racconto, partecipato e personale, di situazioni, atmosfere e ambienti. Accanto ai soggetti mitologici, come Circe e Orfeo, vi sono quelli in cui lo Scorza manifesta la propria passione per il mondo vegetale e animale, descritto con una qualità di dettagli che lo avvicina ad Albrecht Durer, Paul Brill o Jan Brugel, ossia ai maestri fiamminghi che l'artista vide nelle collezioni genovesi del tempo, studiò e copiò.

La sua attività si svolge nel paese natale, Voltaggio, prima del trasferimento a Genova intorno al 1604; a Torino come pittore di corte per Carlo Emanuele I di Savoia dal 1619 al 1625; in esilio per sospetto tradimento negli anni della guerra tra Genova e i Savoia nel 1625-1627, si reca a Massa e a Roma; nuovamente a Genova dal 1627 fino alla morte, avvenuta quando ha solo 41 anni, nel 1631. Scorza fu anche raffinato miniaturista, incisore, nonché straordinario e indefesso disegnatore: a quest'ultimo, specifico aspetto della sua produzione, i Musei di Strada Nuova, in Palazzo Rosso, a pochi passi dal Palazzo delle Meridiana, riservano una mostra parallela. Per la rassegna genovese sono state riunite oltre sessanta opere, a documentare il meglio della produzione dello Scorza e degli artisti con cui si è formato o si è confrontato.

Ai dipinti, la mostra affianca anche una selezione di circa trenta tra disegni, incisioni e miniature, a voler evidenziare anche questi aspetti della poliedrica personalità artistica dello Scorza. Completa l'esposizione un catalogo, edito da Sagep, che è di fatto la prima monografia sul pittore e che racconta come sarà proprio il suo paese natale, Voltaggio (Genova), a costituire il terzo polo di questo progetto, dove, dopo la chiusura delle due mostre genovesi, saranno organizzati eventi e percorsi di approfondimento.

Genova, Palazzo della Meridiana, sal. S. Francesco, 4 (angolo via Garibaldi)
Da martedì a venerdì 12-19; sabato e domenica 11-19; lunedì chiuso
Biglietto intero 10 euro; ridotto 7 euro; scuole 5 euro; cumulativo con mostra a Palazzo Rosso, Musei di Strada Nuova 12 euro.
Catalogo: Sagep, 32 euro (25 euro in mostra)
www.palazzodellameridiana.it

Questo sito utilizza cookie, di prima e di terza parte, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la Cookie Privacy...