Salento: a Parabita per vedere "a corsa ti curraturi" in onore della Madonna della Coltura

Un antichissimo monolito con l’immagine della Madonna, di pregevolissima fattura, casualmente ritrovato secondo la tradizione da un contadino che stava arando il proprio terreno, è al centro di una partecipatissima festa che nel mese di maggio si tiene a Parabita, nel cuore del Salento, in Puglia. Luminarie artistiche illuminano di mille colori questa cittadina che ha reso Santa Maria della Coltura sua protettrice. Non solo: una cascata di fuochi d’artificio si accompagna ad una illuminazione hi-tech della Basilica, che ogni anno attrae e coinvolge migliaia di persone.

 

(TurismoItaliaNews) L’appuntamento per il 2015 è fissato dal 23 al 25 maggio, quando ancora una volta come accade da centinaia di anni si rinnoverà la devozione per questa immagine sacra che conserva sull'altare maggiore della Basilica il monolito con l'affresco della Vergine, ricordandone il ritrovamento con una serie di eventi. L'affresco è di pregevolissima fattura e risale al XII secolo circa, dunque di stile chiaramente bizantino. La tradizione racconta che il monolito è stato rinvenuto da un contadino mentre stava arando il suo campo in contrada Pane: l'aratro aveva urtato qualcosa sotto la terra bloccandosi e i buoi non erano riusciti a procedere, inginocchiandosi. Incuriosito, l’uomo si era messo a scavare portando alla luce la sacra immagine.

Il fatto viene fatto risalire alla seconda metà del XIV secolo dato che già alla fine di quel secolo si parla di una Cappella dedicata alla Madonna. E la vicenda potrebbe ricollegarsi direttamente alle incursioni saracene, quando i monaci Basiliani approdati sulle coste del Salento per sfuggire al divieto di Leone III l'Isaurico imperatore d'Oriente che nel 726 aveva dato il via all'iconoclastia (ovvero alla persecuzione delle immagini sacre), furono costretti di nuovo a scappare portando con loro le immagini sacre, quelle che potevano trasportare; nascosero le altre più voluminose e pesanti sotterrandole, forse con la speranza di poterle recuperare in tempi più propizi. Quando il contadino ritrovò il monolito, corse in paese per avvisare tutti.

 

Ed è stato così, secondo la ricostruzione, che a Parabita oggi si può venerare l’immagine della Madonna chiamata Santa Maria della Coltura. Una storia di cui qui a Parabita, in provincia di Lecce, vanno decisamente orgogliosi, a giudicare dall’imponenza dei festeggiamenti annuali in onore della protettrice. A partire dalla gara podistica, chiamata "a corsa ti curraturi", in cui i giovani della cittadina ripetono il percorso che fece quel contadino dal suo campo fino all’abitato. A mezzogiorno della domenica dedicata alla Madonna della Coltura, che si festeggia appunto l'ultima domenica di maggio, i “curraturi” – in un appuntamento ineludibile per i parabitani e per molti turisti - simulano la corsa dell’uomo fermandosi ai piedi della statua della Madonna ferma "a sutta a porta" (il punto in cui sorgeva una delle tre porte della cinta muraria di Parabita, la Porta di Gallipoli).

In quel fatidico mezzogiorno di domenica tutta via Coltura si riempie di gente e fra due ali di gente che applaudono passano i “curraturi” a ricordare un avvenimento che con i secoli ha caratterizzato Parabita, la sua cultura, la sua storia, la sua dimensione religiosa. “Per noi è un grande evento – ci spiega Leonardo Negro, appassionato fotografo di Parabita che documenta la festa in ogni suo dettaglio – un appuntamento assolutamente da non perdere, perché appartiene alla nostra storia”. Ma gli altri appuntamenti da non perdere sono i fuochi d’artificio che “incendiano” il bel campanile della basilica e l’illuminazione artistica della cittadina.

 

Parabita si trova quasi al centro del Salento, a circa 40 km da Lecce; dista circa 12 km da Gallipoli e dal Mar Jonio, mentre si trova a circa 35 km dal Capo di Santa Maria di Leuca e da Otranto, sul Mar Adriatico.

Per saperne di più
www.comune.parabita.le.it
www.parabitalife.com

 

 

turismo italia news
turismoitalianews
TurismoItaliaNews.it
www.facebook.com/turismoitalianews
www.twitter.com/turismoitalianw

Chi siamo

TurismoItaliaNews, il web magazine che vi racconta il mondo.

Nasce nel 2010 con l'obiettivo di fornire un'informazione efficace, seria ed obiettiva su tutto ciò che ruota intorno al turismo...

Leggi tutto

Questo sito utilizza cookie, di prima e di terza parte, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la Cookie Privacy...